Banco BPM ancora ai massimi dal 2016


Il settore bancario italiano continua la sua corsa a Piazza Affari spinto dai brillanti risultati ottenuti dagli istituti e molti analisti si mostrano fiduciosi sul futuro del titolo della banca guidata da Giuseppe Castagna alzando i loro il loro target price.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Banco BPM in evidenza

Luci accese ancora sul settore bancario a Piazza Affari dopo la seduta di ieri che aveva visto forti rialzi per i titoli finanziari.

Banco BPM ieri chiudeva la sua quarta seduta positiva di seguito e oggi la corsa continua (+2%), confermando i suoi livelli massimi dal marzo 2016, a 5,436 euro per azione, mentre da inizio anno la performance (+62%) è tra le migliori del FTSE MIB.

Tra gli altri titoli bancari brilla (+3%) ancora Monte dei Paschi di Siena dopo il +8% della chiusura di ieri, seguita da Bper Banca (+3%) e Banca Popolare di Sondrio (+3%), le migliori in Europa.

Anche l’indice di settore (Ftse Italia Banche) non ferma la sua crescita dopo tre settimane positive consecutive, sostenuto dai numeri positivi delle trimestrali e dalla prospettiva di un periodo prolungato di tassi di interesse elevati.

La sua performance da inizio 2023 è intorno al +42%, pari a quasi quattro volte la performance dell'indice Eurostoxx Banks del settore europeo (+12%) e pari a oltre otto volte il +5,0% registrato dall'indice Stoxx 600.

Fiducia dagli analisti

Questa mattina Mediobanca ha aumentato il target price sull’istituto guidato da Giuseppe Castagna, portandolo dal precedente 5,60 all’attuale 6,40 euro, confermando il giudizio ‘outperform’.

Stessa decisione per JP Morgan, i cui analisti hanno alzato il prezzo obiettivo da 5,10 a 6,40, ribadendo il giudizio ‘neutral’.

Raccomandazione di acquisto (‘buy’) confermata per Intesa Sanpaolo e anche in questo caso aumento del target price, da 5,8 a 6,4 euro.

Se il nuovo piano industriale verrà reso noto il 12 dicembre, dalla banca torinese si attendono un aumento del dividendo e ora le loro stime incorporano un payout al 60-65% nei prossimi tre anni, un buyback da 200 milioni da eseguirsi nel 2024, e alzano del 2% le loro previsioni di eps adjusted per l’anno in corso e del 18% quelle relative all’anno prossimo.

Infine, anche Kepler-Cheuvreux si dimostra ottimista sul titolo di Banco BPM e alza il prezzo obiettivo da 5,70 e 6,5 euro, confermando il rating ‘buy’.

Il consenso aggiornato di Bloomberg registra 15 ‘buy’, 2 ‘neutral’ e nessuna raccomandazione di vendita, con un target price medio di 6,31 euro.

I nove mesi 2023

La revisione delle agenzie di rating arriva dopo i risultati dei nove mesi del 2023 di Banco BPM, nel corso dei quali l’istituto ha registrato una crescita del proprio utile (943 milioni) pari al 93,6% rispetto allo stesso periodo del 2022.

Per l'intero esercizio 2023, adesso la banca si attende di realizzare un risultato netto superiore agli 1,2 miliardi di euro, pari a oltre 0,8 euro ad azione, con un'ulteriore crescita a circa 0,9 euro ad azione nel 2024.

La banca ha registrato un utile netto del terzo trimestre di 319 milioni di euro contro i 286 milioni stimati dal consenso.


Idea di investimento
Possibile premio del 14% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
UniCredit S.p.ABanco BPMIntesa Sanpaolo
Rendimento p.a.
14%
Cedole
3,5% - €35,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VM4NXS7
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: BAMI.MI
Isin: IT0005218380
Rimani aggiornato su: Banco Bpm

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni