Future in calo, giù anche il petrolio


Ora tocca perdere terreno anche alle materie prime, ultimo asset in genere a scendere davanti a una recessione. Il petrolio arretra del 4% con il Brent in poche sedute passato da 123 dollari a 110. Se si dovesse mantenere questo avrà un impatto positivo sul calo dell’inflazione nei prossimi mesi.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Borse mondiali in calo

Future in pesante calo con il derivato sull’Euro Stoxx 50 che arretra dell’1,5% anche a Wall Street sembra già voler spegnersi il tentativo di rimbalzo con il derivato sull’S&P500 che flette dell’1%.
Non sono foriere di ottimismo neppure le Borse asiatiche con il Csi 300 cinese che arretra dello 0,7%, in calo ad Hong Kong l’Hang Seng dell’1,5%, si comporta decisamente peggio l’Hang Seng tech che arretra del 2,8%.

Misti l’andamento dei tech a Hong Kong con Li auto che guadagna il 5,8% e Nio l’1,9%, crollano i titoli legati alle piattaforme che vendono prodotti farmaceutici online. Alibaba Health International lascia sul terreno il 15,8% e Jd Health arretra del 15%. Attenzione che oggi alcuni giornali italiani scrivono che a crollare del 14% è Alibaba, ma non è così: Alibaba arretra del 2%, a crollare è solo la divisione che vende farmaci on line dopo che Pechino è intervenuta per vietare/mettere sotto controllo la vendita di farmaci via internet.
A indebolire Alibaba sono le indiscrezioni secondo cui la società e il suo braccio finanziario Ant Group starebbero separando diverse attività per ridurre il conflitto di interessi e rendere possibile la quotazione di Ant Group.
Ant gestisce l'app di pagamento mobile cinese Alipay, con oltre 1 miliardo di utenti. Alibaba ha registrato oltre il doppio della crescita dei ricavi della concorrente statunitense Amazon nell'anno fiscale 2021, un tempo era l'orgoglio dell'innovazione cinese. Ma da diversi mesi la situazione è cambiata a causa della stretta normativa sul settore tech. Il governo del presidente Xi Jinping disapprova la concentrazione del potere nelle mani di poche realtà private.

Obbligazioni

Spread ancora sotto controllo a 194 punti base con il rendimento del decennale italiano a 3,656% mentre il cugino tedesco rende l’1,714%.
Il Treasury a 10 anni rende il 3,2%, il due anni il 3,16%.

Bce

I riflettori sono ovviamente puntati in prima battuta su Francoforte, e in particolare sul nuovo strumento anti-spread allo studio.
Se da una parte Christine Lagarde - in quello che gli analisti di Deutsche Bank hanno definito un "quasi 'whatever it takes'" - ha promesso che la Bce "stroncherà sul nascere" qualsiasi rischio di frammentazione che ostacolerebbe la corretta trasmissione della politica monetaria nel blocco, alcuni dei consiglieri dell'ala hawkish hanno già avvertito che la banca centrale non intende distribuire pasti gratis.
Previsti in giornata interventi pubblici del vicepresidente Luis de Guindos e del consigliere Frank Elderson.

Oggi Antonio Tognoli, strategist di Integrae Sim scrive: “La Commissione Europea sembra voler fare sul serio. Sono infatti diverse le dichiarazioni a favore dell’Unione e di difesa dell’euro. Occorre però che le buone intenzioni diventino anche buone azioni. L’effetto annuncio è importante, ma non basta. Come sarà strutturato lo scudo antispread da circa 1.700 miliardi di euro e che potrebbe arrivare entro il 21 luglio prossimo (o prima se la situazione lo esige)?“.

FED

C'è attesa per l'audizione davanti alla Commissione Bancaria del Senato del presidente della banca centrale Usa Jerome Powell sulla politica monetaria, mentre il mercato si interroga sulla portata e i tempi della stretta da parte della Fed e sull’eventualità che un approccio molto aggressivo pesi sulla crescita
Ieri Thomas Barkin, presidente di Fed Richmond, ha detto che un rialzo dei tassi di interesse di 50 o 75 punti base al meeting di luglio è uno scenario "piuttosto ragionevole". L'ultimo sondaggio Reuters vede un +75 a luglio e un +50 a settembre.
Per Goldman Sachs, le possibilità che l'economia statunitense entri in recessione il prossimo anno sono salite dal 15 al 30%, spinte dal permanere di un'alta inflazione e dalle ripercussioni del conflitto in Ucraina.
Secondo gli analisti di Pimco, proprio in caso di recessione i Treasury - dopo l'inizio d'anno peggiore della loro storia - potrebbero tornare presto ad essere considerati appetibili.

Banca del Giappone

Nei verbali del meeting di fine aprile, resi noti stanotte, Bank of Japan continua a porsi fuori dal coro hawkish dei principali istituti centrali, sottolineando la necessità di mantenere una politica di stimolo massivo all'economia ancora fragile, nonostante il declino dello yen. Alcuni membri del board hanno osservato tuttavia che un'eccessiva volatilità valutaria potrebbe danneggiare i piani di business delle aziende.

BTP ITALIA

Terza e ultima giornata di offerta retail oggi per il nuovo Btp Italia a 8 anni indicizzato all'inflazione. Ieri il totale degli ordini ha toccato quota 5,87 miliardi di euro, contro gli 8,79 miliardi raggiunti nelle prime due giornate di offerta in occasione dell'ultima edizione, nel maggio 2020.) Via XX settembre potrebbe comunicare in mattinata la chiusura anticipata oggi dell'offerta dedicata ai risparmiatori privati. Domani dalle 10 alle 12 l'emissione sarà dedicata agli istituzionali, ma prima il Tesoro comunicherà la cedola definitiva, che non potrà comunque essere inferiore a 1,60%.

Gas

Secondo l'associazione degli industriali tedeschi, la Germania rischia la recessione se le forniture di gas russo, già altalenanti, si interromperanno completamente. L'Italia sta pensando alla possibilità di offrire un sostegno finanziario alle aziende per rifornirsi, nel tentativo di evitare una crisi più grave in inverno.
Il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani ha detto che Roma acquisterà carbone su basi prudenziali, per essere pronta a massimizzare l'uso delle centrali elettriche a carbone se necessario, ribadendo che l'esecutivo non intende per ora dichiarare lo stato di allerta

Cambi

Attorno alle 7,40 il cross euro/dollaro vale 1,0494 (in calo di 0,29%); il cambio euro/yen 142,99 (in calo di 0,66%) mentre il dollaro scambia a 136,22 su yen (in calo di 0,29%).

Oil

Greggio in ritirata con il Brent che perde il 4,2% a 110 dollari al barile.

Tra i titoli a Piazza Affari segnaliamo

Il Cda di Saipem ha esercitato la delega ad aumentare il capitale sociale in via inscindibile per 2 miliardi di euro, fissandone termini e condizioni finali: l'aumento avverrà mediante emissione di 1.974.327.430 azioni ordinarie Saipem, prive di valore nominale espresso, aventi godimento da offrire in opzione agli azionisti ordinari e di risparmio nel rapporto di 95 nuove azioni ogni 1 azione ordinaria o di risparmio posseduta, al prezzo di sottoscrizione di 1,013 euro per ciascuna nuova azione. I diritti di opzione saranno esercitabili dal 27 giugno all'11 luglio.

Si riunisce nel pomeriggio il cda di Generali per cercare un accordo per la sostituzione di Francesco Gaetano Caltagirone. Secondo alcuni quotidiani la proposta del presidente Sironi alle minoranze del Consiglio dovrebbe indicare tre nomi della lista Caltagirone: Alberto Cribiore, Andrea Scrosati e Stefano Marsaglia. La proposta non seguirebbe l'ordine dei candidati, richiesto dal fronte Caltagirone, che invece indicherebbe dopo Roberta Neri, che ha declinato, i nomi di Claudio Costamagna e Luciano Cirinà.

In una nota pubblicata ieri sul sito del Gme, Eni ha detto che anche per oggi ha ricevuto dal proprio fornitore russo una conferma solo parziale delle richieste di approvvigionamento di gas verso l'Italia.

Il nuovo Cda di Iren ha confermato AD e direttore generale Gianni Vittorio Armani e ha nominato i componenti dei comitati consiliari e dell'organismo di vigilanza.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy