Apple colpita dalla carenza dei chip: taglio di 10 milioni di iPhone in vista

apple titolo

Alcune indiscrezioni di stampa indicano che Apple non potrà raggiungere i 90 milioni di iPhone venduti entro l’anno a causa del permanere della carenza di chip. La notizia ha attirato le vendite sulle azioni di STM a Piazza Affari, in quanto Apple rappresenta uno dei principali clienti della società italiana.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


La crisi dei chip colpisce Apple

Secondo un rapporto di Bloomberg, Apple non raggiungerà i suoi obiettivi di produzione per il suo nuovo iPhone annunciati nei mesi scorsi a causa della carenza di chip per computer.

La fine dell’anno doveva chiudersi con 90 milioni di iPhone venduti secondo Cupertino, ma le fonti del quotidiano affermano che si fermerà a 80 milioni.

In particolare, i fornitori Broadcom e Texas Instruments non riescono a tenere il passo degli ordini, sia per una richiesta maggiore alle previsioni, sia per la mancanza di chip che sta colpendo diversi settori.

“La domanda è stata forte in tutto il mondo, soprattutto in Cina e negli Stati Uniti”, spiegava l’analista di Wedbush, Dan Ives, il quale ipotizza una mancanza di “almeno 5 milioni di iPhone 13 per la stagione delle vacanze se la domanda continua a questo ritmo”.

La carenza di chip, inoltre, ha aumentato i tempi che intercorrono tra il momento in cui le aziende ordinano i chip e quelli della consegna, calcolato da Susquehanna Financial Group in crescita per il nono mese consecutivo, arrivando ad una media di 21,7 settimane.

I problemi nel passato

Già nei mesi scorsi, Apple aveva dovuto affrontare il problema della carenza di chip che ha portato a tempi più lunghi per la consegna di MacBook, iPhone 11, iPhone 12, iMac, Mac Book Air e iPad Pro.

Nel mese di settembre, l’analista di Apple, Ming-Chi Kuo, avvertiva sul rischio per Apple di ridurre del 50% le sue spedizioni di MacBook sempre per mancanza di componenti, pertanto il problema potrebbe restare anche per i prossimi MacBook Pro che la società lancerà il 18 ottobre.

In particolare, a pesare sui MacBook è la mancanza di circuiti integrati per la gestione dell’alimentazione, problema che ora sembrano avere anche i modelli di iPhone.

I cali in borsa di STM e Apple

La notizia sulle difficoltà di Apple di raggiungere i suoi obiettivi ha attirato le vendite sul settore e le azioni della stessa società di Cupertino hanno ceduto oltre l’1% nell’After Hours.

A essere particolarmente colpita è STM, in quanto Apple rappresenta una dei suoi principali clienti e secondo quanto calcolato da Equita Sim, la mela rappresentava il 24% dei ricavi di STM nel 2020.

A Milano, infatti, le vendite hanno colpito le azioni della società italiana in apertura di contrattazioni e il titolo cedeva oltre il 2% dopo pochi minuti attestandosi tra i peggiori del Ftse Mib.

Nel caso in cui l’andamento negativo di STM si confermasse nel corso della giornata di oggi, si tratterebbe della quarta seduta negativa consecutiva.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: AAPL.US
Isin: US0378331005
Rimani aggiornato su: Apple

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni