Per il 2023 il quadro macro si preannuncia migliore del 2022


Secondo la survery di BofA in dicembre i gestori, pur prevedendo una recessione, sono meno pessimisti di novembre.

A cura di Antonio Tognoli, Responsabile Macro Analisi e Comunicazione presso Corporate Family Office SIM


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Fiducia dei consumatori USA MoM di dicembre in uscita oggi alle 16:00 (stima 101 punti contro 100,2 di novembre) e alle 16:30 le scorte di petrolio WoW (stima -0,17M di barili contro +10,23M della scorsa settimana).

Ieri i prezzi alla produzione della Germania MoM di novembre sono stati più positivi delle stime (-3,9% contro -2,5% di ottobre), forse il primo segnale del raffreddamento dei prezzi che probabilmente vedremo a breve riflesso sia a livello Europeo, sia nei prezzi al consumo.

Siamo alla fine di un anno complicato sotto tanti punti di vista. E’ sicuramente tempo di bilanci, ma quello che ci interessa maggiormente non è tanto il passato, quanto il futuro. Senza scomodare oroscopi o veggenti, cerchiamo di tracciare le linee guida per gli investimenti del prossimo anno.

Cominciamo con il dire che con tutta probabilità il 2023, salvo imprevisti, sarà un anno migliore del 2022 per i mercati finanziari. Il quadro macroeconomico del 2023, è tutto sommato migliore di quanto il mercato si aspettava solo fino a poche settimane fa. E questo nonostante la crescita globale sia prevista rallentare al 2,2% nel 2023 (3,4% del 2022): la crescita dei Paesi sviluppati dovrebbe scendere dal 2,6% allo 0,3%, mentre quella degli EM dal 4% al 3,5%. Comunque una buona notizia per le azioni, ma forse ancora migliore per le obbligazioni governative. A dirlo sono i grandi gestori dei fondi, coinvolti nella survey mensile di Bank of America.

Ma i mercati finanziari, nel bene e nel male, tendono ad anticipare le tendenze economiche. Ecco quindi che cosa si aspettano i più grossi gestori di fondi. La stragrande maggioranza (80%) prevede una recessione in Europa nei prossimi dodici mesi, in calo però rispetto al 95% di ottobre, mentre il 68% prevede una recessione globale (anche qui in calo rispetto al 77% di novembre). Anche negli USA, dove è previsto che a causa della forte stretta monetaria i tassi FED raggiungano il 5% nel secondo trimestre dell’anno, la maggioranza degli investitori vede una recessione nel 2023.

Quando si toccherà il punto più basso? Il 46% si aspetta che il ciclo macro abbia una flessione nel secondo trimestre, mentre il 30% si aspetta che la flessione avvenga nel terzo trimestre.

Il 64% degli investitori ritiene inoltre che la distruzione della domanda aggregata sarà il tema macro dominante nei prossimi mesi. L’inflazione invece, con ogni probabilità, rallenterà di molto la sua corsa, grazie ad un effetto statistico (il confronto è infatti con i dati crescenti del 2022), alla distensione delle catene di approvvigionamento nonché, in Europa, al controllo del prezzo del gas. E’ infatti del 90% la percentuale dei gestori che si aspetta una riduzione dei prezzi nel corso del 2023.

Ma su quali assets class conviene puntare? Il 27% ritiene che l’asset su cui puntare siano i titoli di stato, seguiti da azioni (25%), obbligazioni societarie (24%), materie prime (12%), liquidità (6%), criptovalute (4%). Secondo i gestori saranno i bond governativi ad avere la performance migliore. Potrebbe quindi non essere un caso il fatto che i titoli di stato a dicembre risultino mediamente sovrappesati nei principali portafogli (non succedeva dal 2009).

Secondo la survey di BofA, gli investitori sono invece ribassisti sull’azionario Europeo nel breve termine: l'88% prevede un ribasso degli EPS e il 26% ritiene che le azioni europee siano sopravalutate (percentuale più alta dal marzo 2020). Il 72% ritiene che il rally azionario in Europa si sia già consumato.

La scelta migliore sotto il profilo rischio/rendimento potrebbe quindi essere quella di un portafoglio difensivo, privilegiando l'oro e il credito investment grade, rimanendo comunque pronti ad aggiustamenti nel corso dell’anno,

Diverso invece il giudizio nel medio termine, dove il 42% è ottimista, prevedendo un rialzo del 5% nei prossimi dodici mesi (la lettura più alta da marzo). Se guardiamo ai settori, vediamo che il 36% dei gestori si aspetta comunque che i ciclici sottoperformino i difensivi, mentre il 74% prevede che l'alta qualità superi la bassa qualità. Il settore assicurativo e quello farmaceutico rimangono i settori preferiti. In calo invece energia e banche.

Un po’ tutte le società di gestione prevedono un 2023 a due facce: il primo semestre in cui le economie scivoleranno verso la recessione e un secondo semestre in cui potrebbe prendere corpo la ripresa economica. Da questo fanno ovviamente discendere una precisa strategia di investimento. Proponiamo quella di Amundi, uno tra i più grandi gestori al mondo, rilasciata in occasione “dell’outlook dell’anno che verrà”.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13,40% annuo con il certificate su Ford, Renault e Stellantis
Sottostanti:
Renault SAStellantis NVFord Motor Company
Rendimento p.a.
13,4%
Cedole
3,35% - €33,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD39CK8
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy