S&P sulle banche europee: “l’aumento degli utili non è una panacea”


L’agenzia resta positiva sulle prospettive degli istituti del Vecchio Continente, anche se restano ancora alcuni rischi sistemici e le loro valutazioni risultano inferiori alle principali banche mondiali.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Il report sulle banche europee di S&P Global Ratings

Negli ultimi due anni le banche sono state tra le protagoniste dei mercati grazie a ottime performance, aiutate dal rialzo dei tassi della Bce che le ha permesso di ampliare margini e registrare utili record. Eppure a Standards & Poor’s Global Ratings non abbassa i radar: gli ottimi risultati non sono sufficienti per metterle al riparo dalla tempesta.

Nel report intitolato “European Banks: Cyclical Earnings Boost Is No Panacea”, secondo l’agenzia statunitense l’aumento degli utili delle banche europee rappresenta una “normalizzazione” dei loro profitti, ma non mette fine da solo alla lotta delle banche per coprire il costo del capitale proprio.

Questa impennata degli utili è “probabilmente” arrivata al suo massimo in molti paesi europei, avvisano da S&P, e potrebbe diminuire se le economie, in particolare i tassi di occupazione, dovessero indebolirsi più di quanto previsto, oppure se gli interventi politici dovessero limare ulteriormente i ricavi bancari.

In ogni modo, le prospettive di S&P sulle banche europee restano positive, in quanto la banca si attende “una buona resilienza” per gli istituti del Vecchio Continente e non escludono ulteriori miglioramenti nei rating dove le banche dimostrino un'ulteriore redditività strutturale.

Tuttavia, “i rating potrebbero subire pressioni in caso di perdita di competitività da parte delle banche, di risultati deboli, di instabilità operativa, o qualora riesaminiamo la qualità o la rischiosità della loro concessione di credito”, avvisano dall’agenzia di rating.

Previsioni sugli utili 2023

La redditività delle banche europee dovrebbe resistere bene” alla debolezza economica e alla stretta della politica monetaria, prevedono da S&P, “almeno nel breve termine”.

Le previsioni dell’agenzia indicano che circa i due terzi delle banche europee valutate riporteranno utili lordi più solidi nel 2023 rispetto al 2022, con la maggior parte sostenuta da un forte incremento dei margini di interesse netti (NIM) e da modesti bisogni di accantonamento aggiuntivi che spesso lasciano il costo del rischio ancora ben al di sotto della media a lungo termine per il ciclo.

Di conseguenza, molte banche sono ora inclini a raggiungere il Return on tangible equity (ROTE) di almeno l'8% che ambivano negli anni dei tassi di politica negativi, e alcune supereranno di gran lunga questa cifra.

Tale percentuale, però, è “raramente sufficiente” a coprire il costo del capitale proprio (COE) delle banche europee, in quanto con l'aumento del tasso privo di rischio, il rendimento sui titoli di stato a basso rischio, la maggior parte delle banche commerciali ora aspira a un ROTE (ritorno del patrimonio netto tangibile) superiore al 10%.

I risultati del terzo trimestre delle banche europee, inoltre, “rafforzano la nostra opinione che nel 2023 nel complesso, la redditività è destinata a riprendere a livelli che non vedevamo da molti anni”.

Un 2024 più complicato

Guardando avanti, S&P ritiene che gli utili ciclici potrebbero toccare il picco nel 2023 per molte banche, a causa di una crescita economica tutt'altro che garantita e un costo del rischio destinato a salire, mentre il miglioramento dei margini di interesse netti (NIM) sta rallentando con volumi di nuovi prestiti deboli.

Le banche europee sono diverse nei loro modelli di business e operativi, così come nei mercati in cui operano, ma tutte affrontano sfide legate alla digitalizzazione, all'aumento dei costi operativi e regolamentari, e alcuni mercati sono ‘sovra-bancati’, ovvero vi è un'eccessiva presenza di banche.

Tuttavia, S&P non prevede un grande calo degli utili nel 2024, anche perché molte banche vedranno un aumento dei rendimenti sulle posizioni di copertura che potrebbe compensare i maggiori costi degli interessi.

L’agenzia prevede per il prossimo anno che molte banche riporteranno una performance piatta o leggermente più debole rispetto ai record del 2023.

Rallenta la crescita del Net Interest Margin

Secondo il report, le banche stanno beneficiando del rapido aumento dei tassi di politica monetaria dell'ultimo anno che, finora, non ha generato un aumento dei crediti inesigibili. Non si può, però, parlare di uno scenario univoco, perché gli effetti delle politiche monetarie variano da paese a paese, poiché i mercati bancari al dettaglio e commerciali in Europa rimangono prevalentemente nazionali.

I tassi di politica monetaria sono aumentati più rapidamente in alcune giurisdizioni al di fuori della zona euro mentre la struttura dei prodotti, quella di mercato e le dinamiche competitive differiscono in modo significativo.

Quindi se da un lato le iniziative politiche dell'UE prevedono una riduzione della frammentazione nel settore bancario europeo, dall'altro il forte orientamento verso i mercati nazionali limita la capacità delle banche di distribuire i loro costi su basi di ricavi più ampie. La mancanza di regolamentazioni armonizzate (a livello dell'UE) crea significative inefficienze di risorse per i gruppi transfrontalieri.

L'effetto finale è quello di vedere una redditività che torna sui livelli che non vedevamo da molti anni, ma disomogenei tra paese e paese con la crescita del margine di interesse che ha rallentato in alcuni mercati a causa dell'aumento dei costi di finanziamento delle banche. In uno scenario di buffer patrimoniali elevati e una probabile crescita limitata del bilancio, le distribuzioni agli azionisti stanno aumentando.

Aree di rischio

Se fino ad oggi, il rialzo dei tassi, le pressioni inflazionistiche e la debolezza della fiducia dei consumatori non hanno generato un significativo aumento della disoccupazione dei default, mantenendo elevata la qualità degli attivi delle banche e dunque l’esigibilità dei crediti elargiti, S&P avverte che questa situazione potrebbe non perdurare.

Secondo gli analisti esistono delle aree di rischio in cui i settori aziendali sono sotto pressione, in particolare l'immobiliare commerciale e i segmenti orientati al consumatore.

Le insolvenze aziendali hanno iniziato ad aumentare, elemento che ha portato le bancarotte aziendali dell'UE a tornare ai livelli del 2015.

“I nostri economisti prevedono anche un modesto aumento della disoccupazione in molti paesi europei” e le “nostre previsioni per il costo del rischio nel 2024 tengono conto di questi fattori e del fatto che molte banche europee hanno costituito e mantenuto riserve di sovrapprezzo gestionale in previsione di un peggioramento (vedi grafico seguente)”, si legge nel report.

Nel tempo, “è probabile che i crediti inesigibili e gli addebiti aumentino verso le loro medie storiche e le banche con esposizioni significative a settori problematici vedranno un effetto sproporzionato sulla qualità degli attivi”, ma, “anche se gli oneri per deterioramento superano marcatamente le nostre previsioni, le banche europee sono ora in grado di assorbirli attraverso gli utili prima delle disposizioni” (vedi grafico seguente), aggiungono gli esperti di S&P.

Banche europee ancora indietro

Nel complesso, le storicamente deboli valutazioni prezzo/valore contabile (rapporto P/B) delle banche europee sono migliorate da quando i tassi di politica monetaria hanno iniziato a salire (vedi grafico seguente).

Tuttavia, sembra improbabile che queste valutazioni modeste raggiungano la velocità di fuga e si avvicinino a quelle dei pari globali.

Dal punto di vista del credito, “valutazioni deboli compromettono la flessibilità finanziaria, non ultimo l'accesso a ulteriore capitale, e possono indebolire la fiducia degli stakeholder”, concludono dall’agenzia.


Idea di investimento
Possibile premio del 17% annuo con il certificate su Moderna
Sottostanti:
Moderna Inc
Rendimento p.a.
17%
Cedole
4,25% - €42,50
Memoria
si
Barriera Cedole
100%
ISIN
DE000VM8RPN6
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy