Seco, trimestrale record e previsioni di crescita per il 2023


I risultati preliminari diffusi questa mattina dalla società hanno indicato una crescita importante sia nell’ultimo trimestre 2022 che nell’anno complessivo, spingendo all’ottimismo il management.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Il 2022 di Seco

Trimestre record nel finale del 2022 per Seco, società quotata su Euronext STAR Milan e impegnata nello sviluppo e realizzazione di soluzioni tecnologiche all’avanguardia per computer e sistemi complessi.

Secondo i dati preliminari diffusi questa mattina, l’ultimo periodo dello scorso anno ha visto i ricavi netti di Seco arrivare a 55 milioni, segnando così una crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2021 (45 milioni), registrando così il miglior trimestre della sua storia in termini di fatturato.

L’andamento positivo è legato ad “una significativa espansione nelle aree a più elevato potenziale tra cui l’EMEA, l’APAC e gli USA, oltre che da una crescita del business CLEA, che nel corso dell’anno ha generato ricavi per oltre 18 milioni di euro, con un contributo pari al 9% dei ricavi consolidati”, spiegano dalla società.

Anche grazie alla spinta dell’ultimo trimestre, il 2022 si è chiuso con ricavi di vendita in aumento del 78% rispetto al 2021, arrivando così a 200 milioni di euro e in linea rispetto alla guidance ufficiale comunicata al mercato lo scorso 19 aprile 2022.

La crescita organica annuale è stata pari al 43%, mentre quella like-for-like risulta del 36%.

Previsioni sul 2023

Questa mattina, intanto, il titolo Seco ha aperto tra gli acquisti, arrivando a guadagnare quasi il 2% ad un massimo di 5,76 euro per azione, per poi tornare in parità dopo un breve passaggio in rosso.

I ricavi di pre-chiusura diffusi da Seco, seppure la società ha sottolineato che i risultati definitivi possono subire variazioni a seguito del processo di chiusura e assestamento contabile, hanno portato il Ceo della società, Massimo Mauri, a dichiararsi “soddisfatto del lavoro svolto da tutte le nostre persone in un contesto sfidante come quello attuale”.

“Sono felice di osservare come questa crescita sia distribuita nelle diverse aree geografiche, e di come abbiamo iniziato a raccogliere i frutti dell’integrazione delle realtà di recente acquisizione”, sottolineava il manager, spiegando che “l’espansione della nostra soluzione IoT-AI CLEA ci sta permettendo di implementare la nostra evoluzione verso un modello di Service company: grazie alle nostre tecnologie siamo in grado di offrire soluzioni end-to-end per rispondere ai bisogni di digitalizzazione e di analisi dei dati dei clienti”.

“Osservando le dinamiche di evoluzione del backlog e dell’order intake degli ultimi mesi, possiamo affermare che la domanda rimane solida”, concludeva Mauri, prevedendo che “sulla base di questi dati, contiamo di poter esprimere nel 2023 tassi di crescita sostenuti, già a partire dal primo trimestre per il quale prevediamo un volume d’affari di circa €55- 56M con una crescita organica del 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso”.

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy