Stop loss, cos’è e come usarlo


Lo stop loss ti aiuta a fissare limiti di perdita e proteggere il tuo investimento. Conosciamo meglio questo strumento.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Stop loss significato

Lo stop loss, letteralmente “stop alla perdita”, è uno degli strumenti più importanti di gestione del rischio, indispensabile al trader per limitare le perdite sulle attività di trading che effettua sul mercato.

Un'operazione che acquisisce ancora più importanza per chi si è avvicinato da poco al mondo del trading: oltre a fantasticare sui potenziali guadagni servirebbe focalizzarsi anche sulle potenziali perdite.

Dal punto di vista tecnico, con lo stop loss il trader comunica al proprio broker il livello al quale chiudere la posizione in perdita. In questo modo l’operatore stabilisce prima di operare la quantità massima di capitale che è disposto ad intaccare con una specifica operazione.

Lo stop loss, in sintesi, è quello strumento che consente di applicare uno stop alla perdita massima, un po’ come un paracadute che ci permette di non precipitare.

Lo stop loss viene posizionato al di sotto del prezzo di acquisto per le posizioni long o al di sopra del prezzo di acquisto per le posizioni short. Nel caso in cui il prezzo raggiunge il livello impostato dallo stop loss, l'ordine diventa attivo e la posizione viene chiusa automaticamente, limitando così la perdita massima.

A cosa serve lo stop loss

Lo stop loss è utilizzato dai trader per limitare le perdite in caso di movimenti imprevisti dei mercati finanziari, impostando un livello di prezzo limite al di sotto del quale la posizione viene automaticamente chiusa. L'obiettivo principale dello stop loss è proteggere il proprio capitale.

Anche i trader più esperti possono commettere errori o essere colti di sorpresa da eventi imprevisti che causano movimenti imprevedibili del mercato. Pertanto, l'utilizzo di uno stop loss è una pratica essenziale per gestire il rischio e proteggere il proprio capitale dalle perdite eccessive.

Un esempio. Supponiamo di avere acquistato 1000 titoli X al prezzo di 3 euro l'uno, per un totale di 3.000 euro. Il giorno dopo il titolo crolla fino a 2 euro ma te ne accorgi solo a fine giornata, quando hai maturato una perdita di 1.000 euro. Se avessi invece inserito uno Stop Loss a 2,8 euro, il titolo sarebbe stato venduto e avresti limitato le perdite a soli 200 euro.

Tuttavia, se non impostato nella forma corretta, potremmo ad esempio chiudere prematuramente una posizione che in seguito avrebbe potuto guadagnare.

Tipologie di stop loss

Esistono diverse tipologie di stop loss e benché il loro scopo sia limitare le perdite su una posizione, possono essere utilizzati in modi leggermente differenti a seconda della strategia di trading.

Le principali  tipologie di stop loss sono:

  • stop loss percentuale, si imposta un ordine di stop loss in base a una percentuale del valore dell'investimento. Ad esempio, se si imposta uno stop loss del 5%, questo significa che l'ordine di stop loss verrà eseguito se il valore dell'investimento scende del 5% rispetto al prezzo di acquisto. Questo tipo di stop loss consente di gestire il rischio in modo proporzionale al valore dell'investimento.
  • stop loss in valore monetario, si imposta un ordine di stop loss in base a un valore monetario specifico. Ad esempio, se si imposta uno stop loss di 100 dollari, questo significa che l'ordine di stop loss verrà eseguito se il valore dell'investimento scende di 100 dollari rispetto al prezzo di acquisto. Questo tipo di stop loss consente di gestire il rischio in modo preciso e indipendentemente dal valore dell'investimento.
  • stop loss basato sulla volatilità tiene conto della volatilità dei mercati per determinare dove impostare l'ordine di stop loss. Uno stop loss basato sulla volatilità può essere impostato utilizzando diverse metriche di volatilità, come la deviazione standard o l'intervallo giornaliero medio.
Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Intesa SanpaoloBanco BPMUnicredit
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD5TR73
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy