Nel mercato c’è di più che l’AI e l’attenzione ai tassi


L’intensa attenzione di quest’anno alla tempistica dei tagli dei tassi da parte della Fed (ma anche della BCE), così come la mania per l’intelligenza artificiale, sono state ben documentate, ma in questo mercato secondo Tognoli c’è di più di quanto sembri.

A cura di Antonio Tognoli, Responsabile Macro Analisi e Comunicazione presso Corporate Family Office SIM


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Tasso di disoccupazione della Germania di maggio in uscita oggi alle 9:55 previsto stabile al 5,9% rispetto ad aprile.

Leggermente inferiore alle attese il PMI manifatturiero dell’Europa di maggio (47,3 punti contro 47,4 atteso e 45,7 di aprile) che continua a stazionare sotto 50 punti, area che indica recessione. Più alto delle attese invece il PMI manifatturiero USA di maggio (51,3 punti contro 50,9 atteso e 50 di aprile). Leggermente inferiore alle stime è risultato invece l’ISM manifatturiero sempre di maggio (48,7 punti contro 49,8 atteso e 49,2 di aprile). La differenza tra i due è che il PMI è l’Indice dell'attività produttiva, basato sulla valutazione dei responsabili degli uffici acquisti e di conseguenza è rappresentativo della capacità produttiva e dell'occupazione del settore manufatturiero. Mentre l’ISM è un report nazionale su base mensile che serve per valutare lo stato di salute del settore manifatturiero.

Le azioni hanno inciampato leggermente la scorsa settimana, alle prese con l’oscillazione dei tassi di interesse, che continuano a essere il prodotto di uno slancio economico positivo, nonché con sacche di inflazione persistente. Il dato di PCE USA della scorsa settimana è risultato in linea con le aspettative, tuttavia, una manciata di risultati deludenti sugli utili societari hanno pesato sulla performance settimanale del mercato azionario.

L’intensa attenzione di quest’anno alla tempistica dei tagli dei tassi da parte della Fed (ma anche della BCE), così come la mania per l’intelligenza artificiale, sono state ben documentate, ma in questo mercato secondo il nostro giudizio c’è di più di quanto sembri. Evidenziamo alcune cose che ci sembrano importanti.

Quando si tratta di pullback, questo mercato si trova in un territorio raro: i pullback e la volatilità sono una parte normale del percorso del mercato azionario. Ma mentre ci avviciniamo alla metà dell’anno, il 2024 si sta attualmente muovendo in acque anomale. Con tutto ciò che è accaduto finora nel 2024, tra cui una serie di dati sull’inflazione più alti del previsto, un balzo dei tassi di interesse, un drammatico aggiustamento (ritardo) alle aspettative di tagli dei tassi della Fed e l’escalation delle tensioni geopolitiche in Medio Oriente, si potrebbe ragionevolmente supporre che i pull back avrebbero dovuto essere più profondi. Eppure, il mercato azionario ha subito solo un piccolo e fugace calo. Da inizio anno, il pullback più grande dell’S&P 500 è stato solo di appena il 5,5%. Negli ultimi 40 anni, ci sono stati solo quattro anni (1993, 1995, 2017, 2021) in cui il pullback massimo intra annale dell’S&P 500 è stato inferiore a quello (i migliori sono stati il​​1995 e il 2017, che non hanno mai registrato un calo nemmeno del 3%).

Dal 1984, il calo annuale maggiore è stato in media del 14,2%. Escludendo i mercati ribassisti, la media è stata del 10,1%. Eppure, solo sette volte l’anno il mercato ha chiuso in territorio negativo. In altre parole, anche i migliori mercati sperimentano battute d’arresto temporanee. Dubitiamo tuttavia che i cali del 3%-5% dell’S&P 500 costituiranno il più grande calo nel 2024, con le elezioni statunitensi e le incertezze sulla politica della Fed che probabilmente scateneranno periodici periodi di debolezza. Non crediamo, tuttavia, che i prossimi arretramenti si trasformino in qualcosa di più prolungato o eccessivamente grave, in quanto ciò richiederebbe, a nostro avviso, un sostanziale cambiamento negativo nelle prospettive per il PIL e la crescita degli utili societari, che prevediamo rimangano entrambi in territorio positivo.

Nonostante il fascino degli elevati rendimenti a breve termine, la liquidità e i GIC non sono stati la soluzione giusta. Con i tassi di interesse a breve termine in rialzo ai livelli più alti degli ultimi decenni, si è verificata una tendenza naturale tra gli investitori a gravitare verso l’avvincente conforto di elevati rendimenti a breve termine e dei GIC. Riteniamo che le allocazioni in queste aree del reddito fisso siano una parte importante della diversificazione. Tuttavia, riteniamo importante anche evitare un cambiamento radicale nelle strategie a lungo termine e nelle allocazioni di portafoglio semplicemente perché i rendimenti a reddito fisso a breve termine sembrano essere un gioco da ragazzi.

Le utility hanno battuto i titoli tecnologici. Questi ultimi hanno sostenuto quasi tutto il peso dei guadagni del mercato azionario del 2023. E mentre da allora l’attenzione sui cosiddetti Magnificent 7 e sui nomi legati all’intelligenza artificiale non ha fatto altro che aumentare, può sorprendere che i titoli tecnologici siano effettivamente rimasti indietro rispetto a quelli dei servizi di pubblica utilità negli ultimi tempi, cosa che riteniamo rifletta una tendenza più ampia: l’allargamento di questo mercato rialzista.

Chi ci legge sa che uno dei nostri temi chiave era che ci aspettavamo che i ritardatari recuperassero terreno man mano che i cicli economici e di mercato avanzavano e la leadership si allargava oltre la tecnologia delle mega capitalizzazioni. Riteniamo che questa fase tragga vantaggio da una combinazione di aree cicliche e di aree più tradizionalmente difensive. Quindi, mentre i nomi tecnologici stanno ancora catturando la maggior parte dei titoli dei giornali e dei riflettori, abbiamo tranquillamente visto questo ampliamento della leadership manifestarsi in solide performance in aree come i servizi di pubblica utilità e l’energia, così come in rally episodici che si sono verificati in altre aree come quella finanziaria, industriale e della sanità.

I titoli tecnologici hanno registrato un’impressionante crescita degli utili su base annua pari mediamente al 26% nel 1Q24, particolarmente forte considerando che le aspettative sono diventate elevate per il settore. Ma altri si stanno unendo al partito, poiché la tecnologia è stato solo uno dei cinque settori (tecnologia, beni di consumo voluttuari, servizi di comunicazione, servizi di pubblica utilità e finanza) che hanno registrato aumenti di profitto a due cifre nel trimestre, rispetto a soli tre nello stesso periodo del 2023. Le stime di consenso prevedono una crescita degli utili dell’S&P 500 di circa l’11% per l’intero anno 2024 che, se raggiunta, riteniamo costituirà un potente pilastro di sostegno per i prezzi delle azioni.

Con l’economia in buona forma, le banche centrali che continuano a tenere d’occhio i tagli dei tassi quest’anno, un insieme più ampio di segmenti di mercato che contribuiscono alla leadership e gli occasionali colpi di scena provenienti dalle elezioni americane e dalla storia dell’inflazione, non sorprendetevi di vedere i mercati costruire su guadagni, probabilmente con alcune battute d’arresto e inversioni lungo il percorso. In poche parole, un aumento della volatilità.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Intesa SanpaoloUnicreditBanco BPM
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD5TR73
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy