Superbonus, impennata di domande a dicembre

superbonus

Con il Superbonus l’edilizia vola. A dicembre  gli investimenti ammessi hanno superato i 16,2 miliardi di euro. Un contesto positivo per le società impiegate nell’edilizia e nell'efficientamento energetico.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


+36% di investimenti a dicembre

L’ultimo scorcio del 2021 è stato segnato in tutta Italia da un’ondata di domande per ottenere il Superbonus 110%. Il governo ha deciso in extremis di rinnovare quella che è una delle misure più apprezzate, ma nell’incertezza i proprietari si sono affrettati a fare richiesta e a presentare la documentazione necessaria ad ottenere il maxisconto. Così le domande a dicembre sono salite su tutto il territorio italiano a oltre 95 mila e gli investimenti ammessi hanno superato i 16,2 miliardi di euro, in aumento di circa il 36% rispetto agli 11,9 miliardi di novembre.

A scattare la fotografia, come ogni mese, sono stati Enea e Ministero della Transizione ecologica, che evidenziano come a trainare i cantieri siano gli investimenti condominiali, che hanno toccato quota 14.330, per 7,76 miliardi di investimenti. Per gli edifici unifamiliari l’Enea ha indicato invece circa 50 mila certificazioni per 5,4 miliardi di investimenti, mentre per le unità immobiliari indipendenti le asseverazioni sono state infine circa 31.400, per un totale di 3 miliardi. L’investimento medio ammonta a 541 mila euro per i condomini, 108 mila euro per gli edifici unifamiliari e 96 mila euro per le unità indipendenti. Guardando alle varie Regioni, il numero maggiore di richieste arriva da Lombardia e Veneto (rispettivamente oltre 14.000 e oltre 12.000 asseverazioni).

Un’ottima notizia per Nusco e Innovatec

Data la crescita di commesse, il superbonus al 110% inevitabilmente determina benefici in termini di fatturato per le società coinvolte nell’edilizia e nella riqualificazione energetica. Tra queste, la campana Nusco, quotata sul listino Euronext Growth Milan dall’agosto 2021 e attiva nella produzione e commercializzazione di porte per interni e infissi. Sul titolo Nusco, Integrae SIM ha un giudizio “Buy” e prezzo obiettivo di 3,60 euro, che esprime un upside del 56%.

Un contesto positivo anche per Innovatec, società quotata sull’EGM e attiva nella clean technology, che a seguito dell’introduzione del Superbonus ha varato il progetto HouseVerde per agire come general contractor nelle opere di riqualificazione edilizia.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy