Dow Jones: cos’è e composizione


Il Dow Jones è uno degli indici azionari più influenti al mondo. Scopri di più sulla sua storia, composizione, metodo di calcolo e ruolo nell'economia globale.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Che cos'è il Dow Jones

Nel mondo della finanza, pochi indici hanno l'autorevolezza e l'influenza del Dow Jones Industrial Average (DJIA). Sin dalla sua creazione, è diventato un barometro indispensabile per misurare la salute dell'economia americana e, in una certa misura, dell'economia globale.

L’indice Dow Jones Industrial Average è uno degli indici azionari più seguiti e citati nel mondo. È composto dai primi 30 titoli quotati al NYSE (New York Stock Exchange).

L'indice è progettato per riflettere la salute generale del mercato azionario statunitense e, di conseguenza, è utilizzato come indicatore della performance economica generale del paese.

L'indice Dow Jones fu creato nel 1896 da Charles Dow e Edward Jones. Dow, fondatore del The Wall Street Journal, è considerato il padre dell'analisi tecnica, mentre Jones era un statistico finanziario americano. Insieme, hanno creato il DJIA per fornire un modo semplice e comprensibile per descrivere le fluttuazioni del mercato azionario.

Nel corso degli anni, l'indice ha subito numerosi cambiamenti, sia nella composizione che nella metodologia di calcolo. Nonostante ciò, è rimasto un indicatore affidabile e ampiamente utilizzato delle condizioni economiche.

Composizione Dow Jones

Inizialmente le 12 società originarie che ne facevano parte operavano nel settore delle ferrovie, cotone, gas, zucchero, tabacco e petrolio.

In seguito l'indice Dow Jones è cresciuto fino a includere 30 società blue chip leader nei loro rispettivi settori. Non è dunque legato ad alcun settore specifico, per cui il suo paniere include titoli appartenenti a diversi settori produttivi, sia tradizionali sia della new economy .

Queste società includono colossi come Apple, Boeing, Microsoft e Coca-Cola. La composizione dell'indice non è fissa e può cambiare nel tempo, a seconda delle condizioni economiche e della performance delle società. Ad esempio, nel 2020, Salesforce, Amgen e Honeywell International sono state aggiunte all'indice, sostituendo Exxon Mobil, Pfizer e Raytheon Technologies.

Ogni società all'interno dell'indice ha un peso, che è determinato dal prezzo della sua azione. Le società con un prezzo delle azioni più alto avranno un peso maggiore nell'indice e influenzeranno di più il suo valore complessivo.

Come viene calcolato il Dow Jones

Il Dow Jones Industrial Average viene calcolato tutti i giorni di borsa aperta dalle 9.30 alle 16 (ora di New York) ed il suo valore viene aggiornato a seguito di ogni transazione avente ad oggetto una delle azioni appartenenti all'indice.

Il Dow Jones è un indice ponderato per prezzo. Questo significa che le società con un prezzo per azione più elevato hanno un impatto maggiore sull'indice rispetto a quelle con un prezzo per azione inferiore. Dal punto di vista metodologico l'indice viene calcolato sommando il prezzo di tutti i 30 titoli che lo compongono e dividendo tale somma per un divisore “rettificato”, noto come "divisore Dow". Questo divisore è stato introdotto per mantenere la continuità e la comparabilità dei valori storici dell'indice durante gli eventi che alterano il prezzo delle azioni incluse nel paniere, come stacco dividendi, cambi nella composizione delle azioni, aumenti di capitale, scissioni e fusioni.

Il calcolo dell'indice Dow Jones può sembrare semplice, ma richiede in realtà un'attenta gestione per riflettere accuratamente le condizioni del mercato. Ad esempio, in caso di frazionamento azionario, il prezzo dell'azione diminuisce, e senza un aggiustamento, questo potrebbe portare a una caduta artificiale dell'indice. Pertanto, il divisore Dow viene aggiustato per garantire che tali eventi non alterino il valore complessivo dell'indice.

Il Dow Jones e altri indici americani

Sebbene il Dow Jones sia uno degli indici più noti, non è l'unico utilizzato per monitorare le condizioni del mercato azionario Usa.

Altri indici importanti includono l'S&P 500 e il NASDAQ Composite.

L'S&P 500 è un indice ponderato per la capitalizzazione di mercato che include 500 delle più grandi società statunitensi. È spesso visto come un indicatore più accurato della performance del mercato azionario rispetto al Dow Jones, poiché include un numero maggiore di società e la sua ponderazione per capitalizzazione di mercato dà un peso maggiore alle società più grandi.

Il NASDAQ Composite, d'altra parte, include tutte le società quotate sul NASDAQ Stock Market, molte delle quali appartengono al settore tecnologico. Questo lo rende un buon indice per monitorare la performance delle società tecnologiche.

Il Dow Jones nel contesto economico moderno

Nell'economia moderna, il Dow Jones continua a svolgere un ruolo importante. È spesso utilizzato come indicatore delle condizioni economiche generali e può influenzare le decisioni di investimento e politiche. Anche se l'indice ha le sue limitazioni, la sua lunga storia e la sua composizione di società leader lo rendono uno strumento di riferimento nel mondo finanziario. Il Dow Jones Industrial Average è un riflesso della salute economica americana, un barometro delle condizioni di mercato e una parte fondamentale del tessuto finanziario globale.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Intesa SanpaoloBanco BPMUniCredit S.p.A
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD5TR73
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy