Maggio inizia con i future della borse europee giù


Il buono del Tesoro degli Stati Uniti, a 2,93%, è pericolosamente vicino ai livelli tossici per le azioni. In Asia Pacifico, borse della Cina chiuse. Riparte il rally del dollaro. Il bilancio di aprile e quel che aspetta ai mercati in maggio.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Reduci da un aprile orribile, le borse entrano piano in maggio, in Asia sono chiuse le borse della Cina per festività, le piazze azionarie aperte sono contrastate: in lieve rialzo Tokyo, in calo dell’1% Sidney. Il Kospi di Seul perde lo 0,4%. Mumbai -0,5 in avvio di seduta. L’indice MSCI Asia Pacific, che non include il Giappone, perde lo 0,5%. Future dell’indice Dax di Francoforte -1%. Future del Nasdaq +0,7%. Torna su il dollaro, in rialzo stamattina su tutte le controparti. Euro in calo dello 0,3%, -0,2%. Petrolio Brent in lieve calo.

Il peggior aprile dal 1970 per l'S&P500

L’S&P500, che venerdì ha perso il 3,6%, il mese si è chiuso con un calo dell’8,8%: è il peggior mese di aprile dal 1970 ed è anche l’inizio d’anno (primi quattro mesi) più negativo dal 1939. Peggior aprile degli ultimi 52 anni anche per il Dow Jones, che venerdì ha perso quasi il 5%. Per il Nasdaq, -4 % venerdì e -13% il mese, è il peggior aprile dal 2.008.
Se però si guarda a quel che è successo a Wall Street negli ultimi tre anni, periodo segnato dalla pandemia, dalla guerra e dall’iper inflazione, il bilancio torna in positivo, l’S&P500 è il 43% sopra i livelli del 30 aprile del 2019. Non così positiva, ma comunque con il segno più davanti, la performance dell’Europa: indice EuroStoxx 50 +8%.

Maggio

Il calo di aprile ha riportato con i piedi per terra che ha puntato sul proseguimento del trend ultra positivo del 2021: le borse non salgono sempre e le banche centrali sbagliano le previsioni. Nella seconda parte dell’anno passato, Jerome Powell e Christine Lagarde avevano spiegato che l’inflazione sarebbe stata transitoria, così non è stato. Le prossime settimane diranno se il consensus ha ragione nel ritenere che la Federal Reserve e la BCE, oltre alle altre banche centrali impegnate a contrastate il carovita, riusciranno a limitare i rincari dei prezzi al consumo senza soffocare la crescita economica. Per ora, guardando alle azioni ed alle obbligazioni, si vede un mercato ottimista sul soft landing, tranquillo come lo è stato negli ultimi mesi del 2021, quando gli indicatori dell’inflazione avevano cominciato a segnalare pericolo in arrivo.

È la settimana della FED

Il buono del Tesoro degli Stati Uniti tratta a 2,93%, sui massimi degli ultimi quattro anni, quasi il doppio dei livelli dell’estate del 2021.
Mercoledì la Federal Reserve dovrebbe annunciare un rialzo dei tassi di 50 punti base, l’incremento più forte degli ultimi 22 anni. Geir Lode, global equities head a Federated Hermes ha scritto nel fine settimana che il “mercato sta scontando sempre di più la possibilità di una recessione”, a fronte di ciò, la banca centrale degli Stati Uniti si prepara a combattere l’inflazione con un rialzo dei tassi più rapido di quel che aveva lasciato intendere solo fino a poco fa.

Cina

Lo yuan si indebolisce su dollaro dopo la pubblicazione di dati che confermano il rallentamento della seconda economia del pianeta. L’indice PMI manifatturiero è sceso, come da previsioni, a 47,4 in aprile, da 49,5 di marzo. L’indice PMI non manifatturiero è precipitato a 41,9 da 48,4: il consensus era 47. Un altro indice PMI, quello elaborato da Caixin è sceso più del previsto a 46.A Shanghai restano in vigore parecchie limitazioni agli spostamenti, anche se il contagio scende. Palestre e cinema chiusi a Pechino.

Tra i titoli a Piazza Affari segnaliamo

Generali. Oggi il consiglio d’amministrazione dovrebbe limitarsi a confermare le deleghe a Philippe Donnet ed a nominare il nuovo presidente. Il Sole24Ore scrive che, “contro le iniziali previsioni, il primo cda del nuovo corso delle Generali, in calendario per il primo pomeriggio di oggi, non si occuperà del tema chiave dei comitati, sei in tutto.

Mediobanca. Molti osservatori ritengono probabile che la contesa sulla gestione di Generali si trasferirà quest’autunno all’assemblea della banca d’affari che ne è il primo socio con il 17%.

Eni non ha aperto un conto in rubli per pagare le forniture di gas dalla Russia, ha detto il Cfo del colosso energetico italiano, Francesco Gattei nel corso della conference call sui risultati trimestrali.

CNH Industrial ha venduto Raven Engineered Film (Efd) - divisione di Raven Industries, acquisita l'anno scorso da Cnh - a Industrial Opportunity Partners (Iop), società specializzata in operazioni di private equity, per un prezzo di 350 milioni di dollari

Banca Popolare di Sondrio. All’assemblea di sabato, che serviva tra le altre cose a rinnovare 5 dei 15 consiglieri complessivi, la lista presentata dal board è stata votata dal 25,56% del capitale, contro il 22,56% ottenuto dalla compagine di Assogestioni. Elevata la partecipazione degli azionisti, pari al 48% del capitale sociale. Il risultato, confortante per il management, consente così al consiglio della banca di eleggere tutti i suoi candidati, a partire dall’attuale presidente Francesco Venosta, che è stato così confermato, oltre a Federico Falck, Anna Doro, Nicola Cordone e Serenella Rossi.

Unipol, che detiene il 9,5% della banca, ha votato per la lista del board, ribadendo il clima di collaborazione con il management di Sondrio, banca con cui ha stretto una partnership commerciale bancassicurativa peraltro in fase di rinnovo.

Tamburi. La partecipata Eatitaly punta ad aprire nuovi punti vendita negli Stati Uniti nel corso dei prossimi anni, lo dice l’amministratore delegato Nicola Farinetti al Sole24Ore.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Idea di investimento
Isin: DE000VX5TW09
Possibile rendimento Annuo del 9,04% con il certificate su Eni, Enel e Intesa Sanpaolo
Sottostanti:
Enel SpAEni S.p.AIntesa Sanpaolo
Rendimento annuo:
9,04%
Cedole:
2,26% - €2,26
Barriera Capitale:
70%
Barriera Cedole:
70%
Maggiori Informazioni

Isin: DE000VV1A6T2
Possibile rendimento Annuo del 13,92% con il certificate su Enel, Generali, UniCredit
Sottostanti:
UniCredit S.p.AAssicurazioni Generali S.p.AEnel SpA
Rendimento annuo:
13,92%
Cedole:
3,48% - €34,80
Barriera Capitale:
70%
Barriera Cedole:
70%
Maggiori Informazioni