La Bce non esclude altri rialzi Jumbo, si rafforza l’euro


Il rialzo dei tassi in area euro, 75 punti basi, aiuta banche e moneta unica. La Lagarde alza le stime sull’inflazione e abbassa quelle sulla crescita, ma vede nero in caso di stop alle forniture di gas dalla Russia.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Apertura sulla parità in Europa nonostante il boom dei mercati cinesi con l’Hang Seng di Hong Kong che sale del 2,7%, Csi 300 a +1,5%. Il Nikkei ha chiuso in rialzo dello 0,5% mentre ieri Wall Street ha accelerato sul finale con un guadagno dello 0,6%.

Dati macro positivi in Cina, con l’inflazione ad agosto inferiore alle attese: al 2,3% contro il 2,5% stimato, in calo anche dal 2,7% del mese precedente.

Perché è importante? La Banca del Popolo cinese avrà meno ostacoli proseguire una politica monetaria espansiva.

Dalle due parti del mondo assistiamo a situazioni completamente diverse. Europa e Usa lottano contro l’inflazione portata anche dal caro energia, in Cina tra lockdown e forniture russe a sconto si respira un’altra aria con i prezzi sotto controllo.

Bce

L’Eurotower ha deciso all’unanimità di alzare i tassi di 75 punti base e ha detto chiaramente che altri rialzi seguiranno. Sul mercato si sono già scatenate le previsioni: Konstantin Veit di Pimco prevede altri due rialzi da 50 punti base a ottobre e dicembre, Kaspar Hense di BlueBay Am è convinto che la Bce a ottobre stringerà ancora di 75, Jörg Krämer di Commerzbank vede altri 50 punti base a ottobre.

Boom del settore bancario ieri. Il motivo è che la Bce, tra le tante decisioni di ieri, ha annunciato che d’ora in avanti i soldi depositati dalle banche presso la stessa Bce saranno remunerati con un tasso d’interesse positivo dopo tanti anni a zero.

Tenendo conto che in Bce le banche europee hanno attualmente 670 miliardi di euro di depositi, questo significa che la massa di denaro torna a diventare redditizia per gli istituti di credito. Non solo: non sono state cambiate le condizioni dei finanziamenti Tltro che la Bce eroga alle banche, lasciandoli molto convenienti. Per le banche si tratta insomma di un bel regalo: come sottolineano gli analisti di Equita, avranno un beneficio in termini di margine d’interesse. Ecco perché il settore bancario ieri svettava in Borsa. Ed ecco perché una Borsa come quella di Milano (il cui indice è pieno di banche) è stata tra le migliori.

Ieri la Lagarde ha messo sull’attenti gli investitori tracciando uno scenario difficile per l’Europa: altri rialzi dei tassi, disoccupazione in aumento mentre ha rivisto al ribasso le stime sulla crescita e alzato le previsioni sull’inflazione.

Federal Reserve

Toni diversi ma comunque incisivi anche dall’altra parte dell’Atlantico con Jay Powell che, ospite in una conferenza organizzata dal Cato Institute ha dichiarato: "La storia mette in guardia con forza contro l'allentamento prematuro della politica" aggiungendo "Posso assicurarvi che i miei colleghi e io siamo fortemente impegnati in questo progetto e continueremo a farlo fino a quando il lavoro non sarà finito".

Obbligazioni

Le parole dei due banchieri centrali hanno avuto effetti sia sul lato bond che sui cambi.

Il rendimento del Bund decennale tedesco si è portato a 1,73%, da 1,60% del giorno prima. Per il future del Bund decennale sta per arrivare la sesta settimana consecutiva di ribasso.

BTP decennale a 3,95%.

Euro-Dollaro in apprezzamento a 1,007. In calo anche il dollar index a 108,85.


Bitcoin +5%, con una fiammata in avvio di scambi, si riporta oltre la soglia dei 20mila dollari.

Commodity

Petrolio WTI in rialzo dello 0,7% a 84 dollari, ieri in chiusura +2%. Brent a 90 dollari.

Oro +0,7% a 1.720 dollari.

Tra i singoli titoli a Piazza Affari

L'Italia ha avviato i colloqui con la Commissione europea per il rinnovo dello schema Gacs, che consente allo Stato di fornire garanzie sulle cartolarizzazioni di sofferenze bancarie, riferiscono due fonti vicine al dossier. Notizia positiva per Unicredit e Bper.

Moncler. Barclays alza il target price a 62 euro. Nel corso di un evento tenutosi ieri in Borsa, la società ha detto che i target del 2022 dovrebbero essere raggiunti.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Idea di investimento
Possibile rendimento del 22,28% annuo con il certificate su Farfetch e Zalando
Sottostanti:
Farfetch LtdZalando SE
Rendimento p.a.
22,28%
Cedole
5,57% - €55,70
Memoria
si
Barriera Capitale
50%
Barriera Cedole
50%
ISIN
DE000VV34S73
Maggiori Informazioni