Bper Banca, si attende il nuovo piano: le previsioni degli analisti

bper titolo

Il nuovo piano dovrebbe incorporare la recente acquisizione di Banca Carige, considerata dagli esperti valida dal punto di vista strategico e finanziario.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Le previsioni sul piano di Bper

Bper Banca tra le migliori blue chips del Ftse Mib di oggi, proseguendo la seduta in crescita di circa il 2% e scambiata intorno ai 2 euro per azione, in attesa delle decisioni di oggi da parte della Banca centrale europea.

Il mercato, dunque, sembra ottimista alla vigilia del piano industriale della banca, in agenda per domani.

Il nuovo piano “sarà l’occasione per presentare la strategia di gruppo incorporando la recente acquisizione di Banca Carige”, spiegano da Equita Sim (rating hold e prezzo obiettivo a 2,2 euro).

L’operazione è considerata dagli analisti della sim milanese come “valida sia dal punto strategico che finanziario”, lasciando “spazio per una buona generazione di sinergie”.

Tra i principali elementi di attenzione del piano, secondo Equita ci sono “l’impatto a net interest income dal rialzo della curva dei tassi (ultima indicazione: beneficio del 15% per 100 punti base di rialzo della curva), la strategia per preservare/aumentare la penetrazione della clientela in un contesto economico complesso, spinta sul fronte commissionale, anche attraverso una gestione maggiormente integrata delle fabbriche prodotto”.

Inoltre, da tenere sott’occhio ci sono anche “l’efficienza operativa, alla luce delle azioni intraprese nei mesi scorsi (in particolare l'accordo per l'ottimizzazione del personale) e di maggiori investimenti in It e digitalizzazione, oltre al continuo focus sulla qualità dell''attivo, considerando l’obiettivo di ulteriore riduzione dell''Npe Ratio post acquisizione di Carige”.

Per quanto riguarda il periodo 2024-2025, su base standalone (pre Carige) dalla sim si attendono “un risultato netto di circa 570 - 690 milioni rispettivamente. Sulla base delle stime preliminari sulle possibili sinergie con Carige, a livello combined vediamo un utile netto 2024/2025 a circa 620/770 milioni rispettivamente”.

Il 2022 di Bper, infine, è visto da Equita come un anno di “difficile lettura considerando i numerosi elementi one-off. A livello di dividendo ipotizziamo un payout in progressiva crescita, al 50% al 2025, con una distribuzione cumulata pari a circa 960 mln, vale a dire oltre il 35% della capitalizzazione di mercato in arco piano”.

Il focus degli analisti

L’appuntamento di domani per il piano di Bper potrebbe essere un “catalizzatore”, spiegano gli analisti di Jefferies, che, dopo la ricezione della definitiva autorizzazione all’acquisto del 79,4% del capitale di Carige, aumentavano il prezzo obiettivo sulla banca da 2,9 a 3,3 euro, confermando la raccomandazione ‘buy’.

“Aumentiamo del 15% il nostro target price perché ora vediamo ulteriori venti a favore dalla conferma dell’acquisizione di Banca Carige grazie al miglior contesto sui tassi”, spiegano dal broker, i cui analisti continuano “a vedere un margine di rialzo del 5% circa per le stime di consenso sul net interest income”, oltre a credere “che le attese sul ritorno per gli azionisti saranno anch’esse riviste al rialzo (payout visto al 50% rispetto al 40% atteso dal consenso nel 2024)”.

‘Buy’ confermato tre giorni fa anche da parte di Kepler Cheuvreux con target price invariato a 2,4 euro, visto il raggiungimento di “un utile netto di 660 mln euro nel 2025” definito “possibile” dai suoi analisti.

“La presentazione del nuovo Piano arriva dopo che la settimana scorsa si è perfezionato, entro i termini contrattualmente previsti, il closing dell’operazione di cessione della partecipazione del Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd) e dello Schema volontario in Banca Carige in favore di Bper, verso il corrispettivo di 1 euro e previo contributo da parte del Fitd in Carige pari a 530 milioni di euro a titolo di versamento in conto capitale”, ricordano da Kepler.

Infine, raccomandazione ‘neutral’ e target price a 1,90 euro per WebSim, con i suoi analisti che prevedono il lancio di un MTO sul residuo capitale di Carige da parte di Bper nel mese di luglio, per completare la fusione con Carige entro fine anno.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Idea di investimento
Possibile rendimento Annuo del 15,20% con il certificate su BPER, Intesa e Unicredit
Sottostanti:
UniCredit S.p.AIntesa SanpaoloBPER Banca SpA
Rendimento p.a.
15,208%
Cedole
3,802% - €38,02
Memoria
si
Barriera Capitale
70%
Barriera Cedole
70%
ISIN
DE000VV1A6L9
Maggiori Informazioni


I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: BPE
Isin: IT0000066123
Rimani aggiornato su: Bper Banca

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni