Pirelli, balzo dei ricavi nel primo trimestre


I risultati diffusi dalla società evidenziano una crescita importante dei ricavi nel corso dei primi tre mesi dell’anno, nonostante un business frenato dalla situazione geopolitica, dall’inflazione e dai continui lockdown in Cina.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Trimestre in crescita per Pirelli

Inizio di 2022 in crescita per Pirelli nonostante la situazione geopolitica continui a influenzare il suo business. Nel dettaglio, i ricavi della società produttrice di pneumatici sono aumentati del 22,2% nei primi tre mesi del 2022 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, arrivando così a 1.521,1 milioni.

L’Ebita si attesta a 333,1 milioni di euro dai precedenti 266,5 milioni (+25%), mentre l’Ebit adjusted arriva al 15%, in miglioramento del 13,6% se paragonato al primo trimestre 2021.

Balzo per l’utile netto (+160,2%) a 109,8 milioni, mentre al 31 marzo 2021 si era fermato a 42,2 milioni.

Migliora la posizione finanziaria netta, negativa per 3.580 milioni di euro (-3.911,9 milioni al 31 marzo 2021), con un assorbimento di cassa netto pari a 672,9 milioni (653,5 milioni nel primo trimestre 2021) per effetto della consueta stagionalità del business.

La diffusione dei risultati, avvenuta ieri a mercati chiusi, sta sostenendo le azioni Pirelli a Piazza Affari, dove crescono di oltre l’1% dopo circa un’ora di contrattazioni, dopo aver toccato un massimo di 4,628 euro.

Outlook e target 2022

Dalla società sottolineano come le prospettive macro-economiche 2022 siano frenate da tensioni geopolitiche, dall’inflazione e dal calo della domanda per lockdown in Cina.

Nonostante queste incertezze, le previsioni della società sui ricavi 2022 salgono a una forchetta di 5,9-6 miliardi, a fronte di 5,6-5,7 miliardi della precedente stima, mentre l'attesa crescita dei volumi si è abbassata a +0,5%/+1,5%, dal precedente +1,5%/+2,5%”.

“Riteniamo che ci possa essere una ripresa nel secondo semestre, quindi ci aspettiamo che la situazione di lockdown continui fino alla fine di giugno”, dichiara il Ceo Marco Tronchetti Provera presentando i risultati agli analisti.

Ad una domanda sulla prudenza mostrata sulle stime da parte del management, Provera risponde che la società deve “vedere quali saranno gli sviluppi entro la metà di maggio, se le restrizioni verranno riviste”, anche se sottolinea “la solidità della domanda, che finora è buona, e gli stock ancora ad un livello inferiore rispetto al 2018”.

Questa “situazione ci fa essere prudenti”, concludeva il manager, aggiungendo di aver “sperimentato un incremento dei prezzi nel nostro settore e ci aspettiamo che continui, ma ovviamente dipende dalla domanda globale”.

La view degli analisti

Se un esperto interpellato da MF-Dowjones sottolinea a caldo come “i conti di Pirelli abbiano evidenziato un Ebit un po’ sopra le attese, una guidance aggiornata con un rialzo sul fatturato e un ribasso sull’Ebit margin adjusted”, queste scelte restano “in linea con quanto previsto”.

Da Intesa Sanpaolo confermano la raccomandazione ‘buy’ sul titolo Pirelli, con prezzo obiettivo a 6 euro dopo dei conti caratterizzati da “un mix di prezzo molto più forte del previsto, che ha più che coperto gli aumenti delle materie prime e l’inflazione dei costi degli input, i ricavi e l’Ebit adjusted del primo trimestre sono stati oltre le nostre attese e il consenso”

Quanto alla revisione della guidance, "le nostre stime e quelle del consenso erano già allineate”, concludono dalla banca torinese.

Risultati “leggermente meglio delle attese” anche secondo WebSim, “grazie ad un effetto price/mix più forte del previsto”.

Tuttavia, aggiungono dalla sim, “nonostante un effetto price/mix complessivamente migliore anche sull’intero esercizio, la società ha leggermente rivisto al ribasso la guidance 2022 ad un livello coerente con le attuali stime di consenso (recentemente riviste)”.

Pertanto, da WebSim rivedono “leggermente le stime al rialzo, ma rimaniamo sotto la guidance della società alla luce di stime più caute sui volumi” e “abbassiamo il target price a 4,7 euro”, con raccomandazione ‘neutral’.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: PIRC
Isin: IT0005278236
Rimani aggiornato su: Pirelli & C

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni