Gli ottimi dati macro Usa riaccendono i timori di una Fed più aggressiva


Migliora ancora l’occupazione Usa e il mercato ora teme una Fed sempre più aggressiva. Il Treasury a 10 anni rende il 2,8% mentre a due anni il 3,21%, dopo l’inversione della curva si amplia lo spread tra i rendimenti di breve e quelli a lungo termine, segno che il mercato si aspetta rialzi di tassi che porteranno a un rallentamento economico. Boom dell’export cinese.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Borse asiatiche contrastate con il Csi cinese che arretra dello 0,4%, in calo anche Hong Kong con l’Hang Seng che perde l’1%. In rialzo il Nikkei +0,29%, ferma sulla parità Taiwan.

Positivi i future sulle Borse europee con il derivato sull’Euro Stoxx che si rafforza dello 0,5%, mentre è piatto il mini future sull’S&P500 a Wall Street.

A frenare i mercati asiatici sono le tensioni tra Cina e Taiwan con Taipei che ha annunciato, a sua volta, delle esercitazioni e gli ottimi dati macro americani che rafforzano le aspettative di una Fed molto rigida verso il rialzo dei tassi.

Venerdì i dati macro americani hanno sorpreso gli economisti con risultati sopra le attese. I buoni dati vengono letti come maggiori possibilità che la Federal Reserve americana prosegui sulla strada di un forte rialzo dei tassi di interesse che avrà effetti restrittivi sull’economia. Le attese di un rialzo dei tassi nel breve si traduce con vendite sui Treasury e acquisti sul dollaro Usa.

A luglio gli occupati del settore non agricolo sono cresciuti a 528mila da 398mila (rivisto al rialzo da 372mila) vs aspettative di 250mila. Nel settore privato il dato è cresciuto a 471mila da 404mila (rivisto al rialzo da 381mila) vs aspettative di 230mila. Il tasso di disoccupazione è sceso a 3,50% da 3,60%, gli economisti si aspettavano un livello invariato rispetto a giugno, 19esimo mese consecutivo di crescita dell'occupazione. Il salario medio orario è cresciuto dello 0,50% m/m vs attese di +0,30%, rispetto a un dato precedente di +0,40% (rivisto da +0,30%). Su base annua l'incremento è stato del +5,20% vs +4,90% stimato.

Buone indicazioni dai dati macro cinesi

La Cina ha registrato a luglio un nuovo record per il surplus commerciale, salito a 101,26 miliardi di dollari, contro i 55,89 miliardi dello stesso mese del 2021 e oltre i 90 miliardi attesi dal mercato. Secondo i dati diffusi dalle Dogane cinesi, l'export ha centrato un balzo del 18% (il passo più ampio degli ultimi 6 mesi con l'allentamento dei lockdown anti-Covid), meglio del 15% di consenso degli analisti e del 17,9% di giugno. L'import, invece, è salito di appena il 2,3%, meno del 4% atteso e poco più dell'1% di giugno.

Dati macro giapponesi

A giugno il deficit delle partite correnti giapponesi si è attestato a 132,4 miliardi di yen contro un'attesa per un disavanzo da 703,8 miliardi. Si tratta del primo deficit in cinque mesi. I prestiti delle banche giapponesi sono aumentati dell'1,8% a luglio su anno rispetto al +1,2% di giugno mentre molte aziende aumentano l'accesso ai prestiti per far fronte alla crescita dei prezzi delle materie prime.

Moody's boccia l'Italia

Riflettori puntati sulla reazione dei mercati al downgrade dell'outlook italiano da parte di Moody's. In una decisione non calendarizzata, l'agenzia di rating Usa ha portato venerdì sera a negativo da stabile l'outlook mantenendo invariato il rating a 'Baa3' e citando tra le ragioni i rischi per il credito dell'invasione russa in Ucraina e degli sviluppi della politica interna nonché maggiori costi di finanziamento e il fatto che la debolezza della crescita potrebbe mettere a rischio la robustezza di bilancio

Il Tesoro in una nota ha definito "opinabile" la scelta dell'agenzia che giunge dopo un'analoga e imprevista decisione da parte di S&P che il 26 luglio ha tagliato l'outlook a stabile da positivo preoccupata per il futuro delle riforme. I prossimi pronunciamenti delle agenzie di rating sono in calendario a partire da poco dopo le elezioni del 25 settembre: il 30 settembre con la stessa Mooody's, il 21 ottobre con S&P, il 28 ottobre con Dbrs e il 18 novembre con Fitch.

Obbligazioni

La corsa della carta italiana prende il via questa settimana - quella che precede il Ferragosto - da 206 punti base per il premio al rischio Italia-Germania e da 3,03% per il rendimento del benchmark decennale su piattaforma Refinitiv. Nell'ultima seduta della scorsa settimana i Btp, come anche il resto del comparto europeo, hanno risentito del dato decisamente migliore delle attese sugli occupati Usa che ha rinfocolato le aspettative per un approccio più aggressivo da parte della Fed al prossimo meeting, con un rialzo da 75 punti base. Determinanti in questo senso i numeri sull'inflazione Usa in agenda mercoledì. Venerdì sera il Tesoro ha annunciato che in occasione dell'asta del Bot annuale di mercoledì 10 agosto metterà a disposizione 7 miliardi euro. Cancellata invece, come di consueto, l'asta a medio lungo in calendario per l'11 agosto.

Il Treasury americano a 10 anni rende il 2,8%, quello a due anni il 3,21% con uno spread a 40 punti base, indicando come il mercato si attende che un rialzo dei tassi nel breve porterà a un rallentamento economico nel lungo periodo.

Materie prime

Petrolio in leggero rialzo con il Brent in guadagno dello 0,7%, si riporta a 95,65 dollari al barile.

Invariato oggi l’oro a 1773 dollari l’oncia.

In lieve calo il Bcomm, l’indice che raggruppa 22 delle principali materie prime mondiali stamattina arretra dello 0,23%.

Tra i singoli titoli a Piazza Affari

Eni ha acquisito Export Lng, che detiene l'impianto di liquefazione galleggiante Tango Flng. L'impianto sarà utilizzato in Congo nell'ambito delle attività del progetto di sviluppo del gas naturale nel blocco Marine XII. L'avvio della produzione è previsto nel 2023, a regime fornirà volumi superiori ai 3 milioni di tonnellate/anno (oltre 4,5 miliardi di metri cubi/anno).

L'integrazione della rete fissa di Tim con quella di Open Fiber rimane la "maggiore opportunità" da un punto di vista industriale per il gruppo, che tuttavia mantiene un piano B nella forma di una "rete separata con un partner finanziario". È quanto detto dall'Ad di Tim Pietro Labriola in un'intervista al Corriere della Sera pubblicata domenica.

Tim ha siglato al ministero del Lavoro con i sindacati di categoria il contratto di espansione 2022-2024 che riguarda 30.000 lavoratori occupati tra la capogruppo, Olivetti, Noovle, Sparkle e Telecontact Center, e che include 2.200 prepensionamenti.

Fratelli d'Italia, il partito favorito alle prossime elezioni politiche del 25 settembre, è contrario alla vendita della rete da parte di Tim e auspica invece un ruolo di Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) come azionista di controllo dell'ex monopolista tlc.

Moody's ha alzato il rating a lungo termine a Baa2 da Baa3 di Stellantis, con outlook stabile da positivo. L'agenzia di rating ha nel contempo alzato quello di breve termine a (P)P-2 da (P)P-3.

Exor ha ricevuto il via libera dall'Autorità olandese per i mercati finanziari (Afm) al prospetto per la quotazione ad Amsterdam, con debutto il 12 agosto.

Il risiko bancario è entrato in una fase di attesa che difficilmente si risolverà prima di fine anno data la situazione italiana e internazionale, secondo l'AD di Banco Bpm, Giuseppe Castagna. Tuttavia "appena la situazione si chiarirà ... non si potrà prescindere dal ricominciare a parlarne" aggiunge Castagna in un'intervista al Corriere di sabato spiegando inoltre che i buoni trend del primo semestre proseguono in quello in corso mentre sul fine anno pesano le incognite legate alle forniture energetiche.

Il consorzio di garanzia dell'aumento di capitale da 2,5 miliardi di Mps si allarga con l'ingresso di altri quattro istituti, mentre salgono di 1,8 miliardi tra giugno e agosto le richieste stragiudiziali, portando la banca ad accantonare 78 milioni nonostante i dubbi dei legali sulla effettiva necessita' di accantonamenti anche alla luce di carenze documentali che impediscono di quantificare eventuali danni.

Dopo aver esaminato la comunicazione relativa all'Opa volontaria che la famiglia Della Valle si avvia a lanciare, il Cda di Tod’s ha avviato le attività per la selezione degli adviser per le valutazioni sull'offerta e la congruità del corrispettivo.

Fincantieri ha dato mandato al cacciatore di teste Key2people, e potrebbe presto darlo a Korn Ferry, per la selezione di candidati volta a rafforzare la squadra manageriale dell'Ad Pierroberto Folgiero, scrive la Repubblica. Citando fonti finanziarie, la Repubblica aggiunge che tra i nuovi possibili innesti, sarebbe stato sondato il profilo dell'attuale Ad di Difesa Servizi SpA Fausto Recchia.

Goldman Sachs ha avviato la copertura su Industrie De Nora con un giudizio 'Buy" e un target price di 24 euro


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy