Borse dell’Europa verso un avvio in rialzo, tornano gli eurobond


La nuova emissione di debito comunitaria sarebbe in risposta agli Stati Uniti, che con l’Inflation Reduction Act, lanciano una sfida competitiva all’Europa: di euro bond parla il presidente del Consiglio Europeo, Charles Michel, in un’intervista pubblicata ieri da vari giornali europei. I fondi attivisti vanno in pressing sulla dirigenza dei grandi nomi dei tech, Elliot entra in forze in Salesforce. Mercati cinesi chiusi per i festeggiamenti dell’anno lunare.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Le borse entrano questa settimana in un’area di quiete, inizia infatti il periodo di black out delle dichiarazioni pubbliche dei membri del Federal Open Market Committee (FOMC), l’organo della Federal Reserve che stabilisce le linee guida della politica monetaria degli Stati Uniti. La riunione che precede le comunicazioni sui tassi inizia il 31 gennaio e termina mercoledì nel primo pomeriggio ora italiana.

Oltre all’assenza di dichiarazioni lato Fed, c’è anche la chiusura per i festeggiamenti del Capodanno lunare di una parte considerevole di mercati finanziaria in Asia. 

FED

Venerdì l’ultima serie di prese di posizione da parte dei membri del FOMC ha favorito il rimbalzo dell’S&P500 di Wall Street, l’indice benchmark è salito di quasi il 2% dopo quattro sedute di ribasso. Le parole più rilevanti sono arrivate dal governatore Christopher Waller, membro del comitato che in passato si era sempre dichiarato a favore di azioni aggressive contro l’inflazione. Nel suo intervento di venerdì ad un evento organizzato a New York dal Consiglio per le Relazioni Internazionali, Waller ha rilasciato dichiarazioni da moderato, affermando che è arrivato il momento di scelte equilibrate, in quanto siamo vicinissimi ad un livello di costo del denaro che porta a condizioni finanziarie restrittive. Waller si è schierato a favore di un rialzo di venticinque punti base, incremento che porterebbe i tassi al 4,50% (range inferiore) dall’attuale 4,25%.

In Asia, sono chiuse le borse di Shanghai, di Hong Kong, di Singapore e di Seul. Il Nikkei di Tokyo guadagna oltre l’1%. Mumbai ha aperto in rialzo dello 0,5%. Le borse dell’Europa dovrebbero aprire in rialzo, il future del Dax di Francoforte guadagna lo 0,4%.

I future di Wall Street sono in lieve calo.

SALESFORCE

Nel colosso dei software per la gestione delle vendite aziendali, ha fatto irruzione Elliott Investment Management, fondo attivista già protagonista di offensive contro le dirigenze non sufficientemente attente agli interessi dei soci. Il Wall Street Journal ha scritto stanotte che l’ingresso è avvenuto in forze, la quota rilevata vale alcuni miliardi di dollari. SalesForce è uno dei nomi di punta dell’high tech degli Stati Uniti, lo è anche oggi, ad un valore di borsa di circa 150 miliardi di dollari, ma lo era di più un anno e mezzo fa, quando ne valeva il doppio. Oltre alla discesa dei prezzi c’è anche il ridimensionamento dei piani di espansione annunciato a inizio mese, insieme al licenziamento del 10 per cento della forza lavoro. “Ci aspettiamo di lavoro in modo costruttivo con Salesforce”, dice Jesse Cohn, partner del fondo che in passato è stato nel board di Twitter e di altre importanti società dell’high tech californiano.

EUROBOND

Il varo dell’Inflazione Reduction Act negli Stati Uniti sta mobilitando l’Europa, per parlare di una risposta al provvedimento accusato di creare distorsioni al commercio internazionale, si sono trovati ieri a Parigi, Emmanuel Macron ed Olaf Scholz: al termine dell’incontro, i due leader hanno dichiarato risposte adeguate nel giro di poche settimane. Il presidente del Consiglio d’Europa, Charles Michel, ha anticipato ieri ad alcune testate giornalistiche che l’Europa deve reagire alla minaccia competitiva degli Stati Uniti rafforzando la sua coesione con un nuovo programma comunitario di emissioni di debito. Il secondo giro di eurobond, dopo quelli dello SURE, dovrebbero permettere a tutti i paesi di affrontare la transizione aree,

L’euro si apprezza su dollaro a 1,088, +0,3%. La valuta statunitense è in calo sulla maggior parte delle controparti.Poco mosse le materie prime.

TITOLI

Intesa Sanpaolo ha risposto nella serata di venerdì alle indiscrezioni di Bloomberg, la società ha ribadito che rispetterà i termini del piano industriale.

Eni. Claudio Descalzi sarà probabilmente nominato per la quarta volta AD di Eni nella tornata di nomine prevista in primavera. Secondo quanto riferiscono due fonti governative, Descalzi gode dell'apprezzamento del premier Meloni e dei suoi più stretti collaboratori e non dovrebbe essere messo in discussione.

Unicredit. Da quando ha preso le redini del gruppo, l'Ad Andrea Orcel ha tagliato nettamente le spese legate alle consulenze esterne. Lo riferisce una fonte, confermando quanto scritto dal Financial Times.

Tim ha collocato con successo un bond a 5 anni da 850 milioni di euro.

Juventus. La Corte Federale di Appello della Figc ha disposto una penalizzazione di 15 punti per la squadra di Serie A nell'ambito del processo sulle plusvalenze nei trasferimenti dei calciatori.La società ha nominato Francesco Calvo come Chief football officer.

Cnh Industrial. Gli appartenenti a due sindacati presso gli stabilimenti statunitensi del gruppo in Wisconsin e Iowa hanno raggiunto sabato un accordo su un nuovo contratto di lavoro, ponendo fine allo sciopero iniziato lo scorso maggio. Lo ha riferito il sindacato United Auto Workers.


Idea di investimento
Possibile rendimento del 12% annuo con il certificate su Deutsche Bank, Société Générale e UniCredit
Sottostanti:
UniCredit S.p.ASociété GénéraleDeutsche Bank Aktiengesellschaft
Rendimento p.a.
12%
Cedole
3% - €30,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VU2EFX7
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy