Stellantis la spunta in Canada. Più incentivi per la gigafactory


Le sovvenzioni delle autorità canadesi potrebbero arrivare fino a 19 miliardi di dollari canadesi (13 miliardi di euro), compresi i sussidi alla produzione. Deutsche Bank conferma la raccomandazione Buy, Ubs alza il target price a 19 euro.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Il pacchetto di incentivi supera quello ottenuto da Volkswagen

Alla fine Carlos Tavares l’ha spuntata e il Canada ha accettato di elargire maggiori incentivi per ospitare sul suo territorio la nuova fabbrica di batterie di Stellantis. Il Ceo della Casa automobilistica ha concluso con successo un duro confronto con le autorità canadesi, iniziato a maggio con la decisione di Stellantis di bloccare i lavori di costruzione del nuovo sito.

L’impianto, che sarà realizzato in partnership con la coreana LG Energy Solution, sorgerà a Windsor, nell’Ontario, a ridosso del confine che separa il Canada dalla città di Detroit. Il progetto prevede un investimento di oltre 5 miliardi di dollari canadesi, pari a 3,5 miliardi di euro. Bloomberg prevede che grazie al nuovo accordo il pacchetto totale degli incentivi avrà un valore complessivo vicino, o addirittura superiore, a un accordo simile realizzato da Volkswagen per un impianto di batterie che potrebbe costare al governo canadese più di 13 miliardi di dollari canadesi in un decennio, compresi i sussidi alla produzione. Secondo i calcoli di un esperto riportati da Bloomberg, in base all'Inflation Reduction Act l'impianto di Stellantis potrebbe beneficiare di sovvenzioni per 19 miliardi di dollari canadesi (13 miliardi di euro).

Buona reazione del titolo in una Piazza Affari in calo

A metà seduta a Piazza Affari Stellantis è fra i pochi titoli positivi mentre l’indice FtseMib scende dello 0,9%. L’azione del gruppo automobilistico sale dello 0,1% a 16,17 euro. Proprio stamattina Deutsche Bank e Ubs hanno entrambe confermato la raccomandazione Buy. Ubs ha alzato il target price da 17,50 euro a 19 euro. Adesso, su 22 analisti che coprono il titolo le raccomandazioni di acquisto (Buy o Outperform) sono 18 e la media dei target price è 22 euro, più alto del 34% rispetto alla quotazione attuale.

L’importanza dell’Inflation Reduction Act

Bloomberg ricorda che il progetto di costruire una gigafactory in Canada era stato annunciato per la prima volta nel marzo del 2022, ma l'approvazione negli Usa dell'Inflation Reduction Act (IRA), un provvedimento legislativo che prevede forti incentivi per sostenere la transizione ecologica, ha messo in crisi il processo. Dopo che il Canada ha promesso pubblicamente di creare condizioni di parità con i sussidi statunitensi, i colloqui con Stellantis su come realizzare la parità si sono trascinati per molti mesi. Per arrivare all’accordo è stato determinante l’impegno del primo ministro dello Stato dell’Ontario, Doug Ford, che ha annunciato che il suo governo si farà carico di un terzo del costo degli incentivi.

Stellantis punta a una capacità di 400 GWh entro il 2030

Il progetto prevede la realizzazione di una fabbrica con capacità produttiva di 45 gigawattora. Darà lavoro a 2.500 persone e rifornirà gli impianti di assemblaggio di Stellantis in Nord America. La nuova fabbrica canadese contribuirà all’obiettivo di Stellantis di raggiungere una capacità produttiva di 400 GWh entro il 2030, grazie a cinque gigafactory situate in Europa e Nord America e ad altri contratti di fornitura. Un mese fa Stellantis, insieme a TotalEnergies e a Mercedes-Benz, ha inaugurato la gigafactory di Billy-Berclau Douvrin, in Francia, la prima delle tre previste in Europa, che ha iniziato l’attività con una capacità produttiva iniziale di 13 GWh, destinata ad aumentare fino a 40 GWh entro il 2030.

Stellantis ha oggi in listino 24 modelli full-electric, che entro la fine del 2024 verranno quasi raddoppiati arrivando a 47. Entro il 2030 l’obiettivo di Stellantis è di arrivare a un’offerta totale di oltre 75 veicoli elettrici a livello mondiale, con la previsione di raggiungere vendite annuali globali pari a 5 milioni di veicoli elettrici.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Premi incondizionati del 10,20% annui con il certificate su Intesa Sanpaolo, Stellantis e UniCredit
Sottostanti:
UniCredit S.p.AStellantis NVIntesa Sanpaolo
Rendimento p.a.
10,2%
Cedole
2,55% - €2,55
Memoria
no
ISIN
DE000VU8N0V1
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: STLA.MI
Isin: NL00150001Q9
Rimani aggiornato su: Stellantis

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni