Scudo antispread: oggi riunione fuori programma della Bce


Banche centrali oggi registe con la Bce che punta a calmare le tensioni sul fronte spread e forse a dare quelle risposte che non sono arrivate dalla riunione di settimana scorsa. Oggi poi il giorno tanto atteso della Fed, ormai si parla di rialzo di tassi di 75 punti base.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Mercati che provano il rimbalzo dopo la notizia di un meeting fuori programma della Bce.

Future in deciso rialzo stamattina con il derivato sull’Euro Stoxx 50 che sale dell’1%, a Wall Street si registra meno entusiasmo con i future sull’S&P500 a +0,45%.

Bene i mercati asiatici con il CSI 300 che vola del 3,2%, l’Hang Seng di Hong Kong guadagna l’1,6%. A trainare le Borse sono i buoni dati macro cinesi. In calo il Nikkei di Tokyo -1,5%. Ancora giù il Bitcoin -4%

Il consiglio direttivo si riunirà questa mattina, il tema dovrebbe essere il tanto atteso scudo anti-spread più volte annunciato dalla Presidentessa Christine Lagarde. Il meeting nasce dall’emergenza di un mercato che, negli ultimi giorni, ha portato lo spread tra BTp e Bund a 252 punti base. Ma, stando alle premesse e alle varie dichiarazioni di questi giorni, lo scudo alla fine potrebbe anche non essere all’altezza per calmare davvero il mercato. Il rischio, insomma, è che alla fine la montagna partorisca il topolino.

Ieri sera il 'falco' Isabel Schnabel ha detto che non ci sono limiti all'impegno di Francoforte contro la frammentazione, precisando però che non c'è necessità di annunciare prima eventuali strumenti. Da parte sua il consigliere Klaas Knot ha detto che le opzioni di Francoforte per un aumento dei tassi a settembre non si limitano ai 50 punti base.

Federal Reserve

Riflettori questa sera sulle decisioni del Fomc e sulla successiva conferenza stampa del presidente Jerome Powell. I mercati prezzano quasi pienamente un aumento dei tassi di interesse di 75 punti base - che sarebbe il più consistente dal 1994 - a conclusione del meeting della banca centrale Usa, alle prese con un'inflazione ai massimi dal 1981, come è emerso dai dati diffusi venerdì scorso. Alcune banche di investimento adesso si aspettano rialzi da 75 punti base a giugno e luglio e uno da 50 a settembre.

Covid

A Pechino, coi suoi 22 milioni di abitanti, le autorità parlano di "corsa contro il tempo" per contenere l'epidemia dopo la scoperta di un focolaio di Covid 19 in un bar.

Tassi Cina

La banca centrale ha mantenuto invariato per il quinto mese consecutivo il tasso di riferimento a medio termine, com'era atteso: il tasso sui prestiti a un anno a favore di istituti finanziari (Mlf) resta a 2,85%.

A maggio l'economia ha mostrato segni di ripresa dopo la flessione del mese prima, anche se i consumi restano deboli fra le chiusure per contenere il diffondersi del Covid 19. La produzione industriale sale dello 0,7% tendenziale dal -2,9% di aprile, contro attese per un -0,7%, mentre le vendite al dettaglio scendono del 6,7% anno su anno dal tonfo dell'11,1% il mese prima, contro un consensus Reuters a -7,1%.

Dati Giappone

Ad aprile gli ordinativi di macchinari mettono a segno a sorpresa una crescita a doppia cifra (+10,8% su mese contro attese per -1,5%), massimo da 18 mesi, con la spesa delle imprese che resta robusta nonostante costi dell'energia e lockdown.

L'indice manifatturiero Reuters Tankan a giugno si attesta a 9 dal precedente 5.

Cambi

Il dollaro si mantiene in prossimità dei massimi da 20 anni in attesa della Fed. Attorno alle 7,40 il cross euro/dollaro vale 1,0461 (in rialzo di 0,45%); il cambio euro/yen 141,28 (in rialzo di 0,13%) mentre il dollaro scambia a 135,03 su yen (in calo di 0,32%).

Greggio

Prezzi in leggero rialzo dopo che l'Opec ha confermato la previsione che la richiesta mondiale di petrolio supererà i livelli pre-pandemici nel 2022. Sempre alle 7,40, il futures sul Brent viaggia in rialzo di 57 cent a 121,74 dollari il barile e quello sul Nymex di 55 cent a 119,48 dollari.

Treasuries

Il benchmark decennale sui mercati asiatici rende 3,450%, in ribasso di 0,033 rispetto alla chiusura a 3,483%.

Tra i titoli a Piazza Affari segnaliamo

Italgas ha annunciato il piano strategico 2022-2028; che prevede investimenti netti complessivi per 8,6 miliardi

Secondo il Ceo di Unicredit, Andrea Orcel, cedere gratuitamente la divisione russa sarebbe moralmente sbagliato. Unicredit ha completato il trasferimento a una società veicolo di un portafoglio Npl da 1,1 miliardi di euro con il rispetto dei requisiti Gacs per l'ottenimento della garanzia statale sulla tranche senior.

Stellantis ha avviato un piano di riduzione del personale nel suo impianto di stampaggio a Sterling Heights, nel Michigan.

La Polonia ha intenzione di acquistare diversi elicotteri militari AW149, costruiti da Leonardo.

La Costa d'Avorio vuole che Eni porti il giacimento offshore scoperto di recente alla produzione a pieno regime prima della scadenza programmata del 2026 per soddisfare la domanda di gas locale e regionale.

L'Antitrust spagnolo ha sanzionato Enel Green Power con una multa da 4,9 milioni per abuso di posizione dominante in due nodi di accesso alla rete di trasmissione elettrica.

Ovs ha chiuso ad aprile il primo trimestre con vendite nette in crescita del 30,6% a 299,9 milioni e un Ebitda rettificato di 20,1 milioni, in aumento di oltre 14 milioni rispetto al 2021.

Saipem si è aggiudicata una commessa offshore per lo sviluppo di Gato do Mato in Brasile da circa 25 milioni di dollari.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy