Pfizer: quotazioni appese al successo dei farmaci per dimagrire


Entro fine anno l’azienda comunicherà i risultati sulla sperimentazione del Danuglipron, il prodotto con cui vuole entrare nel nuovo eldorado del business sanitario: la perdita di peso. Jefferies ci crede e alza a Buy


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


In Borsa un calvario dopo la sbornia da Covid

Alla ricerca di nuove fonti di crescita dopo la sbornia da vaccini e farmaci per il Covid, Pfizer punta le sue speranze sui prodotti per fare perdere peso, nuovo eldorado dell’industria farmaceutica mondiale. La sua non è una corsa alla ricerca di un primato, ma, se andrà bene, per entrare in scena come terzo contendente in un mercato dove al momento giocano due protagonisti: la danese Novo Nordisk e, da ieri, l’americana Eli Lilly.

Dall’inizio dell’anno le azioni Pfizer sono scese del 39% e finora non sono serviti a invertire il trend negativo né i lanci di una serie di nuovi farmaci, né l'imminente acquisizione da 43 miliardi di dollari della biotecnologia oncologica Seagen. Oggi l’azione Pfizer vale 30,82 dollari, esattamente la metà del massimo storico di 60 dollari segnato nel dicembre 2021. Gli investitori non riescono a togliersi dalla testa che entro il 2030 scadranno i brevetti di alcuni importanti farmaci e l’azienda rischia di perdere 17 miliardi di dollari di ricavi annuali.

Farmaci per dimagrire: un mercato da decine di miliardi di dollari

La migliore possibilità per Pfizer per invertire questo trend è affidata alla sperimentazione attualmente in corso in fase 2 della pillola per la perdita di peso Danuglipron. Se il farmaco darà buone risposte con rischi di sicurezza minimi, potrebbe dare a Pfizer una fetta del mercato delle pillole orali per l'obesità, che si prevede varrà decine di miliardi di dollari all'anno entro la fine del decennio. Pfizer prevede di comunicare i risultati della sperimentazione entro la fine dell'anno.

Il primato di Novo Nordisk, e da ieri è in campo Eli Lilly

L’8 novembre le autorità sanitarie degli Stati Uniti e della Gran Bretagna hanno dato il via libera al farmaco Zepbound di Eli Lilly per il trattamento dell’obesità o del sovrappeso. Zepbound era già disponibile dal 2022 con il nome di Mounjaro per il diabete di tipo 2. Dall’inizio del 2023, in vista dell’approvazione di Zepbound, le azioni di Eli Lilly hanno registrato un’impennata del 67%, che l’ha resa l’azienda sanitaria di maggior valore quotata in Borsa a livello mondiale. Ieri, anche se il via libera era ampiamente previsto, le sue azioni sono salite di oltre il 3%.

Eli Lilly punta a togliere quote di mercato alla danese Novo Nordisk, che nel 2021 ha ottenuto l’autorizzazione in Usa per il suo trattamento dimagrante Wegovy, che da quest’anno è disponibile anche in Europa. L’azione Novo Nordisk è salita dall’inizio dell’anno del 50%.

L’upgrade di Jefferies

Le ambizioni di Pfizer sono di conquistare a sua volta un ruolo di primo piano in questo business. Akash Tewari, analista di Jefferies, a metà ottobre ha alzato il giudizio su Pfizer a Buy (acquistare) da Hold (mantenere) e ha spiegato che l’upgrade dipende in larga misura dai dati positivi dello studio sul Danuglipron. Al momento, su 25 analisti che coprono Pfizer, solo 11 consigliano di comprare le azioni e la media dei target price è 40 dollari (upside del 30%).

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 14,40% annuo con il certificate su Roche, Pfizer e Moderna
Sottostanti:
Pfizer IncModerna IncRoche Holding AG
Rendimento p.a.
14,4%
Cedole
3,6% - €36,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
IT0006757204
Emittente
Marex Financial
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: PFE.US
Isin: US7170811035
Rimani aggiornato su: Pfizer

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni