Pechino contro i tech cinesi


Nuove multe per Alibaba e Tencent e si riaccende lo scontro trai tech cinesi e Pechino, mentre si temono nuovi blocchi a Shanghai a causa del Covid. Settimana cruciale per l’inflazione americana, il dato atteso mercoledì. Autogrill verso la fusione con Dufry e Benetton che diventano primi azionisti. l'Europa teme il blocco dell'esportazione di gas dalla Russia.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Mercoledì l'inflazione dagli Usa

Spostandoci in Occidente, Stati Uniti in attesa del dato che verrà pubblicato mercoledì sull’inflazione, le stime sono per un +8,8% dall’8,6% del mese precedente. Il tema più importante è che solo un mese fa gli economisti indicavano dell’8,6% il picco, da cui l’inflazione sarebbe dovuta scendere. Noi crediamo che siamo comunque vicino a un picco data la correzione delle materie prime e una Federal Reserve talmente aggressiva da indurre una recessione. Ad aspettarsi un rallentamento economico è anche la curva dei rendimenti con il decennale americano a due anni che quota ai livelli del dieci anni. In genere quanto accade che i tassi a breve superano quelli a lunga a distanza di 15 -18 mesi si assiste a una recessione. Stavolta potrebbe anche avvenire prima.

Opas di Dufry su Autogrill, sotto i prezzi di Borsa

Tre notizie su titoli italiani. Accordo tra i Benetton e Dufry, quest’ultima lancerò un Opas su Autogrill e poi i Benetton diventeranno i principali azionisti della nuova società.

Dalla fusione dei due dei principali operatori dei rispettivi settori, un player globale da oltre € 12 miliardi di ricavi ed un EBITDA di circa € 1,3 miliardi (dati 2019 – prepandemia).

Edizione, che controlla oggi il 50,3% di Autogrill, diventerà il maggior azionista del nuovo Gruppo, di cui deterrà al termine dell’operazione una quota indicativamente compresa tra circa il 25% e il 20% a seconda del livello di adesione all’OPA.

Il problema? Ai prezzi di oggi l’opas di Dufry valuta Autogrill il 20% meno della chiusura di venerdì.

STMicroelectronics e GlobalFoundries hanno firmato un memorandum d’intesa per la creazione di un nuovo impianto manifatturiero a gestione congiunta per la produzione di semiconduttori su wafer di silicio da 300 mm adiacente all’impianto da 300 mm di ST esistente a Crolles, in Francia.

L’impianto apporterà un importante contributo agli obiettivi del Chips Act Europeo, compreso l’obbiettivo dell’Europa di raggiungere il 20% della produzione mondiale di semiconduttori entro il 2030.

Fincantieri ha firmato con un cliente internazionale un contratto per la costruzione di una nuova nave da crociera extra-lusso, con consegna prevista per la fine del 2025. L’ordine, che prevede ulteriori due unità in opzione, ha un valore complessivo di circa 1,2 miliardi di euro. Il contratto è condizionato al conseguimento del finanziamento, come da prassi per il settore