Le banche rialzano la testa. Il certificate che moltiplica le performance su Unicredit e Intesa


La forte volatilità ha fatto emergere opportunità interessanti. Il certificate con isin DE000VX6UY86 un Athena su Unicredit e Intesa Sanpaolo oggi quota ampiamente sotto la pari a 684,2 euro e in caso di rialzo di Unicredit del 12,8%, sui livelli del 3 marzo, il certificate a scadenza verrebbe ritirato a 1.000 euro, con un rendimento lordo del +46%. Senza aspettare la scadenza il certificate inizierebbe ad apprezzarsi anche prima. Rendimento oltre il 90% con i due titoli ai livelli di inizio febbraio.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Le banche italiane provano a rialzare la testa

Gran rispolvero delle banche. In due sedute Unicredit guadagna il 15%, Bper l’11%, Intesa il 5%, il comparto europeo il 3,3%. Ma perché le nostre banche performano di più? Da un lato, avevano sottoperformato e le buone trimestrali hanno messo in evidenza la forza dei fondamentali, oltre a confermare che il rialzo dei tassi fa bene a tutto il comparto.

Per l’Italia si aggiungono le discussioni sulla probabile attivazione di uno scudo anti spread se ce ne fosse bisogno. Il Mes, il Meccanismo europeo di stabilità propone di lanciare un Fondo di stabilità ad hoc per erogare all’instante prestiti a condizioni vantaggiose AAA ai Paesi nell’area euro che devono pagare extra-spread subiti per shock esogeni: per esempio l’1,40% contro il 3% del BTp decennale (come la linea di credito Mes per la sanità che avrebbe fatto risparmiare miliardi). Per il nuovo Fondo, il Mes mette sul piatto 240 miliardi di potenza di fuoco inusata, con condizionalità bassa per chiudere gli spread provocati da crisi asimmetriche esterne, come la guerra, le catastrofi naturali per il cambiamento climatico, le pandemie.

Strategia di investimento

Siamo andati a vedere se un rimbalzo del comparto potrebbe fare emergere soluzioni di investimento interessanti.

Il certificate con Isin DE000VX6UY86 su Intesa SanPaolo e UniCredit è di tipo Athena ovvero rimborsa in anticipo 1.000 euro e stacca tutte le cedole del 14,75% p.a. maturate dall’emissione se i sottostanti si troveranno, alle date di valutazione trimestrali, sopra i livelli iniziali. A scadenza, tra poco meno di due anni, il prodotto rimborsa 1.000 euro se i sottostanti non avranno perso il 30% dal livello iniziale. Oggi il certificate quota ampiamente sotto la pari a 684 euro.

A prima vista il prezzo iniziale appare lontanissimo: Unicredit dovrebbe recuperare il 61% e Intesa il 39% riportandosi au valori del 5 febbraio di quest'anno, prima dell’avvio della guerra.

Il vero obiettivo non è il recupero ai livelli pre-guerra, questo certificate infatti rimborserà 1.000 euro a fronte di un rialzo di Unicredit del 12,8% a 10,49 euro, da qui alla scadenza del febbraio 2024, con Intesa a questi livelli (solo il 3 marzo scorso Unicredit quotava 10,88 eu).

L’investitore, dunque, incasserebbe 1.000-684,20 euro = 315,8 che sui 684,2 investiti significano un rendimento del 46% in poco meno di due anni.

Non c’è bisogno ovviamente di aspettare la scadenza per portare a casa un buon rendimento, in caso di recupero di Unicredit (ferma restando Intesa), il certificate si apprezzerebbe e l’investitore potrebbe rivendere prima della scadenza il prodotto.

Rimborso anticipato

Rendimento altissimo, ovviamente, se i due titoli dovessero riportarsi, anche prima della scadenza, sopra il livello iniziale, sulle quotazioni del 5 di febbraio (ipotesi da non escludere ad esempio in uno scenario di fine del conflitto). In questo caso oltre al rimborso anticipato a 1.000 euro il certificate staccherebbe il flusso cedolare pari al 147,5 euro l’anno (36,88 al trimestre).

Proviamo a tracciare due scenari: uno con il recupero di questo livello nel febbraio del prossimo anno, il certificate verrebbe ritirato a 1.000 euro a cui si aggiungerebbe il flusso cedolare di 147,5 euro, ovvero 463,3 euro (315,8 di capital gain +147,5 di cedole) su 684,2 investiti equivalgono a un rendimento del 67% in meno di un anno.

Se i livelli iniziali dovessero essere ripresi solo alla scadenza del prodotto ai 315,8 di capital gain dovremmo aggiungere 147,5 eu di premi per due anni (295 eu) ovvero 610 sui 684,2 investiti significa l’89% in meno di due anni.

Punti di debolezza

Ricordiamo i rischi: se il certificate dovesse arrivare a scadenza con Unicredit ai livelli attuali il prodotto verrà rimborsato rispecchiando la performance del peggiore dei sottostanti, ovvero Unicredit a -37,9%, dal livello iniziale, significa a 621 euro il 9% di perdita rispetto al valore di acquisto.

Ricordiamo che investire in certificati espone l’investitore al rischio fallimento dell’emittente e a quello di azzeramento di un sottostante, casi che possono comportare la perdita dell’intero investimento. Vontobel gode di un buon rating: Aa3 da parte di Moody’s. I potenziali rendimenti indicati sono sempre al lordo della tassazione. Prima di ogni investimento leggere sempre tutti i documenti scaricabili dalla pagina del prodotto dell’emittente.

Attenzione: Questo articolo è stato scritto grazie alla sponsorizzazione di un emittente o di un itermediario. Le informazioni in esso contenute non devono essere considerate né interpretate come consulenza in materia di investimenti. Eventuali punti di vista e/o opinioni espressi non sono intesi e non devono essere interpretate come raccomandazioni o consigli di investimento, fiscali e/o legali. Orafinanza.it non si assume alcuna responsabilità per azioni, costi, spese, danni e perdite subiti a seguito di informazioni, punti di vista o opinioni presenti su questo sito. Prima di intraprendere decisioni di investimento, invitiamo gli utenti a leggere la documentazione regolamentare sempre disponibile per legge sul sito dell'emittente ed ottenere una consulenza professionale.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Idea di investimento
Isin: DE000VX6UY86
Possibile rendimento annuo del 14,75% con il certificate su Intesa SanPaolo e UniCredit
Sottostanti:
UniCredit S.p.AIntesa Sanpaolo
Rendimento annuo:
14,75%
Cedole:
3,688% - €36,88
Barriera Capitale:
70%
Barriera Cedole:
100%
Maggiori Informazioni


I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: UCG.MI
Isin: IT0005239360
Rimani aggiornato su: UniCredit

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni

Titolo:
Codice: ISP.MI
Isin: IT0000072618
Rimani aggiornato su: Intesa SanPaolo

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni