Seco, crescita 2021 confermata e il titolo affonda

seco titolo

La società ha confermato la guidance già comunicata al mercato e le azioni della società hanno aperto la seduta di Piazza Affari in forte calo.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Le stime sui ricavi 2021

Nessuna importante novità dal fronte dei ricavi Seco nell’anno appena concluso. La società, infatti, ha pubblicato questa mattina le sue stime per il 2021, confermando la sua guidance sui ricavi già comunicata al mercato, pari a circa 114 milioni di euro, in crescita del 43% rispetto al 2020.

Particolarmente positivo il risultato relativo all’ultimo trimestre, nel corso del quale la crescita è stata superiore rispetto al mercato, “facendo registrare il miglior trimestre della propria storia in termini di volume d’affari”, spiega la nota di Seco.

Nel dettaglio, il trimestre ha visto ricavi netti per 44 milioni, con un incremento del 108% rispetto allo stesso periodo del 2020 e una crescita organica del 47%.

Il buon andamento, aggiungono dalla società, è dovuto ad una significativa crescita arriva nelle aree a più elevato potenziale, tra cui USA, EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) e Asia Pacific.

A contribuire al risultato è stata la crescita del business SaaS di Clea, con un contributo ai ricavi consolidati di Seco pari a 4 milioni dopo essere stato ufficialmente avviato nel primo trimestre del 2021.

Inoltre, aggiunge la nota, è stata completata l’integrazione di Garz & Fricke, che dal 1° gennaio 2022 opera con la denominazione di Seco Northern Europe, con 12 milioni di ricavi consolidati di contribuzione ai conti societari Seco.

A Milano, intanto, la diffusione delle previsioni arrivata prima dell’apertura di Piazza Affari ha attirato forti vendite sul titolo Seco, crollato di circa il 4% dopo circa due ore dall’avvio delle trattative, portando così al 9% la flessione da inizio 2022.

Un anno di soddisfazioni

Il Ceo di Seco, Massimo Mauri, ha definito il 2021 un anno “pieno di soddisfazioni”, arrivato “nonostante gli impatti della pandemia e dello shortage di materiali”, e anche “grazie alla nostra strategia, continuiamo a registrare un’eccezionale accelerazione del nostro business e ad acquisire nuovi clienti”.

“Siamo ben posizionati per beneficiare delle enormi opportunità di crescita che il settore presenterà nei prossimi anni: siamo infatti solo all’inizio di una grande rivoluzione industriale dove l’utilizzo di tecnologie come l’edge computing, l’AI e il 5G trasformerà la maggioranza dei processi industriali. Consentire ai nostri clienti di migliorare le loro performance, aggiungere valore ai loro prodotti: è questo l’obiettivo di lungo periodo di SECO”, aggiungeva Mauri nella nota.

L’acquisto di azioni proprie

Venerdì scorso, Seco comunicava l’aggiornamento del programma di acquisto di azioni proprie deliberato dal cda lo scorso 11 novembre.

Nella prima settimana del 2022 (3 -7 gennaio), Seco ha acquistato 100 mila azioni proprie al prezzo medio unitario di 8,9580 euro, per un controvalore complessivo di 895.800,64 euro.

A seguito degli acquisti finora effettuati, concludono da Seco, considerando le azioni già in portafoglio, SECO detiene n. 530.000 azioni proprie pari al 0,4799% del capitale sociale.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy