La seconda settimana del 2022 inizia con le borse in ripresa

finestra mercati

Le borse dell’Asia Pacifico sono in miglioramento dopo un avvio debole. Salgono i tech, ma in modo importante solo quelli cinesi, scendono quelli della Corea del Sud. I future di Wall Street sono positivi, le borse dell’Europa dovrebbero aprire in rialzo dello 0,3%.
Poco mosso il petrolio dopo il +4,9% della scorsa settimana. Il bitcoin è sui minimi da inizio ottobre a 42,250 dollari.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


L'agenda della settimana

Venerdì il Nasdaq ha perso l’1%, il Dow Jones ha chiuso invariato. Bilancio settimanale per il primo, -4,5%, per il secondo -0,3% "L'attenzione del mercato tutta sulla rotazione verso titoli value e prociclici è fuori dalla crescita, poiché gli investitori hanno digerito un contesto di tassi nettamente più alti", ha affermato Chris Hussey di Goldman Sachs in una nota di venerdì sera.

Preso atto dei controversi dati sull’occupazione di venerdì, per i mercati azionari, la seconda settimana dell’anno inizia con una seduta sulla carta tranquilla: il mercato finanziario giapponese è chiuso e non ci sono scambi sulla piattaforma cash dei Treasury statunitensi. Non ci sono dati macroeconomici di rilievo in agenda e scarseggiano anche le trimestrali. Per quest’ultimo tema, si deve aspettare fino a venerdì, quando arrivano i conti di JP Morgan, Citigroup e Wells Fargo.
Per quanto riguarda la Federal Reserve, oggi parla Raphael Bostic, membro votante del Federal Open Market Committee. Domani Jerome Powell si presenta al Senato per chiedere di essere votato per un secondo mandato da governatore della banca centrale.
E’ possibile che sia Bostic che Powell dicano qualcosa sul mercato del lavoro e sull’occupazione.

FED focalizzata sui prezzi al consumo

Venerdì pomeriggio, subito dopo la pubblicazione dei dati, Filippo Diodovich di IG Italia aveva diffuso questa nota di commento. “Il dato molto deludente sulla creazione di posti di lavoro a dicembre è stato compensato dal forte calo del tasso di disoccupazione, dal rialzo del tasso di partecipazione alla forza lavoro, dalla crescita dei salari e dalla revisione al rialzo della creazione dei posti di lavoro a ottobre e novembre (+141k). Escludendo i non farm payrolls, le altre cifre sul report sul lavoro americano sono state nel complesso positive. Crediamo che le cifre macro di oggi non abbiano un particolare impatto nelle prossime scelte della FED. Gli esperti della banca centrale statunitense continueranno a essere sempre più focalizzati sull’andamento dei prezzi al consumo. Riteniamo che i verbali della FED di dicembre abbiano già dato una idea sulle prossime decisioni di Powell e degli altri banchieri centrali. Pensiamo sia altamente probabile un rialzo del costo del denaro di 25 bps già nel mese di marzo e altri 3 rialzi dei tassi di interesse nel corso dell’anno.

FED, probabile aumento rapido dei tassi

Il Treasury Note a dieci anni tratta a 1,77%, livello che non si vedeva dallo scoppio della pandemia. La scorsa settimana, il decennale degli Stati Uniti è salito di oltre 25 punti base. La Federal Reserve probabilmente alzerà quattro volte quest'anno il costo del denaro, la riduzione del bilancio dovrebbe iniziare a luglio, se non prima. Lo si legge nel report di Goldman Sachs diffuso nel fine settimana. “Stiamo anticipando le nostre previsioni da dicembre a luglio, con possibilità di un anticipo”, ha scritto lo strategist Ian Hatzius. “Con l'inflazione probabilmente ancora molto al di sopra dell’obiettivo, abbiamo aggiunto un rialzo tassi a dicembre, oltre quelli di marzo, giugno e settembre”.

In rialzo i mercati asiatici

L’Hang Seng di Hong Kong è in rialzo dello 0,8% grazie alla spinta dei tech. L’indice Hang Seng Tech, sceso all’inizio della scorsa settimana sui minimi storici, guadagna il 2,5%. “Le valutazioni sono diventate proprio attraenti”, ha detto stanotte John Lin di AllianceBernstein a Bloomberg TV, in particolare nell’ambito più interessato al cambio dello scenario regolamentare, quello della Internet Economy. Kuaishou è in rally, +12%: la piattaforma di scambio di video, secondo quanto riporta il quotidiano Caxin, ha intenzione di licenziare quasi un terzo dei suoi dipendenti. Alibaba Health Information +11%.
La borsa di Shanghai è in rialzo dello 0,3%. Seul -1%.

La transizione verde pone rischi al rialzo per l’inflazione nel medio termine

L’euro dollaro tratta a 1,134, nella parte alta del range stratto degli ultimi due mesi. L’aumento dei costi dell’energia potrebbe costringere la Banca centrale europea a smettere di aspettare che l’impennata dei prezzi si sgonfi e a intervenire, in particolare se la transizione verde si rivelerà inflazionistica. Lo ha affermato sabato Isabel Schnabel, componente del comitato esecutivo della Bce. A dicembre l’inflazione ha toccato il 5%, un dato record, molto sopra il target del 2%. Schnabel ha detto ieri che ”la transizione verde pone rischi al rialzo per l’inflazione nel medio termine” e che l’aumento dei prezzi dell’energia potrebbe richiedere un allontanamento dall’attuale posizione attendista.

Piatto il petrolio Brent

Il petrolio Brent è piatto a 81,7 dollari il barile, dopo il più forte rialzo settimanale dell’ultimo mese. Una parte degli impianti della Libia sono tornati in azione ed in Kazakhstan, l’intervento delle truppe della Russia ha riportato la calma dopo gli scontri di piazza che hanno portato alla dichiarazione dello stato di emergenza.

Tra i titoli di Piazza Affari segnaliamo

StM. Citi alza il giudizio a Buy. Gli analisti Amit Archandani e Andrew Gardiner hanno promosso anche l’altro leader europei dei chip, Infineon.

Enel. Goldman Sachs conferma il giudizio Buy, target price a 10.50 euro.

BPER Banca avrebbe migliorato l'offerta per Carige, la sua nuova proposta, secondo IlSole24Ore, sarebbe più alta di quella del Credit Agricole.

Banca Carige. Il comitato di gestione del fondo di tutela dei depositi (FITD) si riunisce per completare la valutazione delle offerte presentate e decidere se concedere l'esclusiva a uno dei pretendenti.

Telecom Italia. Reuters ha scritto che alcuni membri del Cda, inclusi i rappresentati di Vivendi , hanno chiesto una riunione straordinaria del board, all’ordine del giorno, ci sarebbe la nomina del nuovo Ad. Il presidente Salvatore Rossi, potrebbe convocare un nuovo Cda tra il 18 e il 20 gennaio, secondo quanto ipotizzato dal Corriere della Sera domenica. TIM, Vodafone, Illiad e Wind Tre hanno chiesto al governo di rateizzare in cinque anni il pagamento di 4,8 miliardi di euro relativi alle frequenze 5G, secondo il Sole 24 Ore di sabato.

Interpump potrebbe battere le stime del 2021, lo ha detto il presidente a Milano Finanza.

Juventus. La capienza degli stadi sarà ridotta a 5.000 spettatori per le partite che si giocheranno nei weekend del 15 e del 22 gennaio. Lo ha deciso sabato l'assemblea della Lega Serie A.

MFE-Media For Europe si prepara a salire fino al 29,9% della tedesca Prosienbensat 1 Media, lo ha riportato Milano Finanza nel weekend. La società media della famiglia Berlusconi potrebbe anche valutare il dossier riguardante il consolidamento di Mediaset Espana.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy