La flessione dei rendimenti ha rimesso in moto i mercati finanziari


Nonostante la discesa dai massimi i rendimenti rimangono elevati, in un’economia che sta rallentando.

A cura di Antonio Tognoli, Responsabile Macro Analisi e Comunicazione presso Corporate Family Office SIM


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Inflazione della Germania YoY di ottobre attesa per oggi alle 8:00 (stima 3,8% contro 4,5% di settembre). Vendite al dettaglio dell’Italia MoM di settembre alle 8:45 (stima -0,2% contro -0,4% di agosto) e vendite al dettaglio MoM di settembre dell’Europa (stima -0,2% contro -1,2% di agosto).

Produzione industriale MoM di settembre delle Germania in forte calo (-1,4% contro -0,1% atteso di agosto) ad evidenza delle difficoltà dell’economia tedesca in questo momento congiunturale. Prezzi alla produzione dell’Europa in ulteriore calo a settembre (-12,4% contro -12,5% attese e -11,5% in agosto).

Superato lo scoglio FED, gli investitori rimarranno probabilmente concentrati sul rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni, che hanno fornito gran parte della potenza di fuoco della scorsa settimana scendendo sotto il 4,6% dopo aver recentemente toccato i massimi di 16 anni al 5%. I dati economici statunitensi più deboli e in particolare il rapporto debole di venerdì sui salari non agricoli di ottobre, hanno alimentato le speranze per la fine dei rialzi dei tassi, spingendo i rendimenti al livello più basso delle ultime settimane.

Eventuali guadagni di rendimento nei prossimi giorni potrebbero togliere un po’ di vento alle vele di Wall Street. Lunedì il rendimento dei titoli a 10 anni è risalito sopra il 4,6% e vale la pena tenerlo d'occhio, così come il Senior Loan Officer Opinion Survey (SLOOS) della Federal Reserve che fornisce uno sguardo sui prestiti bancari e sulla domanda di imprese e famiglie per prestiti.

La scorsa settimana quasi tutto sembrava funzionare in tutti i settori e nelle classi di attività. Le small cap, le mid cap, le large cap e il reddito fisso tutti in rialzo, con l'indice S&P 500 in rialzo di quasi il 6% per chiudere venerdì ai massimi di due settimane sopra la media mobile semplice a 50 giorni di 4.347.

Nonostante la discesa dai massimi, i rendimenti dei titoli del Tesoro rimangono elevati con gran parte dei dati economici della scorsa settimana che implicavano un indebolimento generale. Questo potrebbe dare nuova linfa alla discussione sulla recessione, soprattutto se effettivamente i tassi rimarranno elevati più a lungo, così come sostiene la FED. Powell ha dichiarato la scorsa settimana che la FED non vede tuttavia forti probabilità di una recessione economica, ma non tutti gli economisti sono d'accordo.

I principali indici statunitensi sono in crescita in vista di una settimana affollata di interventi della FED che vede due apparizioni pubbliche per Powell, che terrà un discorso di apertura in una conferenza mercoledì mattina e parteciperà a un dibattito politico giovedì pomeriggio. Come sempre, i mercati finanziari potrebbero essere sensibili ai suoi commenti così come a quelli di altri membri del FOMC. La domanda è se i relatori della FED di questa settimana potrebbero frenare parte dell'entusiasmo generato da quelli che molti analisti hanno visto come commenti piuttosto accomodanti da parte di Powell la scorsa settimana.

Anche se quasi tutto è aumentato la scorsa settimana, alcuni settori sembravano più uguali di altri, per così dire. Il settore immobiliare, in calo a due cifre anno su anno a causa dell’aumento dei tassi ipotecari e della debolezza del settore degli uffici commerciali, ha guidato i settori dell’S&P 500 con un guadagno di quasi il 9%, aiutato dal calo dei rendimenti.

Il settore dei semiconduttori, anch'esso sensibile ai rendimenti, ha registrato la sua settimana migliore da giugno. Anche i beni di consumo voluttuari, che tendono ad andare bene quando l’economia si rafforza, hanno registrato un forte rialzo, in parte sostenuto da un forte rally delle azioni delle società di costruzioni edili.

A ieri, oltre il 40% dei titoli S&P 500 vengono scambiati al di sopra delle medie mobili a 200 giorni, rispetto al 25% di una settimana fa. Ciò suggerisce che il rally ha sollevato la maggior parte dei titoli, anche se la percentuale rimane relativamente bassa considerato che sono trascorsi 13 mesi dal minimo del mercato ribassista di ottobre 2022.

Stiamo uscendo da un periodo in cui i dati hanno rafforzato l’idea che la lunga lotta della FED per rallentare l’inflazione (e di riflesso la crescita economica) potrebbe dare i suoi frutti. I dati manifatturieri dell'Institute for Supply Management (ISM) della scorsa settimana e il rapporto sui salari non agricoli di venerdì sono stati esempi evidenti, ma anche il rapporto sulle aperture di lavoro e sul turnover del lavoro (JOLTS) ha avuto un ruolo importante. Sebbene le nuove assunzioni siano rimaste elevate, il tasso di abbandono è tornato ai livelli visti l’ultima volta prima della pandemia, suggerendo che le persone non vedono tante possibilità di passare a posizioni più remunerative.

Tuttavia, come ha ricordato venerdì il presidente della FED di Richmond, Barkin, nel corso di un’intervista, due rapporti sull'inflazione e un altro rapporto sull'occupazione precedono il prossimo incontro della FED a metà dicembre, quindi è troppo presto per dire che l'inflazione ha definitivamente voltato pagina, rifiutando di speculare su quando la FED potrebbe considerare di tagliare i tassi.

Secondo il FedWatch Tool del CME, ieri le negoziazioni di futures fissavano al 90% la possibilità che il FOMC mantenga il tasso di riferimento sui fondi all'attuale intervallo target compreso tra 5,25% e 5,50% dopo la riunione del 12-13 dicembre e il mercato non sembrerebbe avere solide possibilità di un taglio dei tassi fino alla prossima estate.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Banco BPMIntesa SanpaoloUnicredit
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD5TR73
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy