Serve un allargamento del mercato per continuare il trend positivo


Ci sono alcuni ostacoli lungo la strada, ma il mercato si allargherà. E' necessario però che la redditività delle società rimanga sostenuta, in modo da supportare la performance di un numero crescente di azioni.

A cura di Antonio Tognoli, Responsabile Macro Analisi e Comunicazione presso Corporate Family Office SIM


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Produzione industriale della Germania MoM di maggio in uscita oggi alle 8:00 (stima +0,2% contro -0,1% di aprile) e della Francia alle 8:45 (stima -1,2% contro +0,5% di aprile). Alle 10:00 usciranno le vendite al dettaglio MoM di maggio dell’Italia (stima +0,2% contro -0,1% di aprile) e alle 11:00 quelle dell’Europa (stima +0,2% contro -0,5% di aprile). Alle 19:15 è atteso il discorso della Lagarde.

Attesa per i dati americani: alle 14:30 verrà rilasciato il tasso di disoccupazione di giugno (stima 4% in linea con il dato di maggio), la crescita dei salari medi orari YoY di maggio (stima +3,9% contro +4,1% di aprile) e la variazione occupati di giugno (stima 189k contro 272k di maggio). Un ulteriore raffreddamento del mercato del lavoro e soprattutto dei salari medi, contribuirebbe a ridurre le pressioni sui prezzi, agevolando la discesa dell’inflazione e rafforzare le convinzioni della Fed a tagliare i tassi nel 2024. Al momento, i future sui Fed Funds danno una di 25 bp riduzione dei tassi a settembre al 67%. Oggi inoltre il Consiglio della Fed, così come richiesto dal Fed Act. Invii al Congresso dei report contenenti le discussioni sulla condotta di politica monetaria, sugli sviluppi economici e sulle prospettive per il futuro.

Nel settore della logistica, il problema dell'ultimo miglio si riferisce alla sfida di portare le spedizioni alle loro destinazioni finali. Dopo aver viaggiato senza problemi lungo le autostrade, gli impedimenti locali creano resistenza man mano che il processo si avvicina al suo completamento. Dopo essersi mossa dolcemente verso il basso durante la seconda metà dell'anno scorso, l'inflazione ha incontrato resistenza mentre si avvicinava alla destinazione desiderata. Gli ostacoli localizzati al progresso dovranno essere eliminati prima che i tassi di interesse tornino a livelli più moderati.

Negli Stati Uniti la disinflazione ha rallentato, ancorata all'andamento dei prezzi per servizi e alloggi. Rimangono importanti squilibri in alcuni angoli del mercato del lavoro: la ripresa dell'immigrazione ai livelli pre-pandemia (e oltre) dovrebbe alla fine aiutare, ma ci vorrà del tempo prima che se ne vedano gli effetti.

I progressi bloccati sull'inflazione hanno riportato le banche centrali ad una strategia “più alto per più tempo”. Il cambio di rotta ha ostacolato la crescita in Europa più che in America. La prevalenza di mutui a tasso variabile in Europa ha infatti esposto le famiglie al pungiglione di tassi di interesse più elevati.

Con le economie europee in difficoltà, la BCE ha ridotto i tassi di interesse questo mese e molti pensano che la Banca d'Inghilterra seguirà l'esempio prima della fine dell'estate. Entrambe, tuttavia, hanno segnalato una cautela persistente che renderà l'allentamento un processo lento.

La Fed chiuderà probabilmente la corsa. Molti analisti vedono una prima mossa a settembre, ma i dati sull'inflazione dovranno comportarsi in modo eccezionalmente corretto da qui a quel momento. Alcuni analisti vedono segnali di indebolimento nei dati economici americani, ma il rischio di recessione sembra al momento molto basso.

I runner incontrano spesso un problema nell'ultimo miglio. Io certamente lo faccio, quando provo a correre... beh, un miglio. Gli ultimi passi sembrano sempre in salita, ma è meraviglioso rallentare una volta raggiunto l'obiettivo. Rimanere concentrati sul traguardo è fondamentale.

Detto questo, che si fa con gli investimenti? Abbiamo discusso diverse volte di come fosse necessario per la continuazione del trend positivo, che il mercato si allargasse. Infatti, come sappiamo, solo un piccolo numero di azioni è stato responsabile della maggior parte dei guadagni dell'indice S&P 500 di quest'anno (tutte le azioni legate all'intelligenza artificiale in un modo o nell'altro). Nello specifico, un sottosettore di quattro azioni dei "Magnifici 7" (i Magnifici 7 sono composti da Apple, Amazon, Microsoft, Nvidia, Tesla, Google e Meta Platforms) è stato responsabile di poco più del 52% della performance dell’S&P 500 nei primi sei mesi di quest'anno. Ciò significa che le altre 499 società (attualmente ci sono 503 azioni nell'S&P 500) hanno contribuito per meno del 48% al rendimento di quest'anno finora. Oltre a ciò, solo 2 degli 11 settori, ovvero Information Technology e Servizi di Comunicazione, hanno sovraperformato l'indice nel 2024.

Ciò che è accaduto da inizio anno è tutto bello e buono, ma è lecito chiedersi che cosa potrebbe accadere in futuro? Questo è il nostro obiettivo. È probabile che l'ampiezza del mercato si allarghi con più azioni che partecipano a un potenziale rialzo tra ora e la fine dell'anno prossimo? Pensiamo che la risposta a questa domanda sia positiva. E mentre vediamo alcuni ostacoli lungo la strada nel corso dei prossimi 18 mesi, il punto medio del target di fine anno 2025 per l'SPX rimane 5.700, superiore al livello dell'indice al momento in cui scriviamo.

Cosa potrebbe essere necessario per aumentare l'ampiezza del mercato? Un fattore importante è la redditività. Il rally delle azioni correlate all'intelligenza artificiale è almeno in parte supportato dai fondamentali degli utili sottostanti. Ad esempio, gli utili anno su anno del primo trimestre nel settore dei servizi di comunicazione sono cresciuti del 44%, mentre gli utili sono cresciuti del 25% per il settore dell'informatica. In confronto, gli utili dell’intero S&P 500 sono cresciuti dell'8% nel primo trimestre, in gran parte grazie al contributo di questi due settori con performance superiori.

Ma un esame delle stime di consenso sugli utili di Bloomberg nei trimestri a venire mostra un aumento della crescita degli utili delle 503 società escludendo i Magnificent 7 e un rallentamento della crescita per le più grandi aziende che hanno portato l'S&P 500 ai recenti massimi record. Le stime di consenso mostrano una crescita notevolmente ampliata a partire dal quarto trimestre di quest'anno e che acquisisce forza fino alla metà del prossimo anno. E questo dovrebbe supportare le positive prospettive di un numero crescente di azioni nei prossimi 18 mesi.

Come accennato, prevediamo però una strada accidentata per le azioni nei prossimi trimestri, poiché un'economia più lenta e tassi di interesse più elevati continuano a farsi sentire. Per ora, riterremmo corretto ridurre i guadagni nei settori con performance superiori e cercare opportunità nei settori Energia, Industriali, Materiali e Sanità.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile maxipremio del 15% e premi trimestrali dell'1,5% (6% annuo) con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Banco BPMIntesa SanpaoloUniCredit S.p.A
Maxicedola
15%
Importo Maxicedola
€150,00
Rendimento p.a.
6%
Cedole
1,5% - €15,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD39CH4
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy