La Federal Reserve temporeggia, mercati in stand by


L’S&P500 è arrivato alla sesta seduta consecutiva di rialzo, una sequenza che non si vedeva da circa sei mesi. Tesla, alla decima seduta consecutiva con il segno positivo. Il presidente Biden si prepara a un tour de force di tre giorni nel quale dovrà dare il meglio di sé e mostrare agli occhi del mondo di essere in grado di battere Donald Trump, governare per altri quattro anni e reggere con sicurezza la leadership americana della Nato.

Le borse dell’Europa dovrebbero aprire in lieve rialzo, future del Dax di Francoforte +0,15%. L'esito delle elezioni parlamentari francesi è negativo per il merito di credito del Paese, ha avvertito Moody's, poiché una grande coalizione renderebbe più difficile il processo decisionale e il compito di riportare il debito sotto controllo.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Il già noto di Jerome Powell non ha vivacizzato e nemmeno depresso ieri la borsa degli Stati Uniti. In un’altra seduta di volumi inferiori alla media, il Nasdaq e l’S&P500 hanno segnato rialzi di quasi nessun senso, +0,15% il primo e +0,07% il secondo. Anche se le percentuali sono poca cosa, il trend non cambia e ci sono altri record da annotare: l’indice di riferimento di Wall Street è arrivato alla sesta seduta consecutiva di rialzo, una sequenza che non si vedeva da gennaio.

È proseguito il recupero di Tesla, alla decima seduta consecutiva con il segno positivo: dai minimi di medio periodo toccato il 24 giugno, il titolo ha guadagnato il 44%.

JEROME POWELL AL CONGRESSO

Il presidente della Fed non ha cambiato registro, rispetto alle sue ultime uscite. I rischi per l'economia sono diventati più equilibrati, ha detto. Ci sono sempre più segnali di rallentamento dell’inflazione e sempre più evidenze della debolezza del mercato del lavoro. Prima di modificare i tassi di interesse è però necessario che arrivino altre conferme. Tutto già sentito più volte, infatti, il dollaro e i bond governativi non si sono quasi mossi. Per trovare cose nuove si deve lasciare la politica monetaria in senso stretto. In risposta a una domanda del senatore J.D. Vance, repubblicano dell'Ohio, Powell ha parlato dell'impatto dell'immigrazione sui prezzi delle case e sul mercato del lavoro statunitense: "La mia sensazione è che nel lungo periodo [l'immigrazione] sia neutrale sull'inflazione", ha detto Powell. In alcune aree del Paese dove c'è già una carenza di alloggi, un'ondata di immigrati può esacerbare il problema e aumentare l'inflazione del costo degli alloggi. "Ma nel complesso, in termini di inflazione aggregata, non direi che sia un fattore trainante in un senso o nell’altro”.

Il Treasury Note a dieci anni si è portato al 4,30% di tasso di rendimento. L'asta dei titoli a 3 anni da 58 miliardi di dollari è stata aggiudicata al 4,399% contro il 4,407% del rendimento al momento dell’emissione. L'aggiudicazione del 14,8% ai primary dealer è stata inferiore alla precedente, mentre l'aggiudicazione diretta è aumentata al 21,3%, compensando il calo dell'aggiudicazione indiretta al 64%. Il bid-to-cover di 2,67 è il più alto da gennaio e si confronta con il 2,57 della media delle sei aste precedenti.

CASA BIANCA

Il presidente Biden si prepara a un tour de force di tre giorni nel quale dovrà dare il meglio di sé e mostrare agli occhi del mondo di essere in grado di battere Donald Trump, governare per altri quattro anni e reggere con sicurezza la leadership americana della Nato. Il vertice per celebrare i 75 anni dell’Alleanza Transatlantica è per il presidente un banco di prova cruciale che potrebbe deciderne il destino: un errore potrebbe innescare la corsa dei democratici a scaricarlo e preoccupare gli alleati, già in ansia per un possibile ritorno di Donald Trump. Al summit Biden si presenta forte dell'appoggio di Alexandria Ocasio-Cortez, la giovane pasionaria volto dell'ala più di sinistra dei democratici, ma anche del leader dem alla Camera Hakeem Jeffries. Sostegni importanti che non mettono comunque a tacere i malumori nel partito, unito contro Donald Trump ma diviso su Biden, con molti che continuano a chiederne il ritiro dalla corsa. A far trapelare di essere "profondamente a disagio” è stata anche la potente ex speaker della Camera Nancy Pelosi.

Le borse dell’Europa dovrebbero aprire in lieve rialzo, future del Dax di Francoforte +0,15%.

ITALIA

Una crescita del Pil all'1% nel 2024, come previsto dal Def, è alla portata mentre il debito potrà diminuire senza bisogno di una manovra "lacrime e sangue". Lo ha detto durante il suo intervento all’assemblea dell'Abi il ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti, che ha sottolineato la "tenuta" e l'andamento "positivo" dell'economia italiana, allontanando una manovra con aumento delle tasse per tenere sotto controllo i conti pubblici.

"Gli ottimi fondamentali della nostra economia - riconosciuti soprattutto dal grande successo dei Btp Valore - dovrebbero consentirci di uscire gradualmente dalla condizione di Paese ad alto debito, perennemente sotto esame e penalizzato da tassi di interesse più elevati rispetto ai nostri partner europei", ha affermato Giorgetti. Il piano strutturale di bilancio che il governo approverà entro l'estate punterà a conseguire, su un orizzonte quinquennale, un livello del saldo primario strutturale coerente con una "significativa" riduzione del rapporto debito/Pil negli anni seguenti. “La nostra missione è portare il bilancio in pareggio al netto del servizio del debito pregresso: lo sento non come un obiettivo politico ma come un dovere morale verso le future generazioni”.

FRANCIA

L'esito delle elezioni parlamentari francesi è negativo per il merito di credito del Paese, ha avvertito Moody's, poiché una grande coalizione renderebbe più difficile il processo decisionale e il compito di riportare il debito sotto controllo. La Francia sta affrontando complesse trattative per la formazione di un governo dopo che il successo a sorpresa della sinistra alle elezioni di domenica ha bloccato il tentativo di Marine Le Pen di portare l'estrema destra al potere. Le possibilità includono la formazione di un governo di minoranza da parte della sinistra - che sarebbe alla mercé di un voto di sfiducia da parte dei rivali a meno di un accordo - o un'ampia coalizione di partiti con quasi nessun terreno comune. "Alla luce dei vincoli che ogni futuro governo dovrà affrontare, è improbabile che si assista a un risanamento di bilancio basato sulla spesa nel 2025", ha detto Moody's in una nota, facendo eco ai timori espressi da S&P Global ieri. È inoltre improbabile che la Francia sia in grado di imporre ulteriori aumenti delle tasse, dato che il rapporto tra tasse e Pil è già il più alto dell'Ocse, ha aggiunto Moody's.

In Asia Pacifico le borse sono poco mosse. Nel finale di seduta, guadagna lo 0,3% il Nikkei di Tokyo. In calo dello 0,5% l’indice della borsa di Shanghai. Sulla parità l’Hang Seng di Hong Kong.

CINA

Inflazione vicina allo zero per il quinto mese consecutivo in giugno. L'indice dei prezzi al consumo è aumentato dello 0,2% rispetto a un anno prima, ha dichiarato mercoledì l'Ufficio nazionale di statistica. Gli economisti si aspettavano +0,4%. I prezzi alla produzione sono rimasti in deflazione, come dalla fine del 2022, -0,8% rispetto all'anno precedente. Il rischio di deflazione non è svanito e il mercato della casa resta in ginocchio: il piano di acquisto di abitazioni è promettente, ma sembra incontrare ostacoli nell’attuazione. Woei Chen Ho, economista della United Overseas Bank, ritiene che i dati di stanotte aumentino le probabilità di un allentamento della politica monetaria, compresi i tagli ai tassi d'interesse e alla quantità di denaro che le banche devono tenere come riserva.
Il mercato obbligazionario domestico crede a questa ipotesi. I rendimenti dei titoli di Stato decennali di riferimento sono intorno al 2,27%, circa cinquanta punti base in meno rispetto ai livelli di inizio anno.

TITOLI

Telecom Italia. S&P Global ha alzato il rating sul merito di credito a lungo termine del gruppo a 'BB' da 'B+' in seguito alla cessione della rete a KKR, con outlook stabile, rimuovendo il rating dallo stato di creditwatch positivo in cui si trovava da novembre 2023.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile maxipremio del 15% e premi trimestrali dell'1,5% (6% annuo) con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Intesa SanpaoloUniCredit S.p.ABanco BPM
Maxicedola
15%
Importo Maxicedola
€150,00
Rendimento p.a.
6%
Cedole
1,5% - €15,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD39CH4
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy