Il balzo di Palantir è la conferma della forza di Nvidia


Rialzo del 17% per le azioni della società di big data dopo risultati molto buoni grazie al boom della domanda di intelligenza artificiale. Goldman Sachs alza il target di Nvidia a 800 dollari e spiega: crescerà ancora la domanda di chip per calcolo accelerato.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


La diffusione dell’intelligenza artificiale corre come un treno inarrestabile e Nvidia ne è il suo alfiere principale. Negli ultimi cinque giorni le azioni della società californiana che produce i superchip per addestrare i sistemi di AI sono state consigliate con forza agli investitori da due broker del massimo rilievo come Goldman Sachs e Raymond James. E se questo non bastasse, lunedì a Wall Street la potenza dell’intelligenza artificiale è stata celebrata da Palantir, società specializzata nell’analisi dei big data, le cui azioni hanno fatto un balzo del 17% dopo la diffusione di risultati largamente migliori delle attese. I ricavi dell’ultimo trimestre del 2023 sono cresciuti del 20% sullo stesso periodo dell’anno precedente raggiungendo i 608 milioni di dollari e l’utile è triplicato a 93,4 milioni.

Il Ceo di Palantir: la domanda di AI è incessante

In una lettera agli azionisti, l'amministratore delegato di Palantir, Alex Karp, ha dichiarato che l'espansione e la crescita dell'azienda "non sono mai state così forti", soprattutto perché la domanda di modelli linguistici di grandi dimensioni negli Stati Uniti "continua a essere incessante". Palantir ha lanciato la sua piattaforma di intelligenza artificiale e Karp ha dichiarato che nel 2023 l'azienda ha effettuato quasi 600 test pilota con questa tecnologia, rispetto ai meno di 100 test del 2022. "I nostri risultati riflettono sia la forza del nostro software sia l'aumento della domanda di piattaforme di intelligenza artificiale che stiamo riscontrando in tutti i settori e le industrie", ha scritto Karp. I principali clienti di Palantir sono il ministero della Difesa Usa e altre agenzie del governo degli Stati Uniti.

Nuovo record: dall’inizio dell’anno Nvidia è salita del 44%

Palantir ha annunciato i risultati lunedì sera subito dopo la chiusura ufficiale della seduta di Wall Street, che ha visto ancora una volta Nvidia brillare con un rialzo 4,8%, segnando il nuovo massimo assoluto a 693,32 dollari. Dall’inizio dell’anno Nvidia è salita del 44%, dopo un rialzo di quasi il 200% nel 2023. Ma nessuno pensa che la corsa possa fermarsi qui. Su 52 analisti censiti da Market Screener, 48 raccomandano di comprare le azioni, anche se poi la media dei target price è ferma a 680 dollari, superata dal prezzo di chiusura di lunedì.

Goldman Sachs impressionata dall’ “ecosistema” dell’AI

In questa media spicca il prezzo obiettivo di Goldman Sachs, che lunedì ha alzato il target da 625 dollari a 800 dollari, indicando che le azioni Nvidia hanno ancora un potenziale di rialzo del 21% nei prossimi 12 mesi. A convincere gli analisti della banca newyorchese sono "diversi dati provenienti dall'ecosistema più ampio che indicano una forza sostenuta nella domanda di calcolo accelerato". La loro è una visione che ha trovato immediata conferma nei dati di Palantir, non ancora noti quando Goldman ha diffuso il report.

Un elemento fondamentale della posizione rialzista di Goldman Sachs è il successo di Nvidia nella monetizzazione dell'intelligenza artificiale, in particolare il suo contributo all’aumento dei ricavi di Meta e di Microsoft, che grazie ai superchip hanno potuto sviluppare i loro servizi di AI.

La forza di Nvidia è il ritmo con cui continua a innovare

Gli analisti sottolineano le prospettive di crescita degli investimenti legati all'AI, come dimostra l'adeguamento delle previsioni di investimento di Meta da 30-35 miliardi di dollari a 30-37 miliardi di dollari. "Crediamo che Nvidia rimarrà il gold standard del settore nel prossimo futuro, grazie alla sua solida offerta di hardware e software e, soprattutto, al ritmo con cui continua a innovare", affermano gli analisti di Goldman Sachs.

Raymond James: i ricavi dei chip per AI raddoppieranno nel 2024

Che Nvidia sia la grande beneficiaria della corsa agli investimenti per sviluppare servizi di intelligenza artificiale generativa è anche l’opinione della casa di brokeraggio Raymond James, che pochi giorni fa ha ribadito la raccomandazione Strong Buy e ha alzato il target price da 600 a 700 dollari. "Rimaniamo ottimisti sull'adozione dell'AI in tutti i settori e vediamo un lungo percorso per i fornitori di componenti", scrivono gli analisti, e aggiungono: "Stimiamo che i ricavi dei semiconduttori legati all'AI siano cresciuti del 200% nel 2023 e prevediamo che raddoppieranno nel 2024".

Raymond James ricorda che Nvidia è il principale produttore di chip AI per i data center. Sia le start-up che le aziende consolidate preferiscono i suoi prodotti perché Nvidia dispone di una solida piattaforma di programmazione, CUDA, che fornisce strumenti che facilitano lo sviluppo di applicazioni AI.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 15,60% annuo con il certificate su Microsoft, Nvidia e UiPath
Sottostanti:
Uipath IncNVIDIA CorporationMicrosoft Corporation
Rendimento p.a.
15,6%
Cedole
1,3% - €1,30
Memoria
no
Barriera Cedole
50%
ISIN
XS2677112240
Emittente
BNP Paribas
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: NVDA.US
Isin: US67066G1040
Rimani aggiornato su: NVIDIA

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni