ADR, cosa sono le American Depositary Receipt


Gli American Depositary Receipts o ADR permettono di negoziare azioni estere quotate sui mercati azionari statunitensi. Quali sono i loro vantaggi e svantaggi.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Che cos'è un American Depositary Receipt (ADR)?

Come investire su titoli esteri? Esistono numerose possibilità d’investimento per inserire nel proprio portafoglio delle azioni estere, come fondi d’investimento, indici ed ETF.

Ma se si volesse puntare su un singolo titolo straniero? Si potrebbe acquistare l’azione nella rispettiva borsa nazionale dell’azienda. Tuttavia, a seconda del broker, l'investitore potrebbe non avere accesso diretto a un mercato estero, oppure tali transazioni potrebbero essere soggette a commissioni elevate.

Il rimedio a questi problemi sono gli ADR – acronimo inglese di American Depositary Receipt. Si tratta di ricevute di deposito emesse da una banca depositaria statunitense e quotate nelle borse degli Stati Uniti ma che rappresentano azioni di una società estera.

Generalmente, sui mercati azionari d’oltreoceano, i titoli delle società estere sono negoziati prevalentemente come ADR, in particolare i titoli provenienti da mercati azionari difficilmente accessibili, come ad esempio i mercati cinesi. Titoli come TSMC, Alibaba e Petrobras sono quotate sui mercati Usa come ADR.

Le principali banche depositarie che emettono ADR sui mercati Usa sono Citibank, JP Morgan, Bank of New York Mellon.

I vantaggi delle ADR

Gli ADR sono ampiamente diffusi nel mondo finanziario perché appositamente pensati per semplificare la negoziazione delle azioni di società straniere. Se ad esempio un investitore statunitense intende acquistare un'azione estera non offerta come ADR, è costretto a scambiare dollari statunitensi con una valuta estera certamente meno diffusa (dipendendo quindi dal tasso di cambio), aprire un conto di intermediazione estera e quindi acquistare il titolo di interesse su una valuta estera.

Lato società, gli ADR permettono alle imprese straniere di accedere al mercato azionario statunitense, oltre che incrementare la notorietà e la pubblicità che deriva da quotazione a Wall Street.

ADR: quali rischi

Poiché gli ADR sono emessi da società non statunitensi, comportano alcuni rischi inerenti tutti gli investimenti esteri. Questi includono:

  • Rischio di cambio: per comodità, gli ADR sono prezzati in dollari, ma rimane comunque il rischio che la valuta nel paese della società emittente scenda rispetto al dollaro USA, rendendo i prezzi ADR più volatili
  • Rischio politico: il rischio che cambiamenti politici o di regime nel paese della società emittente, così come sanzioni commerciali, compromettano i tassi di cambio o destabilizzino la società
  • Commissioni più elevate: alcuni ADR sono soggetti a commissioni più elevate rispetto alle azioni tradizionali per compensare la banca depositaria per la fornitura di servizi di custodia. Le informazioni su tali commissioni dovrebbero essere disponibili nel prospetto ADR. Per gli ADR che riscuotono questa commissione, può essere detratta dal dividendo, se la società ne paga uno, oppure può apparire come commissione separata sull'estratto conto mensile.

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy