L’incredibile balzo di Sunrun: +80% in un mese. E ora?


Le azioni della società leader in America per il fotovoltaico domestico sono schizzate al rialzo grazie alle aspettative di discesa dei tassi di interesse. Per il broker Jefferies il titolo salirà nel 2024 di un altro 25%.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Dall’inizio dell’anno la performance resta negativa (-15%)

Travolti dalle incombenze natalizie, è probabile che molti investitori si siano persi l’incredibile rialzo dell’americana Sunrun, passata da una quotazione di 11 dollari del 27 novembre ai quasi 20 dollari del 27 dicembre. In un mese l’azione della prima società americana del fotovoltaico per utenze domestiche ha fatto un balzo dell’80%. Alla base di questa straordinaria fiammata c’è un fatto molto semplice: la previsione diffusa di una rapida discesa dei tassi di interesse in America.

Come ha spiegato nel suo ultimo report l’analista di Jefferies Dushyant Ailani, le società che operano nel solare dipendono dalla propensione dei proprietari di case a investire e, ovviamente, dalle condizioni del mercato finanziario. Di conseguenza, il 2023 è stato un anno molto pesante per i titoli del settore. "I produttori di energia solare hanno sottoperformato l’S&P500 di circa il 60% nell'ultimo anno a causa di un contesto di tassi d'interesse elevati”, scrive Ailani. La stessa Sunrun, che è arrivata a Natale volando come una stella cometa, ha una performance negativa dall’inizio dell’anno pari a -15%.

Fotovoltaico: un business strategico per l’amministrazione Biden

Ma c’è un altro importante elemento che ha spinto l’analista di Jefferies ad avviare 10 giorni fa la copertura di Sunrun con raccomandazione Buy e target price a 25 dollari (+25% sul prezzo attuale): sono le modifiche in senso meno restrittivo introdotte dalla Ferc (Federal Energy Regulatory Commission) alle regole per l’interconnessione elettrica. Modifiche che dovrebbero facilitare la ripartenza di un business individuato dall’amministrazione Biden come fondamentale per i suoi obiettivi di contrasto al cambiamento climatico. La novità è stata colta anche da un altro broker, Piper Sandler, che il 19 dicembre ha alzato la raccomandazione su Sunrun da Neutral a Overweight (sovrappesare in portafoglio) e ha portato il target price a 31 dollari da 15 dollari.

La quota di mercato raggiunge il 60%

Sunrun ha circa il 60% del mercato del solare domestico negli Usa. L'azienda offre una gamma completa di servizi, tra cui la progettazione e l'installazione di impianti solari su misura per case monofamiliari. I pacchetti comprendono connessioni alla rete, sistemi di controllo dell'energia "smart home" e batterie di accumulo. Nella soluzione più largamente adottata, Sunrun non propone ai clienti di acquistare pannelli e batterie, che restano di proprietà dell’azienda (che si occupa anche della manutenzione), ma vende ai proprietari dei tetti l’energia prodotta sulla loro testa a prezzi convenienti con contratti della durata di 20 o 25 anni.

E’ quindi Sunrun che fa gli investimenti per l’acquisto delle infrastrutture ed è il bilancio di Sunrun che ha sofferto in modo particolare per il rialzo dei tassi, come hanno mostrato i dati del terzo trimestre 2023, chiuso con ricavi in calo del 4% a 563 milioni di dollari e una perdita record di 1 miliardo di dollari. Conti pesanti mentre il business dava buoni risultati, con 33.800 nuovo clienti netti che hanno portato il totale dei clienti al 30 settembre scorso a 903.000, con una crescita del 19%.

Per Ailani il punto chiave è la quota di mercato leader di Sunrun nel settore del solare residenziale. L'analista di Jefferies scrive: "In qualità di principale fornitore di energia pulita con un servizio in abbonamento e con una quota di mercato residenziale di oltre il 60% dei nuovi abbonamenti, Sunrun è ben posizionata per trarre vantaggio dalla crescita del solare residenziale dopo un 2023 deludente. In un contesto di tassi di interesse ancora elevati, ci aspettiamo che la base clienti totale aumenti del 15% / 13% nel '24 / '25”.

Utili ancora lontani. Gli analisti valutano il potenziale di crescita

Per il quarto trimestre 2023 il consensus degli analisti si aspetta ricavi a 546 milioni (-10% sullo stesso periodo del 2022) con una perdita ridotta a 70 milioni di dollari da -240 milioni.

Quotata nel 2015 al Nasdaq a un prezzo iniziale di 14 dollari, Sunrun è un’azienda che attira per il suo potenziale di crescita, non certo per i suoi utili che sono tutti ancora da realizzare nel futuro. Secondo il consensus, il 2023 si chiuderà con una perdita di 950 milioni di dollari su un fatturato di 2,2 miliardi. Il 2024 dovrebbe vedere i ricavi salire a 2,4 miliardi e la perdita ridursi a 223 milioni. Anche per il 2025 gli analisti si aspettano un risultato negativo (-158 milioni) su un fatturato di 2,7 miliardi.

Intanto il debito netto è previsto crescere da 9,9 miliardi di fine 2023 ai 12,9 miliardi di fine 2025. Sommando market cap (4,3 miliardi) e debito, si arriva a un Ev (Valore di impresa) di Sunrun di 14,2 miliardi di dollari, pari a 6,3 volte i ricavi. Un multiplo che si colloca a metà strada tra Amazon (2,7 volte) e Tesla (8,2 volte).

Su 29 analisti che seguono Sunrun, 22 consigliano di comprare le azioni e la media dei target price è 21,6 dollari (+8% rispetto al prezzo attuale).

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 18,40% annuo con il certificate su E.ON, Enel e Sunrun
Sottostanti:
Enel SpAE.ON SESunrun Inc
Rendimento p.a.
18,4%
Cedole
4,6% - €46,00
Memoria
si
Barriera Cedole
45%
ISIN
DE000VM6Q805
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: RUN.US
Isin: US86771W1053
Rimani aggiornato su: SunRun

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni