Musk annuncia che venderà azioni Tesla, e tutti applaudono


L’imprenditore organizza uno stravagante sondaggio online fra i suoi follower dicendo che vuole pagare le tasse e per lui l’unico modo è vendere azioni. “Siete d’accordo?” Vincono i favorevoli. Sul mercato potrebbe arrivare circa il 2% del capitale.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Si calcola che potrebbe pagare 15 miliardi di tasse su un incasso pari a 28 miliardi.

Geniale in tutto, soprattutto nella comunicazione. Immaginate cosa succederebbe a Wall Street se un giorno, di colpo, venisse diffusa la notizia che Elon Musk sta vendendo il 10% delle sue azioni di Tesla. Come minimo ci sarebbero tre o quattro sedute di pesante ribasso, tra una valanga di interrogativi e speculazioni sulla presunta disaffezione del fondatore-venditore, che ha più volte detto e ripetuto che lui le azioni Tesla non le venderà mai.

Musk, invece, ha giocato d’anticipo e nel weekend ha lanciato un sondaggio su Twitter ai suoi 62,7 milioni di follower, con questa domanda: “Ultimamente si fa un gran parlare dei guadagni non realizzati come mezzo di evasione fiscale, quindi propongo di vendere il 10% delle mie azioni Tesla”. E poi ha aggiunto: accetterò il risultato, qualunque esso sia. Domenica ha pubblicato l’esito: 58% favorevoli alla vendita e 42% contrari.

Si calcola che con questa mossa Musk, che non riceve uno stipendio da Tesla, andrà a pagare oltre 15 miliardi di dollari di tasse su circa 28 miliardi di incassi, con un’aliquota, fra tasse federali e tasse statali, del 54%. Pare che l’imprenditore più ricco del mondo, con un patrimonio valutato da Bloomberg in 338 miliardi di dollari (di cui un quarto rappresentato da stock option Tesla che può esercitare in qualsiasi momento), sia rimasto molto male nell’avere visto il suo nome in testa alla classifica recentemente realizzata da Pro Publica su come i super-ricchi americani evitano di pagare le tasse.

Musk ha battuto Jeff Bezos nella classifica dei Paperoni grazie al rialzo dell’azione Tesla, salita dall’inizio dell’anno del 73% arrivando venerdì 5 novembre a chiudere a 1.222,09 dollari, cui corrisponde una capitalizzazione di 1.227 miliardi.

Secondo l’analista Dan Ives gli equilibri operativi sul titolo non cambieranno.

Oggi Musk possiede fra il 17% e il 18% del capitale di Tesla e vendendo il 10% delle sue azioni farebbe aumentare il flottante dell’1,5%-2%. Per Dan Ives, analista di Wedbush Securities, la mossa non cambierà in modo significativo gli equilibri operativi sul titolo. Infatti, il numero delle azioni che Musk potrebbe vendere equivale all’80% dei volumi scambiati in media in un giorno negli ultimi tre mesi.

Questi conti sono fatti solo sulle azioni che Musk ha già in portafoglio. Diversi sarebbero includendo le stock option: prendendo in considerazione solo quelle già maturate, se le esercitasse e vendesse subito le relative azioni l’imprenditore porterebbe a casa 96 miliardi di dollari (prima delle tasse).

Il fatto è che finché non le esercita, le stock option restano un guadagno potenziale di Musk, che quindi non incassa denaro e nemmeno paga tasse. In un tweet l’imprenditore ha precisato: “Io non prendo né stipendi né bonus da nessuna parte. Ho soltanto azioni, quindi per me l’unico modo di pagare le tasse è vendere le azioni”.

Musk negli ultimi tempi si è fatto prestare soldi dalle banche dando a garanzia le stock option.

Musk negli ultimi tempi si è fatto imprestare soldi dalle banche dando a garanzie le stock option. Può essere che sia preoccupato di una possibile discesa delle quotazioni di Tesla, che potrebbe innescare la richiesta delle banche di liquidare le azioni, vendite che a quel punto potrebbero accelerare drasticamente il declino del titolo. Quindi l’imprenditore potrebbe avere deciso di giocare d’anticipo, sfruttando l’occasione per dare alla propria immagine una bella pennellata di brillante vernice di sensibilità civica: “Vendo perché voglio pagare le tasse. Faccio bene?” E il sondaggio, la cui trasparenza è tutta nelle mani del signor Tesla, ha detto vendi!

Quindi aspettiamoci oggi un calo delle quotazioni. Di quanto? Impossibile prevedere, perché definita nel modo geniale in cui l’ha presentata Musk, la vendita alla fine potrebbe avere come effetto solo un lieve sussulto dei prezzi.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile Maxicedola del 12% a dicembre e cedole trimestrali dell'1% (4% annuo) su Stellantis, Tesla e Volkswagen
Sottostanti:
Tesla IncStellantis N.V.Volkswagen AG
Maxicedola
12%
Importo Maxicedola
€120,00
Rendimento p.a.
1%
Cedole
1% - €10,00
Memoria
si
Barriera Cedole
65%
ISIN
CH1139074574
Emittente
Leonteq
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: TSLA.US
Isin: US88160R1014
Rimani aggiornato su: Tesla

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni