Jerome Powell più preoccupato dei conti che delle elezioni. In caso di bisogno la Fed farà la sua parte

jerome powell

Il tasso dei fondi federali al suo livello più basso tra lo 0% e lo 0,25% e nessun rallentamento al ritmo di acquisti di bond da 80 miliardi al mese. Preoccupa il timore di un secondo rallentamento dell’economia legato ai contagi, ma Powell ha rassicurato che farà la sua parte invocando anche un piano fiscale.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

La Fed c’è

La Federal Reserve ha mantenuto la politica monetaria costante con i tassi di interesse ai minimi storici e nessuna rallentamento agli acquisti di obbligazioni, poiché il presidente Jay Powell ha avvertito che l'aumento dei casi di coronavirus in tutto il mondo è stato "particolarmente preoccupante".

Ieri sera il Federal Open Market Committee, in un comunicato stampa ha dichiarato che manterrà il tasso dei fondi federali al suo livello più basso tra lo 0% e lo 0,25% e ha ribadito la sua promessa di mantenerlo fino a quando l'economia colpita dalla pandemia non avrà raggiunto la piena occupazione con inflazione più alta.

Durante la conferenza, il numero uno Powell ha dichiarato che "il recente aumento di nuovi casi di Covid-19 sia qui negli Stati Uniti che all'estero è particolarmente preoccupante". Ieri gli Stati Uniti hanno raggiunto il record di contagi per un Paese in sole 24 ore superando i 100mila casi.

Il percorso dell'economia dipenderà in modo significativo dal corso del virus.

Tattica in attesa di un presidente

Per gli esperti è solo tattica, si prende tempo per aspettare la conta dei voti e iniziare con il nuovo presidente. In caso invece di lungaggini e scontri politici post voto, i mercati sono convinti che arriverà una massiccia dose di tranquillante il cui principio attivo sarà la liquidità.

Per tre mesi la Federal Reserve è restata, volutamente, alla finestra, per non destare nessun tipo di inclinazione per l’uno o l’altro candidato.

La fase attendista è ben visibile anche dal grafico sottostante che mostra come il bilancio della banca centrale americana si sia fermato da giugno a oggi.

Riserva federale

A chi chiedeva un commento sul voto elettorale Powell ha risposto: "È un buon momento per fare un passo indietro e lasciare che le istituzioni della nostra democrazia facciano il loro lavoro", ha detto.

Come per Lagarde, anche Powell lamenta la necessità di un maggiore sostegno fiscale alle politiche della Fed da parte del Congresso e della Casa Bianca per  fornire un maggiore sostegno  all'economia statunitense fiscale, ora che i precedenti cicli di stimoli sono in gran parte terminati.

"Tutti noi abbiamo vissuto l'esperienza degli anni successivi alla crisi finanziaria globale e per diversi anni, nel bel mezzo della ripresa, la politica fiscale è stata piuttosto rigida", ha detto Powell. "Penso che avremo una ripresa più forte se riusciamo a ottenere almeno un po’ più di sostegno fiscale".

A Washington si sono arenate le trattative per il corposo pacchetto di aiuti da 2.200 miliardi di dollari.

Impatto sui Treasury

Gli investitori affermano che il calo di questa settimana dei rendimenti del Tesoro a lunga scadenza ha ridotto l'urgenza per la Fed di modificare la composizione del suo programma di acquisto di obbligazioni a favore del debito a più lunga scadenza. Attualmente il piano prosegue a un ritmo di acquisti mensili per $ 80 miliardi di titoli del Tesoro di tutte le scadenze ogni mese.

La Fed ha ribadito che prevede di aumentare i propri titoli di debito "almeno al ritmo attuale per sostenere il buon funzionamento del mercato e contribuire a promuovere condizioni finanziarie accomodanti". Il signor Powell ha detto che il FOMC ha avuto una "gamma completa di discussioni" sull’ "aggiustamento [dei] parametri" del programma di acquisto di asset, ma ha ritenuto che la posizione attuale fosse giusta per ora. "Sta facendo molto bene", ha detto.

Washington ha registrato un deficit di $ 3,1 trilioni durante l'anno fiscale fino a settembre, secondo il Dipartimento del Tesoro, più che raddoppiando il record precedente. Il rapporto debito / PIL della nazione era sulla buona strada per raggiungere il 98% a settembre, ha detto il Congressional Budget Office, e potrebbe salire a quasi il 200% entro il 2050. La Fed potrebbe dover acquistare ancora più debito pubblico per prevenire l'indigestione del mercato. Powell è già su quella strada.



La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy