Pechino molla la presa su Covid19, la borsa di Hong Kong vola


Le autorità cinesi hanno compiuto il primo passo di quel che sembra un ripensamento delle norme sul contenimento della pandemia. Il future anticipa un avvio in rialzo dell’1% della borsa di Francoforte. Ieri euroforia a Wall Street. Scende il dollaro e sale l’oro. Cryptocaos. Le autorità di Bahamas sequestrano i beni di FTX.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


La notizia dell’ammorbidimento della normativa anti diffusione della pandemia in Cina è arrivata stanotte quando sembrava indebolirsi la spinta all’insù innescata dalla frenata dell’inflazione negli Stati Uniti. Le borse dell’Asia Pacifico, già positive nella scia di Wall Street stanno accelerando. L’indice MSCI Asia Pacific guadagna oltre il 4%, variazione che dovrebbe portarlo a registrare la miglior settimana da marzo del 2020.

COVID 19

La Commissione Nazionale per la Salute della Cina ha diffuso un comunicato nel quale si riducono le giornate che le persone in arrivo dall’estero devono stare in quarantena in hotel o in strutture messe a disposizione dalle autorità. Nella nota, vengono abbassati anche i tempi di isolamento per chi è stato in contatto con un infetto.
La borsa di Hong Kong è in rialzo del 7,3%. L’Hang Seng Tech sfiora il 10% di guadagno. Alibaba +11%.
Shanghai Composite +2%. Hanno preso il volo le società del settore immobiliare ma anche quelle dei viaggi e degli spostamenti. Seul +3,5%. Nikkei di Tokyo +3%, +7% la settimana. Kospi di Seul +3%, +13% la settimana.
Lo won della Corea è in rialzo del 4% su dollaro. Tra le poche valute a perdere terreno c’è lo yen del Giappone.

CINA-USA

Il cambio di policy della Cina arriva a poche ore dall’annuncio del faccia a faccia tra Joe Biden e Xi Jinping, il primo incontro in presenza dei due leader si tiene a margine del G20 di Bali. Tra i temi del summit ci dovrebbe essere quello dell’high tech. La segretaria al Commercio, Gina Raimondo, ha ribadito ieri sera in un’intervista alla CNBC l’importanza di mantenere in vigore le norme che vietano alle società statunitensi di vendere chip sofisticati alle aziende cinesi controllate da soggetti vicino all’esercito.

WALL STREET

Ieri il Nasdaq ha guadagnato il 7,4%. Per trovare un risultato giornaliero di questa portata, si deve tornare ai giorni bui dello scoppio della pandemia, al 24 marzo del 2020. L’S&P500 è salito del 5,5%. E’ stata la seduta della riscossa delle ex stelle del listino dei tempi dello stay at home. Zoom +15%. L’ETF ARK Innovation della guru dei tech, Cathie Wood, ha guadagnato il 15%, miglior risultato giornaliero della sua storia, iniziata otto anni prima. Mercoledì l’ETF aveva toccato il minimo storico.

TASSI

Ieri, per effetto della frenata dell’inflazione, il mercato si è buttato nell’acquisto di obbligazioni, sull’aspettativa di una banca centrale meno scatenata sul rialzo del costo del denaro. Il decennale si è portato a 3,80%, oltre venti punti base in meno del giorno prima. Oggi il mercato dei bond degli Stati Uniti è chiuso per il Veteran’s Day. C’è stato anche un forte arretramento delle previsioni sull’inflazione ed un conseguente tonfo dei tassi reali, sulla duration a dieci anni il tasso depurato dall’inflazione è sceso a 1,42%, livello che non si vedeva da inizio settembre. Lorie Logan della Fed di Dallas ha detto ieri pomeriggio che la banca centrale degli Stati Uniti potrebbe essere “presto” chiamata ad un ripensamento sull’intensità della stretta monetaria. Mary Daly della Fed di San Francisco ha invece avvertito che è presto per cantare vittoria, in quanto il dato di ottobre è solo una parte dell’informazione positiva.

L’indice del dollaro, che ieri ha registrato la peggior seduta dal 2015, stamattina perde lo 0,3%.

L’indebolimento della valuta degli Stati Uniti, per contrappeso, porta su l’oro, arrivato sui massimi degli ultimi due mesi. Si profila per il metallo di riferimento, la miglior settimana da marzo. 

CRYPTO

Il bitcoin torna giù dopo il rimbalzo del 13% di ieri, stamattina la più diffusa delle criptovalute passa di mano a 17.250 dollari, in calo del 3%. Le autorità dello stato di Bahamas, paradiso fiscale dove ha domicilio la piattaforma, FTX.com, hanno congelato le attività della società e delle sue sussidiarie riconducibili al fondatore e numero uno Sam Bankman-Fried. La Bahamas Securities Commission ha scritto nella nota che è stato nominato un liquidatore, sarà lui a stabilire se ci sono le condizioni per proseguire l’attività. “Liquidazione è quel che negli Stati Unirti si chiama bancarotta” ha chiarito a Bloomberg, John K F Delaney, un avvocato delle Bahamas. 

TITOLI

A2A termina i primi nove mesi dell’anno con ricavi per 16,87 miliardi di euro in crescita del 162% rispetto a 6,44 miliardi dello stesso periodo del 2021. La variazione, spiega la società, è principalmente legata alle dinamiche rialziste dei prezzi delle commodities. L'Ebitda del periodo è stato pari a 1,15 miliardi in crescita del 20% da 955,0 milioni dei primi nove mesi dello scorso anno. La Posizione finanziaria netta al 30 settembre 2022 risulta pari a 4,91 miliardi da 4,11 miliardi riportati al 31 dicembre 2021.A2A ha alzato le previsioni sull’ Ebitda del 2022, visto tra 1,45 miliardi e 1,5 miliardi.

Snam, De Nora. La cessione della quota in De Nora non è attesa nel prossimo futuro. Lo ha detto l'AD di Snam, Stefano Venier, in una call sui risultati

Atlantia. Ieri, penultimo giorno dell'offerta, le adesioni all'Opa Schema Alfa hanno raggiunto il 43,5% dei titoli oggetto dell'offerta e il 62,2% del capitale considerata la quota già detenuta da Edizione.

Rai Way. Chiude i nove mesi con un utile netto in crescita del 6,6% e la società aumenta la visibilità su un rialzo delle stime di Ebitda per il 2022.In una call l'AD, Aldo Mancino, ha detto che il dossier M&A con EiTowers è aperto.

Tod’s, chiude i nove mesi con ricavi del gruppo pari a 724,9 milioni di euro, in crescita del 16,4% rispetto allo stesso periodo del 2021.In una call il Cfo, Emilio Macellari, ha detto che la famiglia non ha ancora deciso in merito al delisting attraverso la fusione nella holding.

Webuild ha aggiornato alcune informazioni rispetto ai risultati dei nove mesi, rendendo noto ordini acquisiti e in corso di finalizzazione da inizio anno per 13,1 miliardi di euro, raddoppiando il target per l'anno. Complessivamente nel biennio i nuovi ordini sono pari a 24 miliardi.

Credem. La banca chiude i nove mesi con un utile a 222,6 milioni di euro, in crescita del 23,5% anno su anno, senza considerare l'apporto contabile dell'acquisizione della Cassa di Risparmio di Cento che aveva positivamente influenzato il risultato al 30 settembre 2021.


Idea di investimento
Possibile rendimento del 14% annuo con il certificate su Alibaba, JD.com e Tencent
Sottostanti:
Tencent Holdings LimitedJD.com IncAlibaba
Rendimento p.a.
14%
Cedole
3,5% - €35,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
CH0575765877
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy