IPO: il percorso verso l'Offerta Pubblica Iniziale


L'Offerta Pubblica Iniziale è il processo che porta all'ingresso di una società in Borsa, permettendo la raccolta di capitali e una maggior visibilità e prestigio.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Una IPO (Initial Public Offering), o Offerta Pubblica Iniziale, rappresenta un evento chiave per una società privata che decide di quotarsi su un mercato regolamentato. Questo passaggio permette di vendere le proprie azioni al pubblico, dando vita a un'intera serie di opportunità e sfide.

Le ragioni dietro un'IPO

Le motivazioni che portano una società a diventare pubblica sono varie. Da un lato, un'IPO permette di raccogliere capitali significativi, utili per finanziare l'espansione, saldare debiti o attrarre e mantenere talenti e risorse. D'altro canto, la quotazione in borsa porta con sé un incremento di prestigio e visibilità, valorizzando l'immagine della società di fronte a potenziali partner, clienti e, ovviamente, investitori.

La strada verso l'IPO: un processo articolato

Durante un'IPO, la società rende pubbliche le proprie azioni, creando un cosiddetto 'flottante'. Questo può avvenire attraverso tre metodi principali.

  • Tramite l'Offerta Pubblica di Sottoscrizione (OPS), in cui la società emette nuove azioni come risultato di un aumento di capitale. Queste azioni possono essere offerte a un pubblico ampio di investitori, solo a investitori istituzionali, o a un gruppo selezionato di soggetti. In alcuni casi, l'OPS può includere quote specifiche riservate a certe categorie di persone, come i dipendenti della società.
  • Tramite l'Offerta Pubblica di Vendita (OPV), la società può vendere azioni esistenti possedute dagli azionisti. Questo processo implica l'offerta di tutte o parte delle azioni con diritto di voto agli investitori. Allo stesso modo, queste azioni possono essere offerte al pubblico generale, agli investitori istituzionali, o a un gruppo selezionato di individui.
  • Infine, esiste l'Offerta Pubblica di Vendita e Sottoscrizione (OPVS), che combina elementi di OPS e OPV. In questo caso, la società offre sia azioni preesistenti che nuove azioni emesse.


La procedura di quotazione è divisa in varie fasi: delibera da parte del consiglio di amministrazione della società, lancio dell'operazione, stesura del prospetto informativo, che deve ricevere il nulla osta della Consob per la pubblicazione, ammissione a quotazione da parte di Borsa Italiana, costituzione del consorzio di collocatori, incontri con gli analisti, definizione di quantità e prezzo di collocamento delle azioni, offerta pubblica di vendita e/o di sottoscrizione, inizio delle negoziazioni.

Data la complessità dell’operazione, l’IPO richiede il supporto di soggetti specializzati quali il Global Coordinato, lo Sponsor, l’Advisor finanziario.

La durata del processo di una IPO può variare, a seconda della gestione e della coordinazione delle parti coinvolte, dai 4 ai 6 mesi.

Pro e contro di un'IPO

L'IPO può offrire grandi vantaggi, sia per la società che per gli investitori. L'aumento del capitale, l'espansione del brand e l'accessibilità della compravendita delle azioni sono solo alcuni dei benefici che una società può ottenere da un'IPO di successo.

D'altro canto, quotarsi in borsa comporta anche diverse responsabilità. Le società pubbliche sono soggette a stringenti normative e sono obbligate a divulgare pubblicamente i loro conti finanziari. Inoltre, le IPO possono comportare costi significativi e potrebbero richiedere ulteriori finanziamenti nel caso in cui le azioni non ottengano i risultati sperati sul mercato.

Lo sbarco in Borsa

Un'IPO è un passaggio cruciale nel ciclo di vita di una società, segnando il passaggio da entità privata a pubblica. Se ben gestito, questo processo può portare a benefici significativi. Tuttavia, la strada verso la quotazione in borsa è disseminata di sfide che richiedono un'accurata pianificazione e una strategia ben congegnata.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile maxipremio del 15% e premi trimestrali dell'1,5% (6% annuo) con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Banco BPMIntesa SanpaoloUniCredit S.p.A
Maxicedola
15%
Importo Maxicedola
€150,00
Rendimento p.a.
6%
Cedole
1,5% - €15,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD39CH4
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy