Diasorin ancora protagonista a Piazza Affari con il boom dei tamponi

diasorin titolo

La società produttrice dei test per il Covid 19 continua a correre a Milano grazie al boom dei tamponi arrivato con l’obbligatorietà del Green Pass deciso del governo. Inoltre, le azioni Diasorin sono sostenute oggi anche dall’aumento della guidance da parte dei rivali di BioMérieux.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


La corsa di Diasorin

L’entrata in vigore dell’obbligo del Green Pass nei luoghi di lavoro continua a sostenere il titolo Diasorin a Piazza Affari.

A circa due ore dall’avvio delle contrattazioni, infatti, le azioni Diasorin arrivano a guadagnare circa il 2%, superando quota 189 euro, risultando così il titolo migliore tra le blue chips del Ftse Mib, oggi sotto la parità.

Diasorin, dunque, prosegue il suo rally che dal 15 ottobre vede una crescita di oltre il 5%, mentre dallo scorso martedì 19 ottobre l’aumento è pari al 7%.

Il boom dei tamponi

Diasorin è una società italiana attiva, tra le altre cose, proprio nella produzione di test per il Covid 19, indispensabili per avere il Green Pass nel caso in cui non si volesse fare il vaccino.

La giornata di martedì ha visto un vero e proprio boom dei tamponi, arrivati a 662 mila in Italia, rappresentando un vero e proprio record per il nostro paese.

L’aumento della richiesta di test era iniziato già nel giorno dell’entrata in vigore dell’obbligatorietà del certificato lo scorso 15 ottobre, quando si erano raggiunti i 506 mila tamponi contro i 324 mila del giorno precedente.

BioMérieux alza la guidance

Un ulteriore sostegno a Diasorin arriva oggi dalla Francia, dove la rivale BioMérieux ha alzato i suoi obiettivi finanziari per il 2021, visto l’effetto positivo sulle sue vendite nel terzo trimestre arrivato dal perdurare della crisi sanitaria.

“Data la domanda migliore del previsto nel terzo trimestre per i pannelli respiratori multiplex, le vendite annuali dovrebbero ora crescere organicamente dal 4% al 7%, a tassi di cambio e portata costanti”, spiegava la società, mentre “il reddito operativo corrente dovrebbe essere superiore a 700 milioni di euro ai tassi di cambio correnti”.

Si tratta di una revisione al rialzo rispetto ai precedenti obiettivi di fatturato visti “stabili” o, nel migliore dei casi, con una crescita organica del 5% e un utile operativo in linea con i 613 milioni di euro del 2020.

Previsioni risalenti allo scorso aprile che in quel caso avevano attirato forti vendite su Diasorin, con una flessione giornaliera del 5% per la società italiana.

Il terzo trimestre dei francesi aveva visto un’accelerazione dell’11,1% delle vendite, arrivate a 877,4 milioni di euro, mentre la crescita organica a tassi di cambio e area di consolidamento costanti è stata dell'11,6%.

I risultati delle vendite trimestrali di bioMérieux hanno superato significativamente le aspettative di Gilbert Dupont, che si attendeva un fatturato trimestrale di 750 milioni di euro, secondo i dati compilati da Factset.

Nei primi nove mesi dell'anno, le vendite di bioMérieux hanno raggiunto i 2,45 miliardi di euro, in crescita dell'8,2% su base dichiarata e del 12,1% su base organica.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: DIA.MI
Isin: IT0003492391
Rimani aggiornato su: Diasorin

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni