Le borse si allontanano dalla guerra e salgono

finestra mercati

Il future del Dax è in lieve rialzo in una giornata densa di eventi importanti. A Versailles inizia il vertice UE dal quale potrebbe arrivare l’annuncio sugli euro bond. In Turchia inizia il negoziato di pace tra Russia ed Ucraina. Nel primo pomeriggio c’è la conferenza stampa di Christine Lagarde ed escono i dati sull’inflazione negli Stati Uniti.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


I duemila chilometri che separano Milano da Kiev sono diventati ieri una distanza enorme: il +6,9% dell’indice Ftse Mib ed il 7,9% del Dax di Francoforte hanno mostrato che la guerra può diventare un tema lontano, comunque non così rilevante di fronte alla prospettiva di una messa in comune del debito pubblico dei paesi dell’Unione Europea. Del maxi piano di emissioni di bond della Commissione Europea, una passo decisivo per il progetto europeo, si dovrebbe parlare oggi nel meeting straordinario convocato dalla Francia nel castello di Versailles. I lavori iniziano nel tardo pomeriggio e dovrebbero proseguire anche il giorno dopo.

Eurobond

Qualcosa sul tema degli eurobond si sta muovendo. "Ci stiamo pensando, è l'inizio di una discussione in merito a un piano volto ad accelerare e aumentare gli investimenti congiunti nella difesa, nell'energia e nella transizione climatica", ha detto un alto funzionario francese a Reuters. Il funzionario ha detto che l'obiettivo è quello di identificare l'impatto economico della crisi, determinando le esigenze finanziarie dei Paesi alla luce di essa, per poi valutare quali strumenti utilizzare.

Bce in modalità colomba

Oggi è una giornata importante per i mercati finanziari perché ci sono le comunicazioni della banca centrale europea. Filippo Diodovich, Senior Market Strategist, IG Italia scrive nella nota diffusa ieri sera che “fino a due settimane ci appariva estremamente probabile che il Consiglio Direttivo potesse rivedere il posizionamento ultra-accomodante dell’istituto centrale per fronteggiare le crescenti pressioni inflazionistiche. Ora le nostre attese sono fissate su una conferma delle strategie monetarie in essere (tassi di interesse e piani di acquisto di asset invariati). Crediamo che la BCE nel primo meeting in tempi di guerra nel Vecchio Continente non possa permettersi di cambiare politica monetaria, mettendo a rischio la stabilità finanziaria dell’area euro, non conoscendo ancora gli effetti negativi della guerra in Ucraina sulla crescita economica”. Peter Goves, Fixed-Income Research Analyst, MFS Investment Management, ritiene improbabile “che la BCE si impegni a eliminare gradualmente il programma APP prima del previsto”. Goves ricorda che quanto detto dal membro finlandese del board, Olli Rehn, il quale ha sostenuto pochi giorni fa che, ”alla luce della nuova situazione, dobbiamo prenderci un momento di riflessione per quanto riguarda la graduale normalizzazione della politica monetaria”.

Ucraina-Russia, faccia a faccia in Turchia

Oggi si incontrano in Turchia i ministri degli Esteri di Ucraina e Russia. Ankara non sta probabilmente lavorando da sola. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden avra' oggi un colloquio telefonico con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan per discutere gli ultimi sviluppi della guerra in Ucraina. Lo ha riferito ieri sera la Casa Bianca in una nota.
Un qualche sostegno dovrebbe essere arrivato anche da Israele: ieri Erdogan ha incontrato il presidente israeliano Isaac Herzog, in quella che è stata la prima visita di un leader israeliano in Turchia dal 2008.
Intanto gli Stati Uniti hanno chiuso la porta all'invio di jet militari all'Ucraina dalla Polonia e da qualsiasi altro Paese della Nato. Per il Pentagono e’ un'operazione ad alto rischio che potrebbe aumentare la tensione con la Russia, in uno dei momenti piu' delicati della guerra.

Draghi sui conti pubblici, “manteniamo una politica di bilancio prudente"

Nel suo intervento di ieri alla Camera, il presidente Mario Draghi ha parlato dei conti pubblici: “Vogliamo mantenere una politica di bilancio prudente - ha detto - che non implichi nuove rilevanti misure permanenti di spesa corrente ma nello stesso tempo permetta tutti quegli interventi necessari a sostenere l’economia ora, nell’emergenza.” Nessuna indicazione su una eventuale revisione delle assunzioni che quest’autunno costituivano la via per il risanamento. Il Sole24Ore riporta che l’obiettivo di crescita del Pil 2022 del 4,7% fissato dal governo nella Nadef di ottobre, è tramontato a seguito della guerra in Ucraina, ma è da capire se e quanto le nuove stime dovranno scendere anche sotto il tendenziale, quel +4,2% calcolato a ottobre al netto degli effetti espansivi della politica economica. Da lì discende l’assestamento del deficit. Nelle prime valutazioni l’indicazione arrivata alla Ragioneria generale è quella di mantenere un orientamento verso il 5,6% fissato dalla Nota di aggiornamento dello scorso autunno.

Tra i titoli a Piazza Affari segnaliamo

A2A ha collocato un nuovo Sustainability-Linked Bond da 500 milioni di euro con durata 6 anni. “L’emissione ha registrato grande interesse ricevendo ordini per 3,5 miliardi di euro, 7 volte l’ammontare”, dice la società. Il titolo è stato collocato ad un prezzo di emissione pari a 99,308%, avrà un rendimento annuo pari a 1,622% e una cedola del 1,500%, con uno spread di 100 punti base rispetto al tasso di riferimento mid swap. La nuova obbligazione è collegata al raggiungimento di un target di sostenibilità relativo alla capacità installata da fonti rinnovabili. A2A, in linea con l’aggiornamento del Piano Strategico del Gruppo presentato nel mese di gennaio 2022, vuole raggiungere entro il 2024 una quota pari o superiore a 3,0 GWh. Andrea Crenna, CFO di A2A: “L’operazione si inserisce inoltre nel percorso del Gruppo volto ad aumentare la quota di debito ESG, con un nuovo target superiore al 80% al 2030”.

Telecom Italia. Vivendi ha svalutato la sua partecipazione per 728 milioni di euro a causa delle incerte prospettive, il dato emerge dai risultati 2021 del gruppo media francese, primo socio di Tim con circa il 24%. La società controllata da Vincent Bollorè, ha ribadito che l'offerta di Kkr, nella sua iniziale manifestazione di interesse sottovaluta la società. Secondo calcoli Reuters, la svalutazione implica per Vivendi un valore di carico della quota in Tim pari a 0,63 euro per azione contro gli 0,83 euro al 30 giugno 2021. Nella manifestazione d'interesse per Tim Kkr ha valorizzato indicativamente il titolo Tim 0,505 euro per azione. Il titolo Tim ha chiuso la seduta odierna poco sotto 0,27 euro.

Unicredit. Il Messaggero riporta che la BCE ha chiesto alle banche di tenere sotto controllo la liquidità ed il rischio in portafoglio.

ENI ha detto ieri di aver sospeso l'acquisto di petrolio dalla Russia a seguito dell'invasione dell'Ucraina. Ha aggiunto che sta monitorando con attenzione gli sviluppi che riguardano l'approvvigionamento del gas.

Banco Bpm ha collocato un’obbligazione da 750 milioni di euro e della durata di 5 anni, finalizzata a rifinanziare un portafoglio selezionato di mutui ipotecari residenziali verdi erogati a clientela privata per l’acquisto di abitazioni ad alta efficienza energetica che ha come tipologia di sottostante mutui con la clausola green.

The Italian Sea Group conferma che la produzione delle commesse in progress e le attivita' di refit proseguono senza alcun rallentamento, nonostante le sanzioni introdotte dall’Unione Europea nei confronti della Russia scaturite dal conflitto in essere sul territorio Ucraino. Alla data odierna, informa una nota, nessun ordine e' stato cancellato e non si e’ manifestato alcun ritardo nei pagamenti degli Stati di Avanzamento Lavori (SAL) contrattuali in essere. In riferimento all'esposizione del Net Backlog nei confronti del mercato russo, TISG dichiara che, alla data odierna, e’ in essere soltanto un contratto con un cliente russo; in particolare, la Societa' deve ancora incassare 6 milioni di euro relativi al saldo consegna nave, prevista nei primi mesi del 2023. soggetto contraente non rientra tra quelli colpiti da sanzioni internazionali.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Idea di investimento
Possibile rendimento Annuo del 12,90% con il certificate su Intesa, Banco BPM, Unicredit
Sottostanti:
UniCredit S.p.AIntesa SanpaoloBanco BPM
Rendimento p.a.
12,9%
Cedole
3,225% - €32,25
Memoria
si
Barriera Capitale
60%
Barriera Cedole
76%
ISIN
DE000VX7FRL0
Maggiori Informazioni