Tesla, sale il valore del software: FSD a 12.000 dollari

tesla titolo

Il costo del sistema di guida (Full Self Driving) cresce del 20%. La nuova versione migliora le prestazioni, ma è ancora lontana dall’essere un vero autopilota in grado di condurre la vettura in autonomia. Musk: quando ci arriveremo potrà costare anche 10.000 dollari


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Software in prova già nel 2021 sulle auto dei clienti “più sicuri”.

Per tornare ad attirare l’attenzione su Tesla, venerdì 7 gennaio Elon Musk ha annunciato via tweet che è in arrivo una nuova versione del sistema di guida autonomo e che inevitabilmente il prezzo salirà.

Finora i proprietari di una Tesla che volevano installare sulla loro auto il sistema FSD (Full Self Driving) dovevano pagare 10.000 dollari. Pur essendo progettato per essere un sistema in grado di condurre il veicolo da un punto di partenza a un punto d’arrivo definito, oggi l’FSD richiede sempre che ci sia un guidatore attivo, anche se la maggior parte delle operazioni di guida sono svolte in maniera autonoma dall’automobile.

Quella che Musk ha annunciato venerdì è la nuova versione dotata di funzioni più avanzate. Il software è già stato installato l’anno scorso sulle auto dei clienti ritenuti i guidatori più sicuri, sulla base di un punteggio che Tesla assegna analizzando le modalità di guida dei proprietari dei suoi veicoli. Di miglioramento in miglioramento, Tesla punta a creare un sistema che permetta al veicolo di muoversi completamente da solo, senza che il guidatore debba prestare la minima attenzione. Questo traguardo, ha detto Musk in recenti interviste, potrebbe essere raggiunto entro il 2022.

Per ora il rincaro riguarda solo i clienti in Usa.

Musk ha annunciato che il prezzo della nuova versione dell’FSD salirà a 12.000 dollari a partire dal 17 gennaio, ma riguarderà solo i clienti negli Stati Uniti.

In passato Tesla ha aumentato molte volte il prezzo del suo software Full Self-Driving e Musk in più occasioni ha detto che il prezzo continuerà a salire man mano che il software si avvicinerà alla piena capacità di guida autonoma. Si prevede che il prezzo finale sarà “superiore a 100.000 dollari”.

Il software fornisce la capacità di cambiare automaticamente le corsie, entrare e uscire dalle autostrade, riconoscere i segnali di stop e i semafori, e parcheggiare. Tuttavia, non rende un veicolo completamente autonomo, come avverte l'azienda nella sua pagina di abbonamento: “Le caratteristiche attualmente abilitate richiedono un conducente completamente attento, che ha le mani sul volante ed è pronto a prendere il controllo in qualsiasi momento”, si legge nel sito web.

Il ritocco del listino influenzerà le quotazioni?

Nel weekend non sono mancati gli investitori che si sono chiesti se il ritocco del listino avrà affetti sulle quotazioni di Borsa. Un ragionamento circolato è che se la Casa si sente di alzare i prezzi è perché ha fiducia nel buon funzionamento del sistema FSD, e questo potrebbe influenzare positivamente gli investitori. Dall’altra parte, però, potrebbe esserci una reazione negativa del mercato con un calo delle vendite del software di guida.

In realtà, osserva Barron’s (autorevole testata del gruppo Wall Street Journal), a muovere il titolo Tesla sono i dati sulle vendite di auto e non di sistemi di guida. Lunedì scorso, 3 gennaio, la quotazione di Tesla ha fatto un balzo all’insù del 13% dopo la diffusione dei risultati record di vendita del quarto trimestre 2021, chiuso con 308.000 veicoli consegnati, molto meglio delle previsioni degli analisti.

Nelle successive quattro sedute il titolo ha inanellato quattro pesanti ribassi, arrivando a perdere complessivamente il 14%. Tesla non è scampata all’ondata di vendite che ha colpito tutto il settore dei titoli tech, e in generale quelli growth (più legati alla crescita economica), dopo che la Fed ha fatto sapere che ci sarà una accelerazione verso il rialzo dei tassi di interesse. Dall’inizio dell’anno le azioni Tesla sono ora in ribasso del 4%, l’indice Nasdaq Composite è sceso del 5,1%.

Il consensus degli analisti indica un target price medio di 936 dollari, più basso dell’8,8% rispetto al prezzo di chiusura di venerdì di 1.026,99 dollari.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Idea di investimento
Isin: DE000VX3LMG8
Possibile rendimento Annuo del 22% con il certificate su Tesla, Beyond Meat e Tui
Sottostanti:
Tesla IncTUI AGBeyond Meat Inc
Rendimento annuo:
22%
Cedole:
5,5% - €5,50
Barriera Capitale:
50%
Barriera Cedole:
86%
Maggiori Informazioni

Isin: DE000VX49YS2
Possibile rendimento annuo del 21,528% con il certificate su Tesla e NIO
Sottostanti:
NIO LimitedTesla Inc
Rendimento annuo:
21,528%
Cedole:
5,382% - €53,82
Barriera Capitale:
60%
Barriera Cedole:
60%
Maggiori Informazioni


I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: TSLA.US
Isin: US88160R1014
Rimani aggiornato su: Tesla

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni