JP Morgan e il 2024: rischi e consigli per gli investitori


Dal gestore della banca statunitense indicano alcune considerazioni importanti da comprendere e approfondire per sfruttare le nuove dinamiche di un mondo con tassi di interesse al 5%, individuando le opportunità.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


JP Morgan tra il 2023 e il 2024

Il 2023 si avvia a conclusione. È stato un anno caratterizzato dall’assenza della tanto attesa recessione negli Stati Uniti, da crescita economica sorprendentemente resiliente e dal ritiro dell’inflazione dai suoi massimi pluridecennali.

Nell’Outlook 2023 JP Morgan Wealth Management aveva “incoraggiato i clienti a guardare oltre le avversità alla crescita e a considerare le prospettive per mercati più forti, questo si è rivelato un consiglio piuttosto valido”, scrive la CEO Kristin Lemkau.

Nell’edizione 2024 il gestore legato alla storica banca individua i rischi e le opportunità che gli investitori potrebbero affrontare, evidenziando come “i rendimenti in molte classi di attività sembrano più promettenti di quanto non lo siano stati da più di un decennio, grazie ai rendimenti più elevati dei Titoli di Stato e alle valutazioni equilibrate delle azioni”.

Verso un nuovo mondo

Tre anni fa, quasi il 30% di tutte le obbligazioni governative mondiali erano negoziate con un rendimento negativo. “Sembrava che l'era dei tassi di interesse estremamente bassi non avrebbe mai avuto fine. Ma così non è stato”, affermano da JP Morgan.

Nella nuova era, il debito con rendimento negativo è praticamente scomparso e oltre la metà viene scambiato con un rendimento superiore al 4%, con quelli USA da 3 mesi a 30 anni che variano dal 4,5% al 5,5%.

L'aumento dei rendimenti globali delle obbligazioni non è solo storico, segna lo sviluppo più importante nei mercati dall'emergere dalla pandemia di COVID-19.

Questa situazione ha anche ridefinito il panorama degli investimenti: tassi vicini al 5% offrono agli investitori più scelte nella progettazione dei loro piani di investimento rispetto a qualsiasi momento dalla crisi finanziaria globale (GFC).

In breve, è chiaro che i mercati sono entrati in un regime completamente nuovo dei tassi di interesse.

“Suggeriamo agli investitori di capitalizzare prima che sia troppo tardi su ciò che riteniamo essere un'opportunità unica in una situazione che potrebbe non essere disponibile fra un anno”, scrivono da JP Morgan.

Considerazioni importanti

Ma come personalizzare le molte possibilità con una strategia che ottimizza le vostre specifiche esigenze e obiettivi finanziari?

Dalla banca indicano alcune considerazioni importanti da comprendere e approfondire per sfruttare le nuove dinamiche di un mondo con tassi al 5%.

  • L'inflazione probabilmente si stabilizzerà. È comunque consigliabile coprirsi contro di essa.
  • Il dilemma del denaro contante: i benefici e i rischi di detenerne troppo.
  • I bond sono più competitivi rispetto alle azioni: aggiustare la composizione in base agli obiettivi.
  • Con il momentum dell'Intelligenza Artificiale, le azioni sembrano marciare verso nuovi massimi.
  • Minacce dai focolai di stress del credito, ma probabilmente saranno limitati.

Maggiori livelli di inflazione

Nel 2021 e nel 2022 l’inflazione aumentava quasi ovunque e le principali banche centrali aumentavano aggressivamente i tassi di interesse (eccetto la Banca del Giappone e la Banca Popolare Cinese).

Mentre i tassi d'interesse a breve termine si sono alzati rapidamente, i rendimenti a lungo termine li hanno raggiunti solo a fine estate e all'inizio dell'autunno.

Se l’inflazione si è già ritirata, JP Morgan ritiene che l'inflazione sarà più elevata rispetto a quella degli ultimi anni 2010 e saranno necessari tassi di politica monetaria più alti per contenerla.

Se a breve termine è possibile che i prezzi scendano, “riteniamo che un'inflazione del 2% rappresenterà probabilmente più un pavimento che un soffitto per le variazioni dei prezzi”.

Alla base delle previsioni della banca ci sono indicatori di mercato dell'inflazione futura (come i tassi di inflazione implicita e gli swap di inflazione) che suggeriscono attese degli investitori per un’inflazione tra il 2% e il 2,5% sia negli Stati Uniti che nell'Eurozona nei prossimi 5-10 anni, quando dal 2015 al 2020 era nell’intervallo 1,5-2% e con una maggiore variabilità rispetto a quella degli anni 2010.

Copertura verso l’inflazione

Come dovrebbero affrontare gli investitori la prospettiva di un'inflazione più significativa nel 2024 e oltre?

“Potrebbero guardare innanzitutto alle azioni”, suggeriscono da JP Morgan, ricordando come se dall’inizio del 2019 i prezzi al consumo negli Stati Uniti sono aumentati di quasi il 19%, i guadagni dell’S&P500 sono cresciuti di oltre il 35%.

“Crediamo che le grandi società quotate in borsa saranno in grado di continuare a mantenere sia il potere di prezzo che i loro margini”, è la previsione che non vale solo per gli USA, ma anche in Europa.

“Se l'inflazione si attesterà tra il 2% e il 3%, come pensiamo, dovrebbe essere positiva per le azioni”, visto il rendimento medio annuo dell'S&P 500 del 14% quando l'inflazione si colloca in quella fascia.

Oltre alle azioni, un altro strumento di difesa contro l’inflazione potrebbe essere l’esposizione a beni reali come “l’immobiliare, le infrastrutture, i trasporti, le materie prime e il legname”.

Prendendo l’immobiliare come esempio, notiamo che la crescita del suo rendimento tende a superare l’inflazione e la maggior parte dei contratti di locazione in proprietà commerciali contiene regolazioni in base all'inflazione.

Il contante

JP Morgan ritiene che il 2024 probabilmente offrirà uno sfondo di tassi in diminuzione e miglioramento degli utili, in cui il contante avrà meno efficacia.

Il contante funziona meglio rispetto alle azioni e obbligazioni in periodi come quello appena trascorso: quando i tassi di interesse stanno salendo rapidamente e gli investitori mettono in dubbio la sostenibilità della crescita degli utili aziendali.

Meno utile risulta quando i tassi di interesse sono in calo (si reinveste a rendimenti sempre più bassi) o quando le aspettative di crescita degli utili stanno aumentando e il sentiment di rischio sta migliorando.

Dal punto di vista della pianificazione, detenere più contante oggi rispetto al 2021 o al 2017 probabilmente è una scelta saggia, anche se JP suggerisce che questo non venga detenuto in larga parte all’interno del portafoglio degli investitori, in quanto “può offrire un percorso valido per raggiungere alcuni obiettivi, ma probabilmente non molti”.

Obbligazioni contro azioni

In molti settori, i rendimenti dei Titoli di Stato hanno raggiunto livelli non visti dal 2007. Il rendimento di un titolo del Tesoro a 5 anni è di 300 punti base (pb) sopra il rendimento dei dividendi dell'S&P 500 e l’unica obbligazione con rendimento negativo rimasta nel mondo è in Giappone.

Questi rendimenti più elevati, e quindi prezzi più bassi dei titoli, hanno depresso i rendimenti dei bond core nel 2022 e nel 2023. Infatti, il calo attuale dell'Indice Barclays Aggregate Bond dal suo massimo precedente è del -14%: migliore rispetto al recente minimo del -17%, ma comunque inferiore a qualsiasi altro punto nella storia dell'indice.

Nonostante il calo, le allocazioni dei nostri clienti ai titoli fissi sono invariate rispetto alla fine del 2021 e JP Morgan suggerisce che dovrebbero considerare di continuare ad aggiungere a questa classe di attività anche nel 2024.

“Facciamo questa argomentazione con convinzione perché crediamo che il nuovo regime dei tassi rappresenti un reset generazionale nella formazione dei prezzi del mercato obbligazionario. Il reset dei tassi significa che i titoli core possono ora essere pronti a fornire forti rendimenti prospettici. Nel corso di un orizzonte di investimento di 10-15 anni, le Assunzioni di Mercato a Lungo Termine di J.P. Morgan Asset Management prevedono che i titoli core, come indicato dagli Indici Global Aggregate e U.S. Aggregate Bond, forniranno rendimenti annuali superiori al 5%”.

Queste performance positive sono attese da JP Morgan iniziare “nel 2024, con un modesto apprezzamento dei prezzi a seguito della caduta dei tassi, combinato con un rendimento iniziale attraente”.

“Secondo noi, questi rendimenti rifletteranno un contesto economico favorevole per i titoli nell'anno a venire: la crescita economica dovrebbe rallentare, l'inflazione continuerà a diminuire e le banche centrali potrebbero iniziare a invertire i loro cicli di rialzo dei tassi. Inoltre, rendimenti iniziali più elevati significano che una diminuzione dei tassi di interesse fornirebbe un guadagno proporzionalmente maggiore rispetto alla perdita causata da un aumento dei tassi di dimensioni simili”.

Per fare un esempio, un investimento in un Titolo del Tesoro USA a 10 anni perderebbe circa il 2% se i rendimenti salissero di un punto percentuale nell'arco dell'anno successivo. Se i tassi scendessero del 1% nell'arco dell'anno successivo, un investimento in un titolo del Tesoro a 10 anni guadagnerebbe oltre il 12%.

Sintetizzando: “il reset dei tassi ha completato il suo corso e riteniamo che sia il momento di fissare i rendimenti”.

L’impulso dell’Intelligenza Artificiale

Con l'impulso dell'Intelligenza Artificiale, sembra che le azioni stiano marciando verso nuovi massimi e JP Morgan prevede, “nel lungo termine, che le azioni possano continuare a superare i titoli e generare apprezzamento del capitale per gli investitori”.

Nel 2024, le azioni offrono il potenziale per guadagni significativi anche se la crescita economica dovesse rallentare a causa dei tassi più elevati, con “la crescita degli utili delle grandi capitalizzazioni che dovrebbe accelerare, spingendo i mercati azionari al rialzo nel corso dell'anno successivo”.

Alla base della previsione di un miglioramento degli utili c’è la convinzione “che il settore aziendale statunitense a grande capitalizzazione abbia già attraversato una recessione degli utili (nove dei 11 principali settori dell'S&P 500 hanno riportato una crescita degli utili negativa per tre trimestri consecutivi nel 2022-2023)”, dalla quale “sono uscite fuori con strutture di costo più snelle, il che dovrebbe aiutarli ad affrontare un ambiente di domanda ancora resiliente (seppur in rallentamento) nel 2024. Infatti, dal 1950, l'utile per azione è accelerato circa il 25% delle volte quando la crescita del PIL è stata in decelerazione”.

Analizzando i componenti dello S&P500, JP Morgan ritiene che i multipli forward P/E attuali tra 18 e 20 volte siano “ragionevoli, dato che l'indice attuale ha margini più ampi (i margini di flusso di cassa sono il 30% più alti di 10 anni fa) e una sana copertura degli interessi (11 volte l’EBITDA rispetto alle spese per interessi)”.

“Ci aspettiamo che il rally del mercato azionario del 2023 prosegua nel 2024 e per quanto riguarda l'apprezzamento del capitale, elemento critico di qualsiasi piano finanziario, le azioni possono continuare a fornire crescita composta a lungo termine ai portafogli di investimento”.

Minacce dal credito

All’orizzonte si intravedono focolai di tensione nel credito, ma “probabilmente saranno limitati” scrive JP Morgan, dovuti a tassi di interesse più alti che lo rendono più difficile da ottenere.

Ovviamente, le aziende e le famiglie possono ancora prendere in prestito denaro, ma non così facilmente e non nei modi a cui sono abituati.

“Prevediamo che l'anno a venire vedrà più tensioni in certi settori del complesso creditizio, in particolare nei prestiti immobiliari commerciali, prestiti leveraged, alcune aree del credito al consumo (ad esempio, auto e carte di credito) e il credito corporate high yield. Anche le azioni small-cap potrebbero essere influenzate in modo simile dai tassi più alti, date le quantità di debito nei loro bilanci”.

In ogni modo, “queste tensioni legate ai tassi più alti saranno gestibili e, cosa più importante, non sufficienti a causare una recessione nel 2024”.

I mercati dei prestiti ad alto rendimento statunitensi hanno già risentito degli effetti dei tassi più alti e, di conseguenza, i tassi di insolvenza sono ora più alti rispetto a quelli dei titoli high yield (una anomalia storica).

Opzioni e rischi

A pochi giorni dal 2024, gli investitori si trovano di fronte a più opzioni per i loro portafogli rispetto a qualsiasi altro momento dall'era precedente alla crisi finanziaria globale (GFC):

  • i rendimenti dei bond sono elevati;
  • le valutazioni azionarie sono equilibrate;
  • i mercati privati continuano a offrire premi rispetto alle controparti pubbliche, diventando anche più accessibili agli investitori;
  • persino il denaro contante non sembra così male.

Quasi certamente, nuovi rischi o rischi riemergenti emergeranno:

  1. un ciclo di elezioni presidenziali si profila negli Stati Uniti;
  2. la crescita in Europa sembra essere rapidamente succube degli interessi più elevati;
  3. la Cina potrebbe continuare a bilanciare gli interessi contrastanti di alleviare la leva nel settore immobiliare mentre supporta il consumo interno;
  4. la guerra in Ucraina e il conflitto in Israele e Gaza sono in corso, e nuovi punti di tensione geopolitica potrebbero emergere.

“Considerare questi rischi mentre valutate le vostre opzioni di investimento, valutare le implicazioni per il 2024 e oltre, personalizzate le possibilità e, infine, sfruttare il potere dei mercati per realizzare i vostri obiettivi finanziari a lungo termine”, sono i consigli finali di JP Morgan.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su BPER, Banco BPM e FinecoBank
Sottostanti:
FinecoBank Banca Fineco S.p.ABPER Banca SpABanco BPM
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VM75125
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy