Burberry affondata dal calo delle vendite nelle Americhe


Non basta l’aumento delle vendite in Cina per la società britannica arrivato grazie alle riaperture nel paese asiatico e per il futuro il contesto rimane “incerto” secondo il management del marchio del lusso.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Vendite su Burberry

Mattinata difficile per Burberry alla borsa di Londra dopo la diffusione dei dati preliminari relativi alle 52 settimane terminate al primo aprile 2023.

Le azioni del marchio di lusso britannico arrivano a cedere il 6% a 2.368 pence, avviandosi verso la peggiore seduta dal marzo 2022, ai minimi da due mesi.

Resta, per il momento, ancora positivo il bilancio del titolo in questo 2023, con una crescita del 16% rispetto ai livelli di gennaio (2.067 GBX).

Difficoltà nelle Americhe

I numeri del quarto trimestre mostrano un aumento delle vendite in Cina continentale pari al 13%, arrivate grazie alla riapertura dell’economia e alla ripresa del turismo nella regione, anche se “la ripresa nell’area Asia Pacifico (APAC) non è così forte come le aspettative del consensus”, sottolineano gli analisti di RBC Europe Limited.

A pesare sono le dichiarazioni della società, secondo la quale si sta assistendo una situazione “sfidante” nelle Americhe, dove le vendite comparabili sono calate del 3% su base annuale, con un peggioramento a -7% nel quarto trimestre, anche se l’amministratore delegato, Jonathan Akeroyd, si attende una ripresa entro il secondo trimestre.

Gli altri numeri

La società comunicato un aumento del 16% delle vendite comparabili nei negozi arrivato nell’ultimo trimestre dell’anno fiscale, accelerando così dall’1% del terzo trimestre e oltre il consensus pubblicato dall’azienda del 14%.

I ricavi dell’intero esercizio sono aumentati del 10% a 3.094 milioni di sterline, il profitto operativo adjusted del21% a 634 milioni di sterline e il free cach flow del 16% a 393 milioni.

Infine, l’eps adjusted è arrivato a 122,5 pence dai 94 pence dell’esercizio precedente.

Forte performance finanziaria

L’ad Akeroyd si è dichiarato “molto soddisfatto dei risultati ottenuti quest’anno”, in quanto la società ha realizzato “una forte performance finanziaria, sostenuta da buoni progressi nelle nostre categorie principali di pelletteria e abbigliamento esterno, con un'accelerazione del fatturato nel quarto trimestre, grazie alla ripresa della crescita nella Cina continentale”.

La società ha “riorganizzato la supply chain, il merchandising e i team digitali sotto la guida di nuovi leader per portare avanti la nostra strategia”, aggiungeva nella nota societaria il manager.

Per il futuro, il contesto resta “incerto”, ma Akroyd resta “fiducioso che riusciremo a raggiungere i nostri obiettivi per l'anno fiscale 24 e per il medio termine. concentrandoci sull'esecuzione del nostro piano per realizzare il potenziale di Burberry come moderno marchio di lusso britannico”.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Premi incondizionati dell'11% annui con il certificate su Enel, Eni e Unicredit
Sottostanti:
Eni S.p.AUniCredit S.p.AEnel SpA
Rendimento p.a.
11%
Cedole
0,917% - €9,17
Memoria
si
ISIN
IT0006754896
Emittente
Marex Financial
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy