Fincantieri affonda: pesa il debito superiore alle previsioni


La società italiana operante nel settore della cantieristica navale e il più importante gruppo navale d'Europa ha visto un aumento dei ricavi pari al 16% nel semestre ma la posizione finanziaria netta ha segnato un debito superiore alle attese.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Fincantieri in difficoltà

Prosegue il calo di Fincantieri dopo i dati della semestrale diffusi oggi caratterizzati da un risultato netto negativo impattato da una review del portafoglio del business e da partite non ricorrenti del periodo.

Dopo quasi due ore di contrattazioni, le azioni della società cedono oltre il 7%, ma sono arrivate e perdere anche il 13% con un minimo di 0,49 euro.

Alti i volumi, con oltre 4,2 milioni di pezzi scambiati, rispetto ad una media a 30 giorni di 1,85 milioni di titoli.

I numeri della semestrale

Il primo semestre di Fincantieri si è chiuso con una crescita dei ricavi pari al 16%, arrivando così a 3,5 miliardi di euro, in linea con le previsioni di sviluppo dell’attuale portafoglio ordini, a cui si contrappone, però, un risultato netto negativo di 234 milioni.

La posizione finanziaria netta risulta a debito per 3.296 milioni (2.238 milioni di euro al 31 dicembre 2021), coerente con i volumi di produzione sviluppati dal Gruppo nel corso del semestre e il piano di consegne con 5 unità cruise nella seconda metà dell'anno.

L’Ebitda è pari a 90 milioni di euro (219 milioni nello stesso periodo del 2021), con un Ebitda margin del 2,6% escluse le attività passanti (7,2% nel 2021).

Il risultato di periodo è stato di -234 milioni di euro, andato in rosso dopo i 7 milioni positivi nello stesso semestre 2021, mentre quello adjusted è stato negativo per 94 milioni, quando nel 2021 era positivo per 49 milioni di euro.

A pesare sui numeri sono stati gli esiti di una review strategica delle commesse nel settore delle Infrastrutture, la valutazione degli effetti dei maggiori prezzi delle materie prime sui costi a vita intera delle commesse nel settore Shipbuilding, la svalutazione di alcuni attivi finanziari, oltre alla svalutazione dell’avviamento della controllata norvegese Vard e della controllata USA Fincantieri Marine

Rischio aumento di capitale

“Al mercato non è piaciuto il dato sul debito netto molto superiore alle attese”, e “a questo punto, non è da escludere che ci sia il rischio di un aumento di capitale”, dichiarano due trader alla Reuters.

Stesse preoccupazioni per gli analisti di WebSim: “l'indebitamento e la leva finanziaria rimangono elevati; prevediamo una revisione significativa al ribasso delle stime e non escludiamo a questo punto il rischio di un aumento di capitale, anche se la generazione di cassa dovrebbe migliorare nel 2H 2022 con la consegna di 5 navi da crociera (solo 2 consegnate nel 1H 2022)”.

La sim, pertanto, conferma la raccomandazione ‘poco interessante’ su Fincantieri, con target price di 0,55 euro.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: FCT
Isin: IT0001415246
Rimani aggiornato su: Fincantieri

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni