E' possibile prevedere il comportamento degli investitori e quindi dei mercati?


La comprensione del comportamento degli attori del mercato è strategica: è la teoria di Thaler.

A cura di Antonio Tognoli, Responsabile Macro Analisi e Comunicazione presso Corporate Family Office SIM


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Serie di dati USA in uscita oggi. Si comincia alle 14:15 con la produzione industriale MoM di marzo stima +0,2% contro -0,2% di febbraio), alle 14:30 le vendite al dettaglio MoM di marzo (-0,4% invariate rispetto al febbraio) e alle 16:00 la fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan di aprile (stima 62,7 punti contro 62 di marzo).

Ieri i prezzi al consumo della Germania YoY di marzo sono cresciuti del 7,4%, in linea con le aspettative e in flessione rispetto all’8,7% di febbraio. La produzione industriale dell’Europa MoM di febbraio è risultata più elevata rispetto alle stime (1,5% contro 1% atteso). Le richieste dei sussidi alla disoccupazione YoY USA di marzo sono risultati pari a 239k, in marginale crescita rispetto ai 232k della scorsa settimana.

Mai come in momenti come l’attuale la comprensione del comportamento degli attori del mercato diventa strategica. Ci sono diversi indicatori che tentano di prevedere le intenzioni di investimento e che svolgono un ruolo di base nell'attività economica complessiva. Tutti gli indicatori fanno riferimento alla teoria comportamentale (vedi R. Thaler e C. Sunstein), piuttosto che alle teorie economiche classiche. La differenza principale tra i due approcci è che secondo Thaler l’essere umano non ha una conoscenza perfetta del mondo intorno a sé, non possiede una forza di volontà ferrea e quando prende decisioni tiene anche conto delle considerazioni altrui e di fattori etici.

Alla base della teoria comportamentale c’è il fatto che gli esseri umani sbagliano così di frequente che è possibile prevederne gli errori e costruire modelli di comportamento alternativi a quelli dell’economica classica. Un esempio per capirci: gli esseri umani tendono a concentrarsi sull’impatto di una singola decisione anziché valutare il quadro complessivo e molti attribuiscono un valore diverso a un bene a seconda che lo possiedano o no. Queste sono il complesso di quelle che Thaler chiama “limitazioni cognitive”, che devono essere considerate nei contesti decisionali, soprattutto di politica economica.

Ed è proprio quello che hanno fatto diversi governi, inclusa la Casa Bianca, facendo proprie le teorie dell’economista di Chicago. E’ stato Thaler a scoprire il meccanismo della “mental accounting”. Secondo la finanza convenzionale infatti, il denaro è fungibile e quindi se per esempio trovo 100 euro a terra li spenderò allo stesso modo di come spendo i soldi in busta paga. Ma Thaler ha verificato che non è così: nella nostra mente esisterebbero “cassetti” separati in cui sistemare il denaro a seconda della provenienza e della destinazione.

E ancora, il concetto di “nudge” (la spinta gentile), secondo la quale non è vero che le persone, anche quando hanno accesso all’informazione necessaria, decidano sempre nel modo per loro più conveniente: le decisioni sono spesso influenzate dal contesto nel quale vengono prese.

In passato i governi raramente si sono affidati alle scienze del comportamento per impostare l’attività regolatoria. Questo è sempre stato il dominio del diritto con forti collaborazioni da parte dell’economia. Ha cominciato l’amministrazione USA, grazie a B. Obama, che ha segnato una forte discontinuità con il passato: nel 2011 due anni dopo essere stato nominato presidente, Obama emise un Executive Order in cui si invitavano le Agenzie Federali a valutare l’opportunità dell’utilizzo della teoria del nudge e dell’architettura delle scelte nella loro attività di regolamentazione. Questo ha portato ad esempio all’introduzione da parte del governo americano di una serie di misure di successo nella regolamentazione del credito sugli scoperti di conto, sull’overdraft nelle carte di credito e sui down deposit per i mutui. In altre parole, il lavoro di Thaler avvicina le scienze economiche e la finanza, che spesso per mancanza di educazione finanziaria avvertiamo distanti, alla comprensione dei fenomeni che sottendono ai bisogni di tutti i giorni.

In Europa e ancor più nel nostro paese, avvertiamo forte l’esigenza di un’educazione finanziaria che consenta investimenti e risparmi consapevoli. Thaler ha spiegato nella sua ricerca il modo in cui focalizzare le indagini economiche in termini più incisivi su problemi reali e importanti. La teoria di Thaler non indica che settori o titoli privilegiare (anche se alla domanda, Thaler ha indicato il settore fintech), ma consente di formulare la “spinta gentile” per farlo.

In Europa e nel nostro Paese, questo consentirebbe ad una buona parte di denaro dormiente sui conti correnti e al denaro in arrivo dal PNRR, di essere investito nell’economia reale e per questa via consentire una crescita del PIL.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
UnicreditIntesa SanpaoloBanco BPM
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD5TR73
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy