Nvidia a quota tremila


Quota duemila miliardi di dollari di capitalizzazione era stata oltrepassata solo tre mesi fa. L’indice S&P500 è salito dell’1,2% e ha toccato un altro punto mai raggiunto nella storia, è la venticinquesima volta che succede da inizio anno. I rendimenti dei Treasury sono scesi - mentre i loro prezzi sono aumentati - per la quinta sessione di trading consecutiva. Il rendimento del titolo decennale del Tesoro americano è sceso al 4,29%, trenta punti base in meno del tasso di una settimana fa. Oggi dovrebbe essere annunciato un taglio dei tassi da un quarto di punto.” Il direttivo della BCE è ora sufficientemente fiducioso nella tendenza disinflazionistica dell'area euro per iniziare a ridurre i tassi di interesse. La borsa di Mumbai ha aperto in rialzo dell’1%. Sono state 48 ore di montagne russe per i mercati azionari indiani. Narendra Modi e il Bharatiya Janata Party (BJP) restano al potere, ma con una maggioranza più ristretta.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


La discesa dei tassi d’interesse di mercato ha riportato in orbita l’azionario degli Stati Uniti, soprattutto quella parte coinvolta nel tema dell’intelligenza artificiale. Il Nasdaq ha chiuso in rialzo del 2%, tredicesimo record del 2024. Nvidia ha guadagnato il 5,2%, un incremento di prezzo che ha portato la capitalizzazione a 3.012 miliardi di dollari. Quota duemila miliardi di dollari era stata oltrepassata solo tre mesi fa: con il rialzo di ieri, il produttore di chip supera in classifica Apple, il cui valore di mercato è 3.003 miliardi.
L’indice S&P500 è salito dell’1,2% e ha toccato un altro punto mai raggiunto nella storia, è la venticinquesima volta che succede da inizio anno.

BOND

I rendimenti dei Treasury sono scesi - mentre i loro prezzi sono aumentati - per la quinta sessione di trading consecutiva. Il rendimento del titolo decennale del Tesoro americano è sceso al 4,29%, trenta punti base in meno del tasso di una settimana fa. L’inaspettato balzo dell’indice ISM Servizi non sembra aver modificato le convinzioni del mercato a proposito dell’indebolimento della spinta economica. Barron’s ricordava ieri in un commento che i redditi personali disponibili, il principale sostegno alla spesa, sono sotto pressione, come si evince dagli ultimi dati, pubblicati venerdì: tenendo conto dell'inflazione, il reddito disponibile è sceso dello 0,1% ad aprile rispetto al mese precedente, il secondo calo negli ultimi tre mesi. Il tasso di risparmio personale è stato del 3,6% sia ad aprile che a marzo, il più basso dal dicembre 2022.

Per effetto dei movimenti di ieri, il mercato torna a scontare per fine anno due tagli dei tassi d’interesse. Bloomberg riportava che sono in forte aumento le prese di posizioni sulla discesa dei tassi attraverso le opzioni. Allo stesso tempo, scendono le posizioni ribassiste allo scoperto sulle obbligazioni. Kelsey Berro, del fixed income investment management di JP Morgan ritiene che in questa seconda parte del 2024, la Federal Reserve avrà come prima preoccupazione la salvaguardia del mercato del lavoro e non la lotta all’inflazione. 

Le borse dell’Europa dovrebbero aprire in rialzo, il future dell’indice Dax di Francoforte guadagna lo 0,4%.

BCE

Oggi dovrebbe essere annunciato un taglio dei tassi da un quarto di punto.” Il direttivo della BCE è ora sufficientemente fiducioso nella tendenza disinflazionistica dell'area euro per iniziare a ridurre i tassi di interesse. Tuttavia, non crediamo che ci sia un consenso significativo per un secondo taglio dei tassi simile già a luglio”, scriveva ieri François Rimeu, Senior Strategist – La Française “Christine Lagarde probabilmente ribadirà che le decisioni monetarie continueranno a dipendere dai dati, mantenendo così una certa flessibilità nell'orientamento della politica monetaria dei prossimi mesi”. La banca centrale pubblica anche le indicazioni economiche. “Rispetto alle previsioni di marzo, ci aspettiamo che la crescita del PIL sarà rivista al rialzo nel 2024, dallo 0,6% allo 0,8%, mentre rimarrà sostanzialmente invariata nei due anni successivi, all'1,5% nel 2025 e all'1,6% nel 2026. Per quanto riguarda i prezzi, prevediamo che sia l'IAPC (Indice Armonizzato dei Prezzi al Consumo) che l'inflazione sottostante (esclusi energia e alimentari) saranno simili alle previsioni di marzo, ed entrambi convergeranno verso l'obiettivo del 2% il prossimo anno.

In Asia prevale stamattina il rialzo. Nikkei di Tokyo +0,7%. Hang Seng di Hong Kong +0,6%. Shanghai Composite +0,1%.

INDIA

La borsa di Mumbai ha aperto in rialzo dell’1%. Sono state 48 ore di montagne russe per i mercati azionari indiani. Narendra Modi e il Bharatiya Janata Party (BJP) restano al potere, ma con una maggioranza più ristretta.

Nick Payne, Investment Manager, Jupiter Asset Management ripercorre in una nota cosa è successo. “Seguendo l’adagio “buy the rumors”, lunedì i mercati indiani erano saliti di circa il 4% dopo che gli exit poll indiani, notoriamente imprecisi, avevano segnalato una maggioranza schiacciante. I beneficiari della “Modi-nomics” - banche e compagnie petrolifere controllate dallo Stato e il gruppo Adani - hanno guidato la corsa, mentre le imprese di qualità superiore e il settore dei servizi informatici sono rimasti indietro. Tuttavia, i mercati hanno dovuto affrontare la realtà martedì, con l'arrivo dei risultati ufficiali, vedendo che la tanto auspicata maggioranza del BJP non si sarebbe concretizzata. Il conteggio finale di 290 seggi vinti dalla più ampia Alleanza Nazionale Democratica (NDA) del BJP è inferiore alle aspettative, ma dovrebbe comunque vedere il governo di coalizione guidato da Modi tornare al potere. I risultati sono chiaramente deludenti, ma a lungo termine riteniamo che l'impatto sulle prospettive dell'India dovrebbe essere minimo. Le prime indicazioni mostrano che questo drammatico voltafaccia è stato guidato dagli elettori più poveri e regionali, lasciati fuori dalla storia di crescita dell'India; la loro esperienza è stata decisamente meno rosea. La conseguenza più probabile è che l'ambizioso programma di riforme di Modi venga ridimensionato: le politiche nazionaliste indù e le riforme più profonde delle leggi sulla terra e sul lavoro potrebbero essere escluse.

PETROLIO

Brent in rialzo a quasi 79 dollari il barile all’indomani della pubblicazione del dato sulle scorte strategiche degli Stati Uniti.
Saudi Aramco ha abbassato i prezzi ai clienti dell’Asia a partire dal mese prossimo, è la prima riduzione da febbraio. Il taglio dei prezzi arriva pochi giorni dopo che alcuni membri dell'OPEC+,

tra cui la stessa Arabia Saudita, hanno concordato di ridurre gradualmente la loro riduzioni volontarie dell'offerta a partire da ottobre. Aramco ridurrà il prezzo del suo prodotto di punta, l'Arab Light, di 50 centesimi a 2,40 dollari al barile.

TITOLI

MFE. Vede i ricavi pubblicitari in crescita del 6% nei primi sei mesi dell'anno, ha detto l'AD Pier Silvio Berlusconi.

Fincantieri. Secondo l'Handelsblatt il Ceo Pierroberto Folgiero ha presentato a membri del governo tedesco l'idea di una integrazione con la divisione difesa di Thyssenkrupp. Lo stesso Folgiero è intervistato oggi sul Sole24Ore.

Nexi è stata inclusa nel Ftse EuroMid in occasione della revisione trimestrale degli indici europei.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Banco BPMUnicreditIntesa Sanpaolo
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD5TR73
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy