Dopo la tempesta perfetta il mercato oggi prova a rialzare la testa


Le accuse vanno tutte contro la Federal Reserve rea di aver messo davanti la lotta all’inflazione rischiando di deprimere la crescita. Troppi messaggi confusi o forse Powell ha semplicemente detto quello che il mercato non voleva sentirsi dire. Il tema è anche più complesso e riguarda la potenza dell’arsenale della Fed.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Prove di rimbalzo delle Borse dopo che ieri è andata di scena “la tempesta perfetta”, con quel -4% del Nasdaq, -3,25% dell’S&P5090 e per Piazza Affari la giornata si è conclusa con un -3,3%.

I future sull’Euro Stoxx 50 guadagnano lo 0,4%, il derivato sull’S&P500 si rafforza dello 0,6%

Il Nikkei 225 giapponese perde l'1,7%, Seng di Hong Kong guadagna lo 0,9%. Il Csi 300 cinese sale dell’1,1%.

I giornali titolano delusioni dalle banche centrali

Il tema è molto più complesso. La Fed nei fatti ha chiarito che preferisce combattere l’inflazione a discapito della crescita. Ma Powell ieri ha insistito sul fatto che la banca centrale non sta deliberatamente cercando di causare una recessione e che l'economia è su basi solide.

Il mercato non sembra credergli. Le inversioni di rotta di Powell ormai sono diverse e la sensazione è che il numero uno della Fed preferisca cercare di tranquillizzare i mercati piuttosto di dire fino in fondo cosa pensa. Per altri è sincero.

Gli attacchi contro Powell sono forti. Nel loro insieme, i commenti di Powell "sono apparsi confusi, privi di fiducia e in aumento dei rischi per la stabilità macroeconomica e finanziaria", ha detto Bespoke Investment Group in una nota del cliente.

Powell ha enfatizzato la lotta all'inflazione alimentare e del carburante, che sono generalmente considerati temi al di fuori della sfera di competenza della Fed.

"Non solo la Fed sta prendendo di mira esplicitamente la variabile sbagliata e mettendo da parte la forward guidance, ma sembra anche essere troppo ottimista sulla crescita a breve termine. La descrizione di Powell della spesa dei consumatori come "forte" in mezzo a "nessun segno di un rallentamento più ampio dell'economia" aggiunge alla nostra preoccupazione che la Fed sia dietro la curva e di conseguenza precipiti verso un errore politico ", ha detto Bespoke.

"Come minimo, la crescita stava per rallentare anche prima che la Fed iniziasse a premere sul freno", ha detto Tom Porcelli, capo economista statunitense di RBC Capital Markets. "Le prove su questo stanno apparentemente crescendo su una base abbastanza coerente ora ... Con tutto il rispetto per il commento [di Powell], non è coerente con i dati sul campo".

Dati macro Usa

Solo giovedì, i dati immobiliari di maggio hanno mostrato un rallentamento mensile del 14,4% delle abitazioni in un momento in cui c'è una carenza cronica di case. Una lettura manifatturiera della Fed ha mostrato una continua contrazione nella regione di Filadelfia. Anche le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono state più alte del previsto.

Questi dati si accumulano su altri punti recenti: l'inflazione ai massimi degli ultimi 41 anni, la fiducia dei consumatori ai minimi storici e la spesa al dettaglio in calo a prezzi drammaticamente più alti.

Il tema sembra molto più complesso: la Fed ha le armi per combattere questo tipo di inflazione? La lotta all’inflazione è da privilegiare alla crescita economica? Sarebbe stato meglio aspettare un rallentamento economico o alzare i tassi e poi dover correre ad abbassarli? Perché questa modalità di comunicazione, prima indichi un rialzo a 50 punti poi diventano 75. Powell parla di economia forte, ci crede o tecnica comunicativa? Troppo forse anche per la Fed.

Il Treasury Note a dieci anni è a 3,22% di rendimento. Il biennale è sceso a 3,14%.

Bce

Da parte nostra, accusare le banche centrali all’unisono è sbagliato: la Bce e lo scudo antispread è una mossa che potrebbe fare bene. Bisogna però passare dalle parole ai fatti dettagliando gli interventi.

Oggi il Btp a 10 anni rende il 3,7% e lo spread e vicino a 202 punti. Ieri i governativi italiani hanno recuperato le perdite per poi passare decisamente in territorio positivo, un movimento iniziato dopo indiscrezioni sul nuovo strumento anti-frammentazione della Bce.

La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha detto ai ministri delle finanze dell'area dell'euro che il suo nuovo strumento anti-crisi entrerà in funzione se i costi dei prestiti per la nazione più debole aumenteranno troppo o troppo velocemente, secondo le persone informate sulle loro discussioni. Lagarde ha spiegato in una riunione giovedì che il nuovo meccanismo che i funzionari della BCE stanno escogitando ha lo scopo di impedire che movimenti irrazionali del mercato esercitino pressioni sulle singole nazioni dell'euro mentre la banca centrale intraprende i suoi primi aumenti dei tassi di interesse in più di un decennio. L'euro è salito dell'1,2% a $ 1,0580, il livello più alto della sessione, secondo le notizie.

Il governatore di Banca d'Italia Ignazio Visco ha detto che lo spread Italia-Germania dovrebbe essere sotto i 150 punti e che sopra i 200 punti è ingiustificato, visti i fondamentali economici. Visco ha aggiunto che lo strumento di Francoforte in via di definizione servirà ad assicurare un impatto di politica monetaria uniforme su basi durature e solide, e che a suo parere la percezione dei mercati di una Bce 'hawkish' non è corretta. Sul tema è intervenuto anche il premier ed ex numero uno della Bce Mario Draghi, che ha definito "inevitabile" il rialzo dei tassi sottolineando però che il percorso di Francoforte sarà più graduale rispetto a quello Usa, data la diversa situazione economica nella zona euro.

Al momento i mercati monetari prezzano rialzi per circa 190 punti base da parte di Francoforte entro fine anno dai circa 140 di mercoledì.

BTP ITALIA

Il Tesoro oggi comunica la cedola reale minima garantita del nuovo Btp Italia, l'indicizzato all'inflazione italiana con scadenza giugno 2030 che verrà offerto dal 20 al 23 giugno.

Banca del Giappone

Al termine del meeting la Banca del Giappone ha mantenuto invariati i tassi di interesse e la guidance che prevede costi ai livelli "attuali o più bassi", segnalando di volersi concentrare sul sostegno alla debole ripresa dell'economia. Ha però indicato di stare monitorando da vicino i movimenti dello yen.

Ucraina

Italia, Germania e Francia sostengono lo status "immediato" di candidato membro nell'Ue dell'Ucraina. Lo hanno detto ieri durante una visita a Kiev i leader dei tre Paesi tra cui Draghi, che ha sottolineato la necessità di una risoluzione Onu che regoli la creazione di corridoi sul Mar Nero per sbloccare l'export di grano ucraino. Oggi la Gran Bretagna ospita colloqui sulla ricostruzione di infrastrutture chiave a Kiev, mentre prosegue l'intensa offensiva russa nell'est.

Il presidente Volodymyr Zelensky ribadisce: più armi avrà l'Ucraina, più rapidamente potrà liberarsi. Intanto Mosca si dice pronta a colloqui di pace e accusa dello stallo Kiev.

Niente Gas

Mosca mente quando attribuisce a problemi tecnici il recente calo delle esportazioni di gas, ha dichiarato Draghi in occasione della visita a Kiev.

Il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani ha detto che il governo è pronto a mettere in campo contromisure se il taglio delle forniture di gas all'Italia dovesse continuare, aggiungendo che per ora il danno è "limitato".

Secondo Wood Mackenzie, l'Europa rischia di esaurire le scorte di gas naturale nel bel mezzo del picco della domanda invernale se le forniture della Russia attraverso un gasdotto critico si interrompessero completamente. Nello scenario peggiore in cui il gasdotto Nord Stream verso la Germania è completamente chiuso, l'Europa non riuscirà a raggiungere i livelli di stoccaggio che l'Unione Europea ha ordinato entro l'inizio della stagione di riscaldamento a novembre e la regione potrebbe esaurire completamente le scorte entro gennaio. Il gigante del gas russo Gazprom ha ridotto drasticamente le forniture ai clienti in Italia, Germania, Francia e Austria negli ultimi due giorni con una mossa che ha sconvolto i mercati energetici e alimentato un nuovo rally dei prezzi.

Usa-Cina

Secondo un funzionario Usa si lavora a una possibile telefonata, quest'estate, tra il presidente Joe Biden e l'omologo cinese Xi Jinping. L'ultima conversazione tra i due risale a marzo, con gli Usa preoccupati per il potenziale sostegno cinese a Mosca nell'ambito della guerra in Ucraina.

Prezzi zona euro

Sul lato macro, riflettori in mattinata sul dato finale relativo all'inflazione a livello di blocco a maggio, che dovrebbe confermare l'8,1% su anno della lettura preliminare.

Materie prime

Il petrolio Brent è in lieve calo dello 0,3% dopo il rialzo di ieri e tratta a 119,46 dollari al barile

L'Oro perde lo 0,6% a 1.845 dollari.

Tra i titoli a Piazza Affari segnaliamo

Attesa forte Fincantieri dopo essersi aggiudicata una commessa dalla marina usa per 556 milioni di dollari.

Enel ha firmato gli accordi relativi alla cessione dell'intera partecipazione detenuta nel capitale di Enel Russia, pari al 56,43%, per un corrispettivo totale di circa 137 milioni di euro.)

Gazprom ha avvertito ieri Eni che avrebbe soddisfatto solo il 65% dei volumi richiesti per la giornata.

La holding della famiglia Garrone-Mondini e Ifm Investors hanno deciso di formare una partnership strategica di lungo termine per consolidare la posizione del gruppo di attore chiave nella transizione energetica. Ifm acquisterà inizialmente il 35% di una nuova holding che deterrà il 62,5% di Erg.

Ferrari si impegna a produrre auto "ancora più uniche" nel costoso passaggio a modelli a emissioni zero e punta a portare le vendite dei modelli elettrici e ibridi all'80% del totale entro il 2030, ha dichiarato il gruppo di Maranello in occasione della presentazione del nuovo piano 2022-2026.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy