S&P si compra Ihs Markit, big deal da 44 miliardi di dollari

wall street

Attesa per la conferma da parte del rating e index provider di New York. Se l’operazione si dovesse concretizzare sarebbe il deal più corposo del 2020. Le indicazioni pre-market su Ihs Markit vedono il titolo in rialzo del 13%.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

In vista la più grande operazione di M&A del 2020

Nelle ultime settimane dell’anno potrebbe prendere forma la più grande operazione di M&A del 2020. Il rating provider S&P starebbe definendo gli ultimi dettagli dell’accordo per l’acquisizione monstre da 44 miliardi di dollari di Ihs Markit. L’operazione, secondo il Wall Street Journal, potrebbe essere annunciata già oggi. Se il deal dovesse andare in porto nascerebbe il peso massimo dei provider di informazioni finanziarie.

IHS Markit è un fornitore londinese di dati finanziari costituito nel 2016 quando Ihs ha acquistato Markit Ltd per circa 6 miliardi di dollari. Oggi Ihs Markit ha un valore di mercato di circa 36,88 miliardi di dollari e, secondo le stime diffuse da Reuters, nel corso dell’anno ha visto il valore del suo titolo salire del 22%. Le azioni hanno chiuso l’ottava sull’indice di New York scambiate a 92,58 dollari, ma nelle indicazioni pre-market sono in rialzo del 13,42% a 105 dollari.

S&P Global, con sede a New York ha invece una market cap da 82 miliardi di dollari. La chiusura della scorsa settimana ha visto un positivo dell’1,04% in attesa di vedere l’apertura di Wall Street segna un rosso del 2,59%.

Polarizzazione del settore

Non si esclude un attento controllo antitrust alla luce della polarizzazione (in atto da tempo) nel settore delle informazioni finanziarie in mano a pochi soggetti. Si veda il deal da 27 miliardi di dollari del London Stock Exchange per l’acquisizione di Refinitiv, sottoposto a un lungo processo di revisione da parte del Commissario alla concorrenza dell'Unione Europea. Il fermento tra le due sponde dell’Atlantico è confermato anche dall’acquisizione (di taglia decisamente minore) della quota di maggioranza (80%) del provider di rating Esg statunitense Institutional Shareholder Services (Iss), da parte di Deutsche Boerse avvenuta una decina di giorni fa.