Investire nel 2021 – Vivere guardando avanti

investimento finanziario

Chi investirà nel 2021 dovrà riflettere su cosa accadrà dopo la pandemia globale. Il cambiamento climatico resta una questione chiave, accanto all’investimento sostenibile, che assume sempre maggiore importanza.

A cura di Credit Suisse


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Il momento ideale per far fruttare la liquidità

Una caratteristica insolita del 2020 è stata la capacità di risparmio dimostrata da molte famiglie a dispetto della recessione. I fondi pubblici stanziati negli Stati Uniti, in Europa e Asia hanno sostenuto il reddito delle economie domestiche, ma i lockdown hanno prodotto una contrazione della spesa nel settore dei servizi. Questo si è tradotto per alcune famiglie in un risparmio elevato e molti investitori potrebbero disporre ora di liquidità da investire.

Azioni: una certezza

Nei mercati finanziari, i rendimenti sono il risultato diretto dell’assunzione di rischio. Pertanto, gli investitori dovrebbero assicurarsi di includere nella propria allocazione una componente azionaria adeguata per la crescita a lungo termine del proprio capitale. Secondo Credit Suisse, nel 2021 le azioni continueranno a offrire interessanti opportunità di rendimento. Il contesto generale dovrebbe rimanere favorevole, considerate le politiche monetarie estremamente espansive e il perdurare del sostegno fiscale. Secondo le previsioni di consenso per le azioni globali nel 2021 gli utili supereranno il livello del 2019, contribuendo a sostenere le azioni nel corso dell’anno.

Investimenti ESG diventano mainstream

La sostenibilità assume un rilievo sempre maggiore per gli investitori. Investire in prodotti finanziari che soddisfano criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) è diventato mainstream.

Il patrimonio gestito in conformità agli standard ESG è in aumento così come la pressione sulle società quotate affinché adeguino modelli e pratiche di business a tali standard. Le autorità di regolamentazione impongono sempre più alle aziende l’integrazione dei criteri ESG. In risposta, gli obblighi fiduciari si adeguano gradualmente per includere i principi d’investimento sostenibile. Gli investitori beneficiano di una maggiore protezione dai principali eventi di governance e di una solida performance ESG.

Inoltre, giocano un ruolo i fattori soft legati all’impegno per il bene comune. Riteniamo che questa tendenza sia destinata a durare e a incrementare la domanda e il sostegno per gli investimenti sostenibili.

Supertrend – Investire nel cambiamento sociale a lungo termine

Gli investitori avveduti si orientano su un’ottica di lungo periodo, al di là dei periodi di turbolenza del mercato. I Supertrend rappresentano il quadro di investimento azionario tematico a lungo termine high conviction, basato su sei questioni sociali, politiche, economiche e ambientali. In breve, ciò significa che ci si concentra sugli sviluppi sociali pluriennali che potrebbero tradursi in opportunità di business in rapida crescita. Ci si aspetta che le azioni delle società che offrono prodotti e servizi in grado di beneficiare di queste tendenze registrino una sovraperformance nel tempo, offrendo un’opportunità d’investimento interessante.

Eurozona: la pandemia consolida i legami

I Paesi europei hanno riaperto le loro economie prima degli USA e pertanto sono stati in parziale vantaggio in termini di ripresa economica. L’Europa, colpita dalla seconda ondata di COVID-19, sta registrando una nuova battuta d’arresto. Tuttavia, con l’attenuarsi della pandemia, l’eurozona sembra destinata a crescere oltre il potenziale, soprattutto grazie all’intervento di politiche fiscali che hanno limitato in gran parte i danni che i lockdown avrebbero potuto causare alle imprese e all’occupazione. Tuttavia, le finanze pubbliche sono sottoposte a tensione in diversi Paesi chiave, come l’Italia, e la domanda di investimenti è debole. Le sfide poste dallo sviluppo demografico (ovvero dall’invecchiamento della popolazione) rappresentano un ulteriore ostacolo al potenziale di crescita. Il successo a lungo termine della ripresa dalla crisi provocata dal COVID-19 dipenderà da un’efficace integrazione politica e fiscale. Secondo gli analisti la creazione del recovery fund dell’UE rappresenta un passo verso la giusta direzione.



La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy