EasyJet: il mercato guarda lontano e vede crescita


Con la presentazione dei buoni risultati del 2023 il management avverte che i prossimi mesi potrebbero risentire della guerra in Medio Oriente. Intanto, però, continua a crescere il flusso delle prenotazioni per il 2024 e i costi del carburante sono sotto controllo


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


La Borsa non coglie il pessimismo: quotazioni +2,9%

EasyJet non fa in tempo a festeggiare gli ottimi risultati del 2023, che subito il management avverte che la guerra in Medio Oriente, i prezzi elevati del carburante e le minacce di recessione hanno ridimensionato le prospettive del 2024, molto buone fino a due mesi fa. Una volta tanto, però, il mercato è meno pessimista dell’azienda e alla Borsa di Londra l’azione EasyJet stamattina sale del 2,3% a 414,60 pence.

Annunciati nella mattina di martedì 28 novembre, i conti dell’esercizio 2022-2023 (chiuso al 30 settembre) mostrano ricavi totali in aumento del 42% a 8,1 miliardi di sterline, rispetto ai 5,7 miliardi del 2022. Il risultato finale è un utile di 346 milioni, che si confronta con la perdita di 169 milioni dell’anno precedente.

I passeggeri trasportati nel corso dell’anno sono stati 82,8 milioni, il 19% in più rispetto all’anno precedente. La compagnia ha aumentato la capacità di posti offerti a 92,6 milioni da 81,5 milioni nel 2022. I ricavi “ancillari” del gruppo hanno registrato un aumento del 51% a 2,9 miliardi di sterline, che equivale a circa 23,47 sterline per ogni passeggero, dalle 19,43 sterline nel 2022.

La Borsa premia i vettori low-cost rispetto alle compagnie tradizionali

Dall’inizio dell’anno l’azione EasyJet è salita del 25%, meno del principale concorrente Ryanair (+43%), ma nettamente meglio delle due principali compagnie tradizionali europee, Lufthansa e Air France-Klm, le cui azioni sono scese dal primo gennaio rispettivamente dell’1% e del 9%.

Bisogna dire che il mercato è propenso a dare valutazioni decisamente più generose ai vettori low-cost, tanto è vero che EasyJet oggi è scambiata a 8,6 volte gli utili previsti per il 2024, Ryanair a 10,3 volte, mentre il P/E di Lufthansa supera a stento le 6 volte e quello di Air France-Klm non raggiunge neanche le 3 volte.

Dopo la comunicazione dei risultati, gli analisti che coprono EasyJet stanno uno dopo l’altro confermando i loro giudizi e target price. A ieri sera, su 19 esperti che seguono il titolo, 11 raccomandano di comprare le azioni e due consigliano di vendere con un target price medio di 610 pence, che implica una previsione di rialzo del 50% nei prossimi 12 mesi. Se il consensus degli analisti (i dati sono di MarketScreener) ci vede giusto, le compagnie aeree sono in questo momento fra le società che offrono i maggiori potenziali di rialzo agli investitori: a Ryanair viene dato un upside del 38%, a Lufthansa del 39%, ad Air France-Klm del 51%.

“I viaggi sono la principale spesa discrezionale delle famiglie”

Come si conciliano previsioni di crescita delle quotazioni con l’avvertimento lanciato stamattina da EasyJet di un peggioramento delle prospettive? Il fatto è che bisogna leggere con attenzione le dichiarazioni. EasyJet ha affermato che la temporanea sospensione dei voli verso Israele e la Giordania ha reso improbabile un miglioramento delle perdite del primo trimestre. Tuttavia, ha aggiunto che il flusso delle prenotazioni, che erano calate all’inizio del conflitto, hanno già iniziato a riprendersi. Johan Lundgren, Ceo di EasyJet, ha dichiarato: "Recenti ricerche sui consumatori evidenziano che circa tre quarti dei cittadini britannici prevedono di spendere di più per le vacanze rispetto all'anno scorso, e che i viaggi continuano a essere la priorità principale per la spesa discrezionale delle famiglie".

Quindi, sembra di capire che i conti del primo trimestre (da ottobre a dicembre 2023) non saranno brillanti come sperato, ma la forza delle prenotazioni per l'estate 2024 continua a fornire prospettive positive per il prossimo anno. Per quanto riguarda il costo del carburante, EasyJet dice di di aver coperto il 76% del suo fabbisogno di jet fuel per la prima metà dell'anno finanziario 2024, mettendosi al riparo dalla volatilità dei prezzi. Nell’esercizio che si è appena chiuso ha pesato l’aumento del carburante del 22%. In generale se si esclude la voce carburante i costi sono saliti del 2%.

Per la prima volta dallo scoppio della pandemia, il board di EasyJet intende proporre la distribuzione di un dividendo di 4,5 pence per azione.


Idea di investimento
Possibile premio del 18,40% annuo con il certificate su Air France-KLM, Airbnb e Tui
Sottostanti:
TUI AGAir France-KLM SAAirbnb Inc
Rendimento p.a.
18,4%
Cedole
4,6% - €46,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VM5FGQ9
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: EZJ.LSE
Isin: GB00B7KR2P84
Rimani aggiornato su: easyJet

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni