L’Europa vira a destra, future delle borse deboli


Marine Le Pen ha travolto Emmanuel Macron in Francia, mentre in Germania esce umiliato Olaf Scholz e il suo Spd, in Italia vince il partito di Giorgia Meloni. A Bruxelles però, la maggioranza composta da Ppe, Socialisti e Renew, stando alle proiezioni, si attesta ben sopra i i 400 seggi, con un margine piuttosto netto rispetto alla soglia minima di 360. In Italia, Fdi cresce ancora e quota al 28,9%, bene anche il Pd targato Schlein che è al 24,5. Secondo il CME FedWatch Tool, i futures sui Fed-funds vedono solo l'8,9% di possibilità che la Fed tagli i tassi di interesse entro la riunione di luglio.

Oggi alle 17 esce il sondaggio sulle aspettative dei consumatori della Fed di New York. Qualche ora più tardi, sulla Costa Ovest, il CEO di Apple, Tim Cook darà il via alla Worldwide Developers Conference 2024, i lavori si chiudono venerdì.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


L’aumento della paga e dei posti di lavoro non è il genere di novità che in questo momento sono gradite a Wall Street. Venerdì gli indici di riferimento della borsa degli Stati Uniti sono arretrati, invertendo la rotta dopo una prima parte della settimana di rialzi guidati dalle indicazioni di perdita di spinta dell’economia. L’indice S&P500 ha perso 0,1%, ma la settimana è terminata con un bilancio più che positivo, +1,3%.
In maggio la variazione dei salari non agricoli è stata positiva per 272.000 unità, contro il circa novantamila in più di quel che si aspettava il consensus, da 165.000 di aprile. Ancora più sorprendente l’incremento dello 0,4% del salario medio mese su mese, in accelerazione dal +0,2% di aprile.

TAGLIO TASSI PIU’ LONTANO

Secondo il CME FedWatch Tool, i futures sui Fed-funds vedono solo l'8,9% di possibilità che la Fed tagli i tassi di interesse entro la riunione di luglio. Il dato è in calo rispetto al 21,7% di giovedì. Le probabilità di non tagliare i tassi prima delle elezioni del 2024 sono salite al 51% dal 31,3% di giovedì. I timori per l'inflazione sono riemersi in vista dell'indice dei prezzi al consumo e della riunione del Federal Open Market Committee di questa settimana. I trader puntano ancora una volta in segnali di un “atterraggio morbido” in cui l'inflazione possa raffreddarsi senza far precipitare gli Stati Uniti in una recessione.

In Asia sono chiuse le borse della Cina. Sale nel finale di seduta l’indice Nikkei di Tokyo, +0,8%. Poco mosso il mercato azionario dell’India.

SETTIMANA

Oggi alle 17 esce il sondaggio sulle aspettative dei consumatori della Fed di New York. Qualche ora più tardi, sulla Costa Ovest, il CEO di Apple, Tim Cook darà il via alla Worldwide Developers Conference 2024, i lavori si chiudono venerdì.

Martedì, il Federal Open Market Committee inizia la riunione politica di giugno e la National Federation of Independent Business pubblica l'indice di ottimismo delle piccole imprese per il mese di maggio.

Mercoledì, il Bureau of Labor Statistics comunicherà l'indice dei prezzi al consumo per il mese di maggio, mentre il FOMC annuncerà la sua decisione di politica monetaria e il suo Summary of Economic Projections trimestrale. A seguire la conferenza stampa del Presidente della Fed, Jerome Powell.

Giovedì, il BLS comunicherà l'indice dei prezzi alla produzione per il mese di maggio e il Dipartimento del Lavoro comunicherà le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione per la settimana conclusasi l'8 giugno.

Venerdì, l'Università del Michigan pubblicherà l'indice del sentimento dei consumatori per il mese di giugno e la Banca del Giappone pubblicherà la sua decisione di politica monetaria.

Le borse dell’Europa dovrebbero aprire in calo, future del Dax di Francoforte -0,4%. L’Euro si indebolisce anche stamattina, a 1,075, principalmente per effetto delle ultime sull’economia degli Stati Uniti, ma anche per effetto della vittoria dei partiti di destra alle elezioni europee.

ELEZIONI EUROPEE

Marine Le Pen ha travolto Emmanuel Macron in Francia, mentre in Germania esce umiliato Olaf Scholz e il suo Spd, in Italia vince i partito di Giorgia Meloni. A Bruxelles però, la maggioranza composta da Ppe, Socialisti e Renew, stando alle proiezioni, si attesta ben sopra i i 400 seggi, con un margine piuttosto netto rispetto alla soglia minima di 360. "Invitiamo i Socialisti e Renew ad un'alleanza pro-europea”, è la mano tesa del leader del Ppe, Manfred Weber, e poi della stessa von der Leyen, convinta che si debba continuare "con una piattaforma pro-Ue, pro-Ucraina e pro-Stato di diritto”. Teoricamente i tre partiti filo-Ue possono fare a meno di qualsiasi supporto esterno. Il Ppe potrà contare su 189 seggi, S&d su 135, i Liberali (che hanno perso ventidue eurodeputati) su 80. Il gruppo dei Conservatori e Riformisti è avanzato di poco (da 68 a 72) a causa delle cattive performance di Vox in Spagna e del PiS in Polonia. La Sinistra ha retto il colpo passando da 37 a 36 seggi.

In Italia, Fdi cresce ancora e quota al 28,9%, bene anche il Pd targato Schlein che è al 24,5. Il M5s crolla invece al 10,5%, tallonato da Fi-Noi Moderati che va al 9,7% e supera una Lega (all'8,5%) che non monetizza apparentemente l’effetto Vannacci, il generale è comunque stato eletto all'Eurocamera. Risultato lusinghiero per Avs (al 6,8%) che manda Ilaria Salis a Strasburgo.

SOLO GIGANTI E TITANI A WALL STREET

Per la prima volta, almeno dal 2000, tre titoli statunitensi - Microsoft , Nvidia e Apple rappresentano più del 20% del valore dello S&P 500, secondo i dati di Dow Jones ripresi da Market Watch.
"La forza di Nvidia e di altre megacapitali ha mascherato la debolezza di molte altre aree del mercato", ha dichiarato Katie Stockton, fondatrice di Fairlead Strategies. Secondo Stockton, le small cap, le mid cap e il Dow Jones Industrial - insieme alla versione equamente ponderata dello S&P 500- mostrano tutti segni di deterioramento. Il rapporto tra il Russell 2000, che si concentra sulle piccole capitalizzazioni, e lo S&P 500, che all'inizio di questa settimana è sceso al livello più basso dal 2001, secondo i dati di FactSet.

La divergenza dei prezzi relativi tra l'S&P 500 a ponderazione uguale e il suo pari a capitalizzazione, si è molto accentuata. Secondo gli analisti di BofA Global Research, il rapporto tra i due ha recentemente toccato il livello più basso dal 2009.

TITOLI

Prysmian. Il Cda della società ha approvato venerdì il lancio di un programma di riacquisto di azioni proprie per un ammontare massimo di 375 milioni di euro e ha anche annunciato l'esercizio dell'opzione di rimborso anticipato per un prestito convertibile pari a 750 milioni di euro.

Stellantis ha esteso il richiamo preventivo dei veicoli dove gli airbag potrebbero avere dei difetti anche ai modelli Citroen e DS, oltre alla marchio Opel, secondo quanto riportano i portavoce della società automobilistica a Reuters.

Monte Paschi. In vista della scadenza del periodo di lockup che impedisce al Tesoro di vendere nuove azioni della banca toscana, il Corriere della Sera di domenica ha ribadito che una delle possibilità allo studio è quella di collocare le azioni presso un gruppo selezionato di investitori per creare un nucleo di azionisti più stabile rispetto ai fondi di investimento che hanno acquistato finora.

Telecom Italia. Il Ministero dell'economia e il fondo spagnolo Asterion starebbero finalizzando un'offerta di circa 800 milioni di euro da presentare a Tim per l'acquisto della rete dei cavi sottomarini di Sparkle, ha riportato Repubblica domenica. Il Tesoro acquisirebbe il controllo del 51% della socie

Terna ha rinnovato il programma di emissioni obbligazionarie e alzato l'ammontare massimo a 12 miliardi di euro.

IndelB. Il Cda di Indel B promuoverà un'offerta pubblica di acquisto volontaria parziale su massime 315.000 azioni ordinarie della società, pari al 5,39% del capitale, al prezzo di 25 euro per azione per un controvalore massimo di 7,875 milioni. Il periodo di adesione all'Opa parte oggi 10 giugno e va fino al 28 giugno.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Intesa SanpaoloBanco BPMUnicredit
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD5TR73
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy