Pfizer e Moderna, due vaccini per dominarli tutti: vendite a +75% nel 2022

vaccino covid

Secondo alcune stime degli analisti, la scelta dei governi di dare il via alla terza dose dei vaccini potrebbe portare ad un balzo delle vendite dei prodotti di Pfizer/BioNtech e di Moderna pari al 75% nel corso del prossimo anno. Intanto, l’Ema ha approvato la versione “pronta all’uso” del vaccino di Pfizer, formula migliorata dal punto di vista dell’efficacia, del trasporto e dello stoccaggio, rispetto all’attuale prodotto.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Le previsioni sulle vendite di vaccini

Il mercato dei vaccini potrebbe essere dominato da Pfizer e Moderna nel corso del prossimo anno. Secondo le previsioni elaborate dalla società di consulenza Airfinity, infatti, le vendite combinate tra le due società potrebbero aumentare di almeno il 75% dagli attuali 53,5 miliardi di dollari, previsti complessivamente da entrambe le aziende per il 2021, raggiungendo così i tre quarti del mercato nel 2022, Cina esclusa.

In particolare, il vaccino Pfizer/BioNTech dovrebbe generare circa 54,5 miliardi di dollari, mentre le vendite di Moderna potrebbero arrivare a circa 38,7 miliardi, secondo le stime di Airfinity pubblicate sul Financial Times.

Si tratta di previsioni nettamente superiori a quelle del consenso degli analisti, ferme rispettivamente a 23,6 miliardi e 20 miliardi di dollari.

Stime sul mercato dei vaccini

Per quanto riguarda l’anno in corso, la società di ricerca stima un fatturato da 31,3 miliardi di dollari per il vaccino Pfizer/BioNtech, mentre per Moderna le previsioni si fermano a 17,6 miliardi di dollari. Si tratta di stime inferiori a quelle delle stesse due società, rispettivamente di 33,5 miliardi e 20 miliardi.

Tra gli altri produttrici di vaccini, AstraZeneca, Johnson & Johnson, la russa Sputnik V e i nuovi arrivati come Novavax dovrebbe raddoppiare il loro valore complessivo, arrivando a 124 miliardi di dollari nel corso del prossimo anno.

Da Airfinity si attendono un mercato dei vaccini raddoppiato nel 2022, con oltre 10 miliardi di dosi ordinate, a causa di un aumento della domanda da parte dei vari governi dovuto alla decisione sulla terza dosi, oltre alla necessità di creare delle scorte per proteggersi da nuove varianti.

Sulla scelta della terza dose, però, non c’è certezza, ma secondo Karen Andersen, analista di Morningstar, nel caso in cui i governi dovessero procedere sulla strada del nuovo richiamo, Pfizer e Moderna “domineranno a lungo termine” il mercato dei vaccini.

I tempi d’oro per i fatturati da vaccino contro il Covid 19 dovrebbero terminare a partire dal 2023, quando i fatturati delle società produttrici dovrebbero scendere a circa 6,6 miliardi per Pfizer/BioNTech e a 7,6 miliardi di dollari per Moderna, sempre secondo le previsioni di Airfinity.

La nuova formula del vaccino Pfizer e i vantaggi

Nel frattempo, una versione migliorata del vaccino di Pfizer si appresta ad arrivare sul mercato. L’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA), infatti, ha approvato una nuova formulazione chiamata “pronta all’uso” del vaccino Comirnaty, realizzato in collaborazione con BioNtech contro il coronavirus.

La nuova formula permette l’uso del vaccino Pfizer/BioNtech senza diluizione con acqua, permettendo così un minore margine di errore nella sua preparazione.

Il nuovo prodotto potrà essere conservato in frigo tra i 2 e gli 8 gradi centigradi per 10 settimane, risultando migliorativo rispetto all’attuale tempistica che prevede un massimo di un mese.

Inoltre, sarà disponibile in confezioni da 10 flaconcini da 60 dosi rispetto alle 1.170 attuali, rappresentando un netto vantaggio dal punto di vista dello stoccaggio, del trasporto e della logistica.

Per quanto riguarda il lancio della nuova formula, la società ne prevede la distribuzione a inizio 2022 con tempi graduali.

Infine, l’Ema ha comunicato di aver avviato la valutazione dell’uso di emergenza del vaccino di Pfizer/BioNTech per i bambini di età compresa tra i cinque e gli undici anni.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Idea di investimento
Isin: CH1129850405
Possibile Maxicedola del 15% e rendimento annuo del 4% su Biontech, Moderna, Novavax
Sottostanti:
NovavaxModerna IncBioNTech SE
Maxicedola:
15%
Importo Maxicedola:
€150,00
Rendimento annuo:
4%
Cedole:
1% - €10,00
Barriera Capitale:
55%
Barriera Cedole:
65%
Maggiori Informazioni

Isin: DE000VX00AY3
Possibile rendimento Annuo del 15,616% con il certificate su Novavax e BioNTech
Sottostanti:
NovavaxBioNTech SE
Rendimento annuo:
15,616%
Cedole:
3,904% - €39,04
Barriera Capitale:
50%
Barriera Cedole:
50%
Maggiori Informazioni