Webuild in luce dopo il nuovo contratto in Romania


La ex Salini si è aggiudicata un appalto da 441 milioni corrispondente al 2% dei suoi ordini previsti nel 2022 compreso all’interno della realizzazione del potenziamento del corridoio ferroviario Reno-Danubio, opera finanziata con i fondi europei.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Acquisti su Webuild

Fari accesi su Webuild a Piazza Affari dopo l’annuncio di un nuovo contratto per la realizzazione di una tratta ferroviaria in Romania.

Le azioni della società attiva nel settore delle costruzioni e dell’ingegneria guadagnano oltre il 2% dopo un’ora di scambi, toccando quota 1,51 euro.

Prosegue, dunque, la crescita del titolo a Milano, salito dei oltre il 18% negli ultimi 30 giorni, anche se da inizio anno sta perdendo il 28% del suo valore rispetto ai 2,10 euro di inizio gennaio 2022.

Il nuovo contratto

Questa mattina la ex Salini Impregilo ha annunciato l’aggiudicazione in consorzio di un nuovo contratto in Romania dal valore complessivo di 441 milioni di euro, avente per oggetto il potenziamento del corridoio Reno-Danubio della rete transeuropea di trasporto TEN.T.

In particolare, il gruppo sarà impegnato nell’ammodernamento e nel raddoppio del Lotto 4, parte di una delle più importanti linee ferroviarie nel paese, la Carasebes-Timisoara-Arad, dopo già essersi aggiudicato il Lotto 3 (291 milioni di euro).

Webuild, leader del gruppo con il 72,7% (Salcef al 27,3%), realizzerà i lavori del progetto, occupando 1.300 persone tra diretti e terzi, portando il totale degli occupati compreso il Lotto 3 a 1.900 unità.

La società si occuperà di progettare ed eseguire i lavori di ammodernamento di circa 55 chilometri di linea ferroviaria tra Ronat e Arad Nou, nella Romania occidentale, oltre alla realizzazione di un ponte metallico sul fiume Mures.

Le nuove commesse portano ad un valore complessivo di 2 miliardi di euro i contratti aggiudicati e in corso di finalizzazione nel paese, finanziati per la maggior parte da fondi europei.

La view di WebSim

Gli analisti di Websim sottolineano come il contratto aggiudicato da Webuild rappresenti “circa il 2% degli ordini attesi nel 2022”,

Già lo scorso 10 novembre la società aveva “fornito un aggiornamento degli ordini, dichiarando che gli ordini acquisiti e in corso di finalizzazione ammontavano a 13,1 miliardi, confermando la guidance per il 2022”, aggiungono dalla sim, mantenendo la raccomandazione ‘interessante’ sul titolo Webuild, con target price di 2,35 euro.

Per quanto riguarda Salcef (tp 2,35 euro), il contratto si aggiunge “ai progetti già vinti quest’anno in Romania e ad arricchire ulteriormente un backlog di 1,35 miliardi (a fine dei primi 9 mesi 2022)”, concludono da WebSim.

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: WBD
Isin: IT0003865570
Rimani aggiornato su: Webuild

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni