Bitcoin oltre i 71 mila dollari, corsa non ancora finita secondo JP Morgan


La principale delle cripto si avvicina al suo record storico toccato lo scorso marzo favorita da una Federal Reserve meno ‘hawkish’, elemento di sostegno per gli asset rischiosi.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Bitcoin in rialzo

Nuovo scatto del Bitcoin questa mattina e record storico che si avvicina favorito dalla prospettiva di una Federal Reserve meno aggressiva sui tassi, potenziale spinta per gli asset più rischiosi come le criptovalute.

La principale delle cripto guadagna il 3% alle ore 10 italiane e sale oltre i 71.300 dollari, alla sua quinta seduta consecutiva: la serie più lunga da tre mesi a questa parte quando toccò il suo record storico di 73.797 dollari.

Effervescente anche il resto del settore, in particolare l’Ether, salito oltre i 3.800 dollari (+1%), il Solana (+4%) e l’XRP (+1%), tra le tante monete digitali.

JP Morgan rialzista

Gli analisti di JP Morgan hanno aggiornato i loro modelli di valutazione del mining di Bitcoin e i loro target price per riflettere i risultati del primo trimestre 2024, l'aumento degli obiettivi di hashrate per il 2024 e le modeste variazioni dei prezzi spot di Bitcoin.

Anche se la banca ha adottato una visione meno costruttiva riguardo al rally dei Bitcoin post-halving, che generalmente porterà a obiettivi e stime di prezzo inferiori per fine 2024, ritiene che il futuro sia positivo per la cripto.

“In precedenza avevamo previsto un aumento graduale del 30% del Bitcoin nei mesi successivi all’halving. Ora vediamo un incremento graduale del 15% del prezzo della cripto nel terzo trimestre del 2024, poiché riteniamo che una parte del rally potrebbe essere stata anticipata in questo ciclo”, spiegano da JP Morgan, evidenziando come la valuta digitale sia già cresciuta del 56% da inizio anno.

Ai prezzi attuali, JPMorgan stima che il valore nozionale dei restanti 1,3 milioni di Bitcoin sia di circa 91 miliardi di dollari, in calo del 4% rispetto al 10 aprile e in aumento del 109% su base annua.

Tra le società del settore, la banca rimane sovrappesato su Iris Energy e Riot Blockchain, sottopesato su Marathon Digital Holdings e neutrale su Cipher Mining e CleanSpark.

Oltre i 130 mila dollari?

Ancora più rialzista l’analista esperto in criptovalute Peter Brandt, il quale si attende che il Bitcoin raggiunga i 130 mila dollari entro il 2025.

Domenica scorsa l’esperto ha affermato che la corsa al rialzo mostra modelli simili ai precedenti cicli di halving e l'asset potrebbe raggiungere circa 130.000-150.000 dollari entro agosto o settembre 2025 qualora seguisse la traiettoria dei cicli precedenti.

Brandt ha sostenuto che storicamente la data dell'halving di Bitcoin si è collocata quasi a metà dei periodi di inizio e di picco dei bull market, quest’ultimo iniziato 16 mesi prima dell'halving del 2020 e conclusosi 18 mesi dopo.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
UnicreditBanco BPMIntesa Sanpaolo
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD5TR73
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy