Biden: Ucraina prima battaglia tra democrazie e autocrazie


Mercati nervosi, anzi nervosissimi. Proviamo però a uscire dalle logiche del momento e prima analizziamo l'impatto dei rialzi dei tassi sulla spesa degli americani, poi ci spostiamo a leggere il discorso di Biden che avrebbe spaventato ieri i mercati. I portafogli di medio lungo periodo devono essere costruiti dribblando il nervosissimo per individuare lo scenario economico che ci accompagnerà per diversi anni. Bene i risultati di Bpm, oggi ci aspettiamo mercati difficili e calo dei tech europei.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Tassi sui mutui al 5%

Dopo aver introdotto l’andamento nervoso dei mercati con il Nasdaq che un giorno sale del 3% e il giorno dopo perde il 5% approfondiamo la capacità di spesa degli americani e il mondo immobiliare Usa.
Ci chiediamo quanto fanno male nelle tasche degli americani i tassi sui mutui al 5%. In media si calcola un aumento delle rate pari a 300 dollari al mese, capace di contrarre la spesa dei consumatori.
Dal primo trimestre 2020 al quarto 2021 si calcola che i consumatori americani avrebbero incrementato i loro risparmi di 2,7 mila miliardi di dollari, un mare di liquidità che sta tenendo alta la domanda e dunque l’inflazione.
Il tasso di risparmio però è sceso e difficilmente nel lungo periodo questo non si farà sentire sulla spesa degli americani.

Il discorso di Biden

Secondo alcuni osservatori, il deciso calo dei mercati sarebbe stato originato ieri dalla rivisitazione del discorso del presidente Usa, Joe Biden alla Lockheed Martin. Non ci sembra particolarmente aggressivo ma è interessante quindi vi consigliamo di leggerlo (qui il testo).

Biden ha dichiarato che per evitare una terza guerra mondiale è importante fermare subito Putin fornendo armi in Ucraina ma senza entrare direttamente sul campo.
Il presidente Usa poi ha parlato di uno scenario più di lungo periodo di contrasti fra le democrazie e le autocrazie, citando il pensiero di Xi Jinping contro la democrazia.
In particolare il leader cinese, con cui avrebbe speso più tempo di tutti gli altri leader al telefono, crede che per governare i repentini cambiamenti della società di oggi le democrazie fanno una notevole fatica perché non riescono ad aggregare velocemente il consenso, mentre per le autocrazie questo è più facile.
Nulla di nuovo sotto il sole a parte che preoccupa l’aver messo nero su bianco questa visione così diversa e aver parlato della Lockheed Martin come dell’arsenale delle democrazie. Inoltre lo scenario è quello di possibili altri scontri non si è capito di che tipo, ma Biden più che sul lato militare si è concentrato sul tema della produzione in casa propria di chip e altro materiale di alta tecnologia.

Italia

Bene i risultati di Banco Bpm e Leonardo.